$ {alt}
Di Nicole San Roman

Mese del patrimonio dei nativi americani: onorare la storia, la cultura, le credenze e la tradizione

Nelle terre tribali del Nuovo Messico, generazioni di famiglie di nativi americani vivono in case insieme o vicine, in parte per rimanere in contatto con la loro cultura, per parlare la loro lingua e per sostenersi a vicenda. Per molti, vivere a Pueblos significa essere dove appartiene il loro cuore. Ma può anche significare essere lontani dalle cure mediche.

Tahnee Pecos è la direttrice dei servizi sanitari dei nativi americani presso l'ospedale dell'Università del New Mexico. Anche lei viene dal Pueblo di Jemez.

"Crescendo, mio ​​padre viveva con i miei nonni, quindi la mia camera da letto era il soggiorno", ha detto Pecos.

È un'infanzia in cui sa che non tutti possono identificarsi, ma che secondo lei riguarda il mantenimento di un profondo legame con le sue radici.

"C'è così tanto valore nel vivere con i tuoi nonni perché ti viene insegnata la cultura, ti viene insegnata la lingua, ti vengono insegnate le nostre tradizioni, credenze e valori annuali", ha detto.   

Negli ultimi 15 anni Pecos ha aiutato i pazienti nativi americani a onorare questi valori presso l'ospedale UNM, aiutandoli a orientarsi nel sistema sanitario, offrendo servizi ospedalieri e ambulatoriali, nonché supporto culturale e spirituale per le loro credenze tradizionali.

L'UNM Hospital ha un rapporto unico con i nativi americani nel New Mexico. Nel 1952, la contea di Bernalillo e il Bureau of Indian Affairs stipularono un accordo per creare un ospedale dedicato al servizio dei nativi americani nella contea e nella regione circostante. L'ospedale è diventato parte dell'UNM nel 1969. Fin dall'inizio, l'ospedale ha mantenuto il proprio impegno nel fornire il massimo livello di assistenza alla popolazione nativa americana dello stato.

Oltre a supportare i pazienti, Pecos e il team dell'ospedale UNM lavorano con gli operatori sanitari per aiutarli a comprendere la cultura che rende i nativi americani una popolazione di pazienti unica e anche le sfide uniche che devono affrontare.

"Ciò che le persone potrebbero non sapere è quanto lontano o quanto sia lungo il tragitto verso un ospedale", ha detto Pecos. “Vediamo regolarmente pazienti e famiglie che arrivano in ospedale da lunghe distanze e impiegano ore per andare e tornare dai loro appuntamenti. Alcuni pazienti nativi americani devono pianificare la giornata di viaggio sapendo quanto lontano devono andare per ricevere le cure mediche e devono tenere conto di essere ben preparati per cose come il costo del gas e del cibo.

Pecos sa che vivere nelle terre tribali rurali è una scelta, ma vuole aiutare gli altri a capire da dove viene questa scelta.

“Se provieni da una comunità tribale e vivi lì e sei cresciuto lì per tutta la vita, è difficile arrivare in un ambiente urbano”, ha detto Pecos. “È davvero difficile dire loro: 'venite qui perché siete più vicini al supermercato e al sistema sanitario'. Stai dicendo a qualcuno di allontanarsi dal proprio cuore o dal luogo a cui appartiene e di venire in un luogo sconosciuto dove non ha la propria famiglia.

Tenendo presente questa importante influenza culturale, una componente chiave dell'impegno dell'UNM Hospital nei confronti dei pazienti nativi americani consiste nel migliorare l'accesso all'assistenza sanitaria. Fabián Armijo, MHA, è Direttore esecutivo di Diversità, Equità e Inclusione (DEI) presso l'Ospedale UNM.

"C'è così tanto che accade dietro le quinte quando si tratta di accesso", ha detto. "Stiamo lavorando direttamente con i nativi americani per sentire di cosa hanno bisogno in ogni comunità, quali sono le loro lotte, quali sono le loro massime priorità."

C'è così tanto valore nel vivere con i tuoi nonni perché ti viene insegnata la cultura, ti viene insegnata la lingua, ti vengono insegnate le nostre tradizioni, credenze e valori annuali.
- Tahnee Pecos, Servizi sanitari dei nativi americani

Pecos ha detto che queste conversazioni continuano con le comunità tribali tutto l'anno e che c'è un dipartimento dell'ospedale UNM dedicato a fornire ai pazienti le cure di cui hanno bisogno.

"Ogni giorno il personale esamina attentamente i referral, assicurandosi che i pazienti raggiungano i luoghi appropriati e che stiamo evitando che i pazienti cadano nel dimenticatoio", ha affermato.

Inoltre, Pecos ha affermato che i nativi americani del suo team accompagneranno anche i pazienti agli appuntamenti se richiesto per aiutarli a sentirsi più a proprio agio.

"Possono sentirsi a proprio agio e fiduciosi nel sapere che sono supportati dal fatto che esiste un sistema qui all'UNM che supporta i nativi americani", ha detto.

"I nativi americani possono tenere la testa alta quando sono nel nostro ospedale", ha aggiunto Armijo. “Voglio che sappiano che forniremo loro una buona assistenza, ma anche che riconosciamo il loro sacrificio in modo da poter costruire questa istituzione al servizio di così tante persone. Continueremo a lavorare per assicurarci che le persone conoscano quella storia. È molto importante per tutti noi sapere dove è iniziata la nostra storia.

Celebrando il mese del patrimonio dei nativi americani

Parte della celebrazione di quella storia avviene a novembre per il mese del patrimonio dei nativi americani.

Il DEI dell'ospedale UNM, i servizi sanitari dei nativi americani e gli affari dei nativi americani presso il centro medico regionale UNM Sandoval stanno collaborando per ospitare eventi per tutto il mese dedicati a celebrare la cultura dei nativi americani dei pazienti, del personale e della comunità:

Eventi di questo mese!


  • Secondo mercato annuale dei nativi americani dell'ospedale UNM [PDF]
    Sponsorizzato dai servizi sanitari dei nativi americani dell'ospedale UNM
    3 novembre: dalle 10:4 alle XNUMX:XNUMX
    Ospedale dell'UNM BBRP Plaza
  • Gruppo di danza stagionale Cloud Eagle [PDF]
    10 novembre: 12:1 – XNUMX:XNUMX
    Patio del Centro medico regionale UNM Sandoval
    Informazioni sui ballerini: Il gruppo di danza stagionale è stato formato nel 1990 per promuovere le nostre culture e lingue di Jemez e Zuni Pueblo ed è composto da membri di entrambe le tribù. Oltre a partecipare agli obblighi tribali durante tutto l'anno, il gruppo di ballo stagionale canta e balla anche in molte funzioni negli Stati Uniti. I balli includono: la danza del bufalo, la danza del mais, la danza dell'arcobaleno e la danza dell'aquila.
  • Rock i tuoi Mocs [PDF]
    15 novembre: 12:1 – XNUMX:XNUMX
    Ospedale dell'UNM BBRP Plaza
    Informazioni su Rock Your Mocs: l'evento globale è iniziato nel New Mexico e incoraggia i nativi americani a sfoggiare i loro mocassini per un giorno. All'ospedale UNM, i primi 100 partecipanti che si presenteranno in piazza riceveranno un pane, un biscotto o una torta.

  • Gruppo di danza Zuni Olla Maidens [PDF]
    17 novembre: 12:1 – XNUMX:XNUMX
    Ospedale dell'UNM BBRP Plaza
    Informazioni sulle ballerine: Le Zuni Olla Maidens sono un gruppo di danza femminile composto da membri della famiglia. Le donne ballano la danza della ceramica con l'accompagnamento di un tamburo e di un sonaglino femminile. Forniscono una narrazione sul significato delle loro canzoni, sul simbolismo delle loro ceramiche e sul significato delle loro insegne da danza. Condividono anche storie sulle loro esperienze di viaggio in diverse parti degli Stati Uniti e del Canada
  • Ryedale Largo & Dine Navajo/Mescalero Apache Dance Group [PDF]
    30 novembre: 12:1 – XNUMX:XNUMX
    Ospedale dell'UNM BBRP Plaza
    Informazioni sui ballerini: originario di Pinedale, NM, il signor Largo ha dedicato oltre 16 anni alla sua arte. Ora, con questo gruppo di ballo di quarta generazione, rinomato per le sue esibizioni accattivanti che mettono in mostra le danze tradizionali delle loro tribù Navajo e Mescalero Apache.
Categorie: L'impegno della comunità, Notizie che puoi usare, Prima pagina, Ospedale UNM