Traduci
Scansioni cerebrali
di Michael Haederle

Mirare a Tau

Lo scienziato dell'UNM Kiran Bhaskar cerca nuovi metodi di trattamento dell'Alzheimer

Per decenni, i ricercatori della malattia di Alzheimer hanno cercato modi per eliminare le placche appiccicose di una proteina chiamata amiloide-beta che si accumulano sui neuroni nel cervello, ma i farmaci che fanno proprio questo hanno scarso effetto sui sintomi della demenza.

Kiran Bhaskar, PhD, professore associato presso l'Università del New Mexico Dipartimento di Genetica Molecolare e Microbiologia, ha trascorso gli ultimi 20 anni a studiare una proteina diversa, chiamata tau, che normalmente aiuta a stabilizzare i neuroni.

Nel caso dell'Alzheimer e di una serie di altre malattie neurologiche, è noto che la tau si accumula in lunghi grovigli che interrompono la capacità dei neuroni di comunicare tra loro, causando un declino cognitivo nei pazienti.

Bhaskar e altri pensano che prenderlo di mira, piuttosto che l'amiloide-beta, potrebbe essere la chiave per trattamenti efficaci. In un nuovo articolo pubblicato su Rapporti Cellulari, lui e il suo team hanno scoperto che una forma difettosa di tau può innescare una risposta infiammatoria nel cervello che danneggia i neuroni.

I tempi della pubblicazione del giornale sono di buon auspicio: oggi è la Giornata mondiale dell'Alzheimer, e settembre è Mese mondiale dell'Alzheimer, sottolinea Bhaskar.

 

Kiran Bhaskar, PhD
Si prendono cura di tutti i detriti, assicurandosi che il nostro cervello sia pulito.
- Kiran Bhaskari, Dottorato

La ricerca si è incentrata sulle interazioni tra tau e microglia, cellule cerebrali che svolgono un'importante funzione di pulizia rimuovendo dal corpo frammenti di cellule danneggiate. Bhaskar li paragona ai trasportatori di rifiuti: "Si prendono cura di tutti i detriti, assicurandosi che il nostro cervello sia pulito".

Ma a volte le microglia buone diventano cattive. "Quello che succede è che possono diventare canaglia in varie condizioni neurologiche", dice. Queste microglia "canaglia" rilasciano segnali chimici che creano infiammazione nelle strutture cerebrali.

Bhaskar vuole sapere perché le microglia diventano canaglia in primo luogo. La risposta potrebbe avere a che fare con una "tau patologica", una forma mal ripiegata della proteina. "Questa sporcizia si accumula all'interno dei neuroni", dice. "Quando il neurone percepisce la tau, cerca di sputarla fuori".

Quando la tau viene espulsa dai neuroni nello spazio extracellulare, la microglia la contrassegna come anormale e la percepisce come un "segnale di pericolo".

Queste cellule sentinella "possono agire come un'arma a doppio taglio", innescando la cascata infiammatoria mentre cercano di eliminare i detriti cellulari dal cervello, dice. Diventano anche meno efficaci con l'avanzare dell'età, osserva. "Le microglia iniziano a svanire", dice Bhaskar. "Non fanno il loro lavoro in modo efficiente con l'età"

Anche il laboratorio di Bhaskar ha sviluppato e testato un vaccino basato su particelle virus-simili (VLP) che elimina la tau dai neuroni e sembra migliorare la funzione cognitiva - nei topi.

"Bloccare questi grovigli tau con vari mezzi, incluso il nostro vaccino contro l'Alzheimer basato su VLP, è sufficiente per fermare l'infiammazione cerebrale e l'induzione feed-forward della patologia del groviglio - e a sua volta mostrare un miglioramento nel riconoscimento e nella memoria spaziale", afferma Bhaskar.

I topi allevati per sviluppare grovigli di tau nel cervello hanno effettivamente migliorato le loro prestazioni in diversi test dopo aver ricevuto il vaccino, dice.

La fase successiva della ricerca è stata condotta sui macachi, primati il ​​cui cervello assomiglia più da vicino a quello umano. La ricerca condotta finora in collaborazione con l'Università della California, Davis, e il Centro nazionale di ricerca sui primati della California mostra che i vaccini sono sicuri, forniscono una robusta risposta immunitaria contro la tau e non hanno effetti collaterali, afferma Bhaskar.

Categorie: Salute, Ricerca, Facoltà di Medicina, Prima pagina