Traduci
${alt}

Ultimi sviluppi nell'epidemia globale di COVID-19 (coronavirus)

Ecco cosa devono sapere i nuovi messicani

AGGIORNAMENTO 23 APRILE 2020 (6:00)

Il dottor John Marek, chirurgo vascolare e vicepresidente di chirurgia presso il Centro di scienze della salute dell'Università del New Mexico, parla della sua esperienza interagendo con i colleghi in prima linea nell'affrontare la crisi del coronavirus.

AGGIORNAMENTO 5 APRILE 2020 (3:00)

QUERENCIA

----

AGGIORNAMENTO 3 APRILE 2020 (10:00)

La Fondazione UNM crea un fondo per gli operatori sanitari dell'UNMH

Molte persone nella comunità sono alla ricerca di modi per aiutare i nostri medici e il personale che lavorano instancabilmente per prendersi cura dei pazienti durante la crisi COVID-19.

Ora, la Fondazione dell'Università del New Mexico ha lanciato l'UNM Hospital Employee Crisis Relief Fund per ricevere sostegno filantropico a questo scopo.

"Abbiamo creato una pagina delle donazioni in cui le persone possono supportare direttamente questi sforzi", afferma Anndee Wright Brown, direttore senior dello sviluppo della fondazione. "Questo fondo entrerà in vigore durante l'attuale pandemia di COVID 19 e può essere reso disponibile durante altri eventi futuri di crisi".

Il fondo sarà utilizzato per aiutare gli operatori sanitari dell'UNMH con costi aggiuntivi - come vitto e alloggio - che accompagnano le loro lunghe ore di cura dei pazienti ospedalizzati.

Per ulteriori informazioni, si prega di visitare il Sito web della Fondazione UNM.

----

AGGIORNAMENTO 31 MARZO 2020 (10:00)

Mostra il tuo sostegno ai nostri operatori sanitari!

Supportare gli operatori sanitari
Stiamo a casa per loro

Salute dell'UNM, Presbyterian Healthcare Services e Lovelace Health System hanno unito le forze con la squadra di calcio del New Mexico United per supportare i nostri operatori sanitari. Oggi, (martedì 31 marzo), puoi andare al negozio New Mexico United al 3500 Central Ave. SE, (all'angolo tra Central Avenue e Carlisle Boulevard), per donare il sangue e ritirare un cartello che mostra il tuo sostegno dei nostri meravigliosi operatori sanitari che ci stanno prendendo cura in questo momento difficile.

Anche se non riesci ad arrivare al negozio oggi, puoi creare i tuoi cartelli da giardino stampando i file PDF sopra. Inoltre, non dimenticare che puoi donare il sangue in qualsiasi momento recandoti al centro di raccolta del sangue Vitalent al 1515 University Blvd. NE ad Albuquerque, o trovando il tuo centro di donazione locale da visitando il sito Vitalent.

----

AGGIORNAMENTO 30 MARZO 2020 (4:45)

Avviati studi clinici sul coronavirus presso l'ospedale UNM

L'ospedale dell'Università del New Mexico tla sua settimana lancerà i suoi primi due studi clinici su potenziali terapie farmacologiche per curare i pazienti che si sono ammalati a causa del nuovo coronavirus. La mossa fa parte di una spinta urgente a livello nazionale per testare potenziali trattamenti per l'infezione.

Finora quasi 150,000 americani sono risultati positivi all'infezione da coronavirus e più di 2,500 persone sono morte e si prevede un'ondata di nuovi casi nelle prossime settimane. Ma ora stanno diventando disponibili farmaci che potrebbero potenzialmente ridurre la mortalità.

Pazienti UNMH che sono risultati positivi al virus che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana mostrano sintomi di polmonite, può essere offerto un trattamento con remdesivir, un farmaco antivirale prodotto da Gilead Sciences, Inc., ha affermato Richard S. Larson, MD, PhD, vice cancelliere esecutivo e vice cancelliere per la ricerca presso l'UNM Health Science Center.

Michelle S. Harkins, dottore in medicina, capo della Divisione di pneumologia, terapia intensiva e medicina del sonno dell'UNM, sta assumendo la guida di tale studio. "Stiamo lavorando attivamente con Gilead per renderlo operativo entro la fine della settimana", ha detto. "Ho un paziente sul farmaco ora e sto cercando di arruolarne altri".

Remdesivir è stato sviluppato per combattere i virus Ebola e Marburg e ha mostrato una certa attività contro le infezioni da MERS e SARS, che sono legate all'attuale coronavirus.

Pazienti dell'UNMH con un test COVID-19 positivo che lo fanno non se ha la polmonite può essere trattata con una combinazione del farmaco antimalarico idrossiclorochina e azitromicina, un antibiotico.

Sono già in corso studi clinici sull'idrossiclorochina presso la Columbia University, la New York University e la Mayo Clinic.

L'idrossiclorochina, che è anche usata per trattare il lupus e l'artrite reumatoide, è stata un trattamento di prima linea per la malaria per più di 60 anni. Studi di laboratorio hanno suggerito che potrebbe essere efficace contro il nuovo coronavirus.

Il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti ha accettato una donazione di 30 milioni di dosi di idrossiclorochina solfato da un produttore farmaceutico, insieme a un milione di dosi di un composto correlato chiamato clorochina da un altro produttore, per la distribuzione ai pazienti.

E durante il fine settimana, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha emesso un'autorizzazione all'uso di emergenza per consentire la distribuzione e la prescrizione del farmaco a pazienti adolescenti e adulti COVID-19 quando non è disponibile uno studio clinico. Nel frattempo, il National Institutes of Health e altre agenzie federali stanno pianificando sperimentazioni cliniche.

L'idrossiclorochina è stata rilasciata oggi con l'azione della FDA dalle riserve strategiche nazionali per i pazienti negli studi clinici, il che significa che l'UNMH avrà presto una fornitura del farmaco a disposizione per gli studi di ricerca.

----

AGGIORNAMENTO 25 MARZO 2020 (4:00)

Gli infermieri hanno un ruolo importante da svolgere nel limitare la pandemia di coronavirus

Gli infermieri sono in prima linea nella nuova pandemia di cornavirus. Ora è il momento di prendere lezioni da tutto il mondo per aiutare a fermare la diffusione di COVID-19 e mettere in atto misure protettive per proteggere quei lavoratori in prima linea.

Mary Pat Couig, PhD, MPH, RN, professore associato presso l'UNM College of Nursing, si è unito ad altri due esperti infermieri nella preparazione alle emergenze sanitarie e disastri per pubblicare un piano di battaglia affinché gli infermieri intraprendano azioni aggressive per proteggere i colleghi, i pazienti e se stessi.

Il loro articolo, pubblicato su Giornale americano di infermieristica, esorta a soddisfare la domanda anticipata di servizi sanitari dovuta alla pandemia, i sistemi sanitari devono:

  • Attuare piani di emergenza del personale in caso di crisi,
  • Espandere la forza lavoro il prima possibile e
  • Garantire la salute e la sicurezza di tutti gli infermieri attraverso una rigorosa osservazione delle misure di prevenzione e controllo delle infezioni e l'accesso ai dispositivi di protezione individuale.

"Spetta a tutti gli infermieri statunitensi intraprendere azioni aggressive per proteggere i nostri colleghi, i nostri pazienti e noi stessi", scrivono.

-----

AGGIORNAMENTO 25 MARZO 2020 (2:00)

PER FAVORE RESTA A CASA IN MODO CHE I TUOI PROFESSIONISTI SANITARI POSSANO RESTARE AL LAVORO

Molti di voi sono preoccupati per ciò che sta accadendo con il nuovo focolaio di coronavirus e, naturalmente, vogliono aiutare. Puoi aiutare restando a casa e uscendo solo se strettamente necessario. Rimanendo a casa aiuti a fermare la diffusione del virus e ci permetti in ospedale di andare a lavorare e prenderci cura di coloro che hanno più bisogno del nostro aiuto.

EN ESPAÑOL:

CENARE:

VIETNAMITA:

LINGUAGGIO DEI SEGNI AMERICANO:

----

23 MARZO 2020 (2:15)

CURA PER GLI ASSISTENTI

Tutti stanno vivendo maggiore ansia a causa del nuovo focolaio di coronavirus, ma gli operatori sanitari in prima linea il cui compito è fornire assistenza ai pazienti infetti hanno maggiori motivi di preoccupazione.

Elizabeth Lawrence, MD, direttrice dell'Office of Professional Wellbeing presso la UNM School of Medicine, è alla ricerca di modi per aiutare gli operatori sanitari ad alleviare lo stress. Ha distribuito un elenco di risorse digitali a cui gli operatori sanitari possono attingere per alleviare lo stress.

"Se sei in prima linea e sai di essere esposto a persone che potrebbero essere sintomatiche, ti preoccupi di riportarlo alla tua famiglia", afferma Lawrence, che afferma che il benessere professionale dipende dall'efficienza della pratica, un cultura del benessere e della resilienza personale.

"In questa crisi, l'istituzione è stata molto più agile", afferma Lawrence. Le disposizioni recentemente istituite per le consulenze telefoniche, i cambiamenti nell'accesso agli ospedali e alle cliniche UNM e i cambiamenti nel triage hanno creato una maggiore efficienza, alleviando parte dell'onere per i fornitori, afferma.

Lawrence ha organizzato gruppi di supporto online per fornitori e benefattori della comunità hanno organizzato consegne di cibo per fornitori e personale ospedaliero. "Si tratta di promuovere una cultura della gentilezza", dice. "Siamo lì per sostenerci a vicenda in questo momento difficile".

La resilienza personale implica la cura di sé per le persone che mettono a rischio la propria salute e il proprio benessere. "È fare in modo che le persone abbiano un luogo per il debriefing quando sei un fornitore di prima linea", afferma Lawrence. "È il livello di pressione che è estremo e le persone hanno bisogno di un posto dove elaborarlo".

Poiché gli operatori sanitari vedono il loro ruolo come prendersi cura degli altri, possono sentirsi riluttanti a condividere le proprie preoccupazioni e vulnerabilità. "In un momento in cui tutti nel paese sono così ansiosi, non è che puoi chiamare il tuo amico e dirgli quanto ti senti ansioso", dice.

Lawrence sta esplorando la creazione di un forum online limitato ai fornitori in cui possano condividere le proprie preoccupazioni ed esperienze tra loro. Il suo ufficio sta anche cercando di creare uno spazio di arte visiva, dove le persone possano condividere foto o opere d'arte per esprimere i propri sentimenti.

Ha anche condiviso con i colleghi collegamenti allo yoga online e all'istruzione di esercizi, nonché le Headspace che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana Dieci per cento più felici app di meditazione, che offrono entrambi abbonamenti gratuiti a chiunque abbia un numero National Provider Identifier (NPI).

Anche considerazioni pratiche, come trovare assistenza all'infanzia per i dipendenti di livello 1 che devono presentarsi al lavoro in ospedale, sono state una preoccupazione. Jessica Kelly nell'ufficio del Cancelliere Paul B. Roth ha lavorato per creare risorse per soddisfare tale esigenza.

Lawrence pensa che anche il suo ufficio abbia un ruolo da svolgere nel mantenere la comunità HSC socialmente connessa tra loro, anche quando si pratica il distanziamento sociale. "C'è questa idea che il mondo sia così capovolto, quindi che tipo di stabilità, normalità e senso di calma possiamo fornire?"

Come strategia, sta considerando l'organizzazione di club del libro virtuali e cene per studenti. "L'idea è di stare insieme, anche se non possiamo vederci", dice Lawrence.

"Questa pandemia ha focalizzato l'attenzione sul fatto che abbiamo bisogno di una forza lavoro sana", afferma Lawrence. "Se la nostra forza lavoro è fuori in quarantena di 14 giorni, chi si prenderà cura della popolazione? Il modo in cui ci prendiamo cura della nostra salute fisica e mentale è importante. Hai bisogno della tua forza lavoro e devono essere in buona salute".

----

20 MARZO 2020 (9:30)

AGGIORNAMENTO HOTLINE CORONAVIRUS

In un giorno qualunque, il New Mexico Poison and Drug Information Center riceve circa 60 chiamate riguardanti cose come morsi di serpente e overdose accidentali di droga.

Ma dal momento che il centro si è assunto la responsabilità di presidiare la hotline gratuita COVID-19 dello stato, gli specialisti stanno gestendo altre 500 chiamate al giorno da preoccupati New Mexican, afferma la direttrice del centro Susan Smolinske, PharmD.

Chiamate alla hotline - 1-855-600-3453 - ricevono risposta in loco da uno staff ampliato che include studenti del College of Pharmacy dell'Università del New Mexico. Ove appropriato, alcuni chiamanti vengono indirizzati a una linea di consulenza infermieristica, una linea dedicata stabilita per i medici e una linea generale per domande non mediche, ha affermato Smolinske.

L'alto volume ha creato tempi di attesa da sei a otto minuti prima di rispondere alle chiamate, ma se i chiamanti sono pazienti, le loro domande riceveranno risposta. Molte delle chiamate provengono da persone che sono state sottoposte a tampone per il test COVID-19 e stanno cercando i risultati del test, ma il personale addetto alla chiamata non ha accesso a tali informazioni.

"Non dovrebbero chiamare qui per ottenere i risultati dei test", afferma Jacqueline Kakos, consulente di educazione sanitaria per il Centro antiveleni. "Quelli dovrebbero venire dal loro fornitore di assistenza sanitaria."

Kakos aggiunge che tutti dovrebbero diffidare delle chiamate indesiderate di qualcuno che finge di provenire dal dipartimento della salute che promette di rilasciare i risultati dei test del coronavirus in cambio di numeri di previdenza sociale o Medicare.

----

18 MARZO 2020 (2:30)

ATTENZIONE: TRUFFA HOTLINE COVID-19

Tieni presente che ci sono diverse truffe di phishing in cui il chiamante impersona un rappresentante della hotline COVID-19 o di un'altra entità medica. Il truffatore chiede informazioni personali, come il numero di previdenza sociale e la data di nascita, e dice ai chiamanti che devono avere tali informazioni per rilasciare i risultati dei test COVID-19.

I rappresentanti di UNM Health, Presbyterian Healthcare Services e Lovelace Health System vogliono ricordare al pubblico che non chiederemo mai il tuo numero di previdenza sociale. Qualsiasi conferma di un tampone COVID-19 positivo verrà effettuata dalla clinica in cui sei stato visto o dal Dipartimento della Salute del New Mexico.

----

17 MARZO 2020 (5:30)

AGGIORNAMENTO STATO OSPEDALE UNM

Steve McLaughlin, MD, cattedra di Medicina d'Emergenza presso l'Ospedale dell'Università del New Mexico, ci fornisce un aggiornamento su come l'ospedale sta affrontando il nuovo focolaio di coronavirus.

----

17 MARZO 2020 (4:45)

AGGIORNAMENTO -- 18 MARZO (2:15)

UNMH, SRMC INIZIA LE RESTRIZIONI PER I VISITATORI

L'Ospedale dell'Università del New Mexico (UNMH) e il Centro medico regionale di Sandoval (SRMC) hanno implementato restrizioni sui visitatori. In questo momento, stiamo fortemente scoraggiando i visitatori degli ospedali nel tentativo di ridurre le possibilità di diffusione del coronavirus (COVID-19).

La salute e la sicurezza dei nostri pazienti, visitatori, operatori sanitari e personale sono le nostre priorità principali ed è per questo che abbiamo temporaneamente rivisto le politiche sui visitatori dell'UNM e dell'SRMC alla luce del COVID-19.

  • I pazienti in attesa dei risultati del COVID-19 non sono autorizzati ad avere visitatori in questo momento. Incoraggiamo i propri cari a tenersi in contatto con i pazienti per telefono o utilizzando FaceTime, Skype, WhatsApp e altre piattaforme online.
  • I visitatori che sono malati o che non si sentono bene non possono entrare in UNMH o SRMC, a meno che non stiano cercando assistenza.
  • I visitatori possono essere sottoposti a screening per la malattia all'ingresso in ospedale, oppure potremmo misurare la temperatura per escludere la febbre.
  • È consentito un solo visitatore alla volta per ogni paziente adulto non COVID.
  • Tutti i visitatori devono avere almeno 14 anni, a meno che non siano in cerca di assistenza.
  • Circostanze speciali del visitatore -
    • Saranno ammessi due visitatori per paziente per i pazienti pediatrici e per i pazienti sottoposti a cure di fine vita; all'UNMH, questo vale anche per i pazienti in travaglio e parto.
  • I visitatori saranno istruiti a rimanere nella stanza per tutta la durata della visita e a non visitare aree comuni come caffetterie, sale d'attesa, atri e negozi di articoli da regalo.
  • Ai visitatori verrà chiesto di seguire il protocollo di igiene delle mani, utilizzando gel per le mani o acqua e sapone, limitando le superfici toccate prima di entrare nelle stanze dei pazienti.

----

16 MARZO 2020 (3:00)

CONSIGLI E TRUCCHI PER L'ORGANIZZAZIONE DI INCONTRI VIRTUALI

Con così tanti di noi che ora si stanno muovendo verso gli incontri durante la giornata lavorativa "virtualmente" piuttosto che di persona, ti offriamo alcuni trucchi e suggerimenti per rendere questi incontri produttivi e proficui. Puoi trovare molti altri suggerimenti per gli incontri virtuali a questo link: Come organizzare una grande riunione virtuale.

----

14 MARZO 2020 (6:00)
UNM HOSPITAL CREA UN CENTRO DI CURA RESPIRATORIA

L'ospedale dell'Università del New Mexicos ha stabilito una passeggiata-up, 24 / 7 Cura respiratoria centro situato presso il principale Ospedale UNM vicino al Pronto Soccorso. Vogliamo sottolineare che per garantire che ci siano abbastanza kit di test nel New Mexico, testeremo solo individui con sintomi respiratori che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana una storia di viaggi in uno stato con un'epidemia di COVID-19 nota o in un paese di livello 2 o 3, come definito dai Centers for Disease Control and Prevention.

----

14 MARZO 2020 (1:30)

Domande frequenti HOTLINE COVID-19

Il Dipartimento della salute del New Mexico e il New Mexico Poison and Drug Information Center gestiscono una hotline informativa - 1-855-600-3453 - per il pubblico e gli operatori sanitari con domande sul nuovo coronavirus COVID-19.

Cosa fa la hotline:

  • Fornisce indicazioni sulla salute se pensi di avere sintomi del nuovo coronavirus, tra cui tosse secca, febbre alta o mancanza di respiro. Dovresti chiamare prima la hotline prima in cerca di cure mediche.
  • Può raccomandare alle persone di autoisolarsi, in particolare se manifestano sintomi indicativi di infezione da COVID-19. Gli operatori li aiuteranno a determinare il prossimo passo migliore.
  • Offre una guida agli operatori sanitari che cercano di testare un paziente o che hanno domande sul nuovo coronavirus.

Cosa fa la hotline non fare:

  • lo fa non rilasciare autorizzazioni per tornare al lavoro - che spetta al datore di lavoro di ciascun individuo decidere.

Precauzioni per la salute

Il governatore Michelle Lujan Grisham e il Dipartimento della salute del New Mexico stanno scoraggiando fortemente i viaggi non essenziali al di fuori dello stato in questo momento. Nel frattempo:

  • Rimani a casa dal lavoro o dalla scuola se sei malato e chiama la hotline al 1-855-600-3453 se si verificano sintomi di COVID-19.
  • Continua facendo passi di buon senso per proteggere la tua salute e quella degli altri, come coprire la tosse o gli starnuti e lavarti spesso le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi.

Per ulteriori informazioni, visitare il Dipartimento della salute del New Mexico Sito web COVID-19. Per tutte le domande non relative alla salute, chiamare 1-833-551-0518

----

13 MARZO 2020 (1:30)

IL BISOGNO DI DONAZIONI DI SANGUE RIMANE ELEVATO IN MEZZO ALLA PAURA DEL CORONAVIRUS

Come l'ansia che circonda la diffusione del nuovo coronavirus infettivo COVID-19 tocca quasi ogni aspetto della vita americana, le banche del sangue stanno assistendo a un brusco calo delle donazioni, che mette a serio rischio i pazienti che necessitano di trasfusioni.

I medici dell'Università del New Mexico vogliono che le persone sappiano che la necessità di donazioni di sangue per le vittime di traumi e altri pazienti gravemente malati rimane costante e chiedono al pubblico di farsi avanti.

"So che in questi giorni c'è molta paura intorno al coronavirus", ha detto Sonlee West, medico, professore associato e direttore dei servizi traumatologici presso l'UNM Hospital. "Voglio incoraggiare le persone a continuare a donare il sangue o considerare di donare il sangue per i nostri malati di cancro e le vittime di traumi".

Il calo delle donazioni di sangue si fa sentire qui nel New Mexico, soprattutto perché le aziende e le scuole stanno annullando gli eventi programmati per le donazioni di sangue, ha affermato Lizabeth Rosenbaum, dottore in medicina, direttore medico per Vitalent (ex United Blood Services) in New Mexico e Texas.

La regione del New Mexico-Texas ha visto le donazioni delle sue unità mobili di sangue diminuire del 60 percento nell'ultima settimana, ha affermato Rosenbaum, e a livello nazionale, la rete di banche del sangue ha visto un calo del 17 percento nel numero di donatori che arrivano ai centri di sangue.

Le unità mobili di sangue comportano il portare un autobus o un furgone attrezzato per ricevere donazioni a imprese e scuole, e normalmente rappresentano circa il 60 percento della fornitura di sangue, ha affermato Rosenbaum.

"Le aziende affermano che i loro uffici nazionali non consentono loro di eseguire prelievi di sangue", ha affermato. "Altri stanno solo dicendo: 'Siamo spaventati - semplicemente non vogliamo avere unità di sangue.'"

Il calo delle donazioni è pericoloso, perché l'UNM Hospital ha un continuo bisogno di nuove forniture di sangue donato, ha detto Rosenbaum.

"Poiché sempre più unità vengono annullate, questi numeri continueranno a peggiorare", ha affermato. "Poiché le cancellazioni stanno accadendo alla nostra organizzazione a livello nazionale, non sarà possibile portare sangue nella nostra regione".

I pazienti non devono temere l'esposizione al nuovo coronavirus se visitano il Centro di raccolta del sangue vitale presso la 1515 University Blvd NE di Albuquerque, dove sono in atto misure di controllo delle infezioni e procedure per garantire la donazione di sangue sterile sono una pratica standard, ha affermato Rosenbaum.

----

13 MARZO 2020 (11:55)

STARE EMOTIVAMENTE BENE IN MEZZO ALL'epidemia di CORONA VIRUS DEL ROMANZO COVID-19

Il distanziamento sociale è stato dimostrato essere uno dei mezzi più efficaci per arginare la diffusione del nuovo coronavirus COVID-19. Sfortunatamente, il distanziamento sociale - come non partecipare a grandi eventi all'aperto con altre 100 persone - significa anche non avventurarsi tanto in pubblico e non fare alcune delle cose che ti piacciono, come andare al lavoro o in chiesa, e non vedere molti dei persone a cui tieni.

Paradossalmente, il distanziamento sociale rende più difficile trovare supporto sociale in un momento in cui potremmo averne più bisogno. Ma se siamo creativi, possiamo esplorare modi per migliorare il nostro auto-cura. Ecco alcuni suggerimenti da Shawn Sidhu, medico, professore associato presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali dell'UNM, per essere rimasto mentalmente ed emotivamente sano durante questo periodo.

Distanziamento sociale non significa isolamento sociale. Spesso pensiamo: "Vorrei avere più tempo da trascorrere con i miei cari". Ecco la buona notizia: mentre il distanziamento sociale preclude la partecipazione a grandi raduni, potresti effettivamente passare più tempo a tu per tu con la tua famiglia. Considerala come un'opportunità per avere il tipo di conversazioni che sogni. Prova a eliminare i vecchi giochi da tavolo e a fare varie attività insieme. Per chi vive da solo, un grande uso della tecnologia sarebbe quello di raggiungere i propri cari tramite chat video per rimanere in contatto. Lunghe ore di isolamento sono malsane per tutti.

Il distanziamento sociale non significa che non si possa uscire. In realtà, dicono gli scienziati, l'esposizione all'aria fresca aiuta a ridurre la diffusione dei virus. La ricerca sottolinea anche l'impatto positivo dell'esercizio sul sistema immunitario. Quindi prenditi questo tempo per fare escursioni o giocare a palla nel parco, da solo o con i tuoi cari. La cosa migliore è trascorrere almeno un'ora all'aperto. E anche se sei dentro, cerca di tenere le finestre rotte. Potresti sentirti ringiovanito e potrebbe essere una bella pausa dalla febbre da cabina.

Usa questo tempo per connetterti a qualcosa di più profondo dentro di te. Le nostre vite sono così frenetiche che può sembrare che stiamo solo ansimando tra le nostre liste di "cose ​​da fare". Quanti di noi desiderano davvero più tempo trascorso nella riflessione, nell'espressione creativa, nella musica, nella danza, nella pratica spirituale o nella cura di sé? Questo potrebbe essere un buon momento per pensare davvero profondamente a dove ti trovi nella tua vita. Cosa ti fa sentire grato? Stai vivendo una vita sana e significativa che tira fuori la migliore versione di te stesso? Hai bisogno di apportare alcune modifiche?

Mantenere le cose in prospettiva. Di fronte a una minaccia sconosciuta, tendiamo a sentirci instabili e privi di senso di controllo, incapaci di proteggere noi stessi e i nostri cari. Ma mentre potrebbe esserci una certa quantità che semplicemente non possiamo controllare, dovremmo concentrarci sulle cose che può controllo. Ad esempio, è importante seguire le raccomandazioni delle autorità e prendere le dovute precauzioni. Dovremmo concentrarci sul controllo di come noi rispondere a questa situazione - e come comunichiamo al riguardo. Possiamo controllare se rendere questo evento l'intero fulcro della nostra giornata, o invece fare il check-in con una fonte autorevole una volta al giorno. In questo modo, possiamo goderci il resto del nostro tempo con i nostri cari e connetterci alle parti più profonde di noi stessi.

La verità è che ogni giorno è un dono e nessuno di noi sa quanto vivrà. Come vogliamo trascorrere questo tempo che ci è stato donato? Come possiamo vivere in modo tale da non avere più rimpianti in seguito? Come possiamo rimanere nel potere del momento presente e tutta la bellezza che esiste al suo interno?

Se teniamo queste cose in prospettiva, non solo ci sentiremo meglio durante questo periodo difficile, ma possiamo anche gettare le basi per una vita molto diversa in futuro.

----

12 MARZO 2020 (12:30)

APPIATTA LA CURVA

Prendendo protettivo i social misure - annullamento di eventi, lavoro da casa, auto-quarantena, ecc. - può contribuire a rallentare la diffusione di un focolaio come il nuovo coronavirus COVID-19. Scopri di più su cosa significa "appiattire la curva" qui.

#AppiattisciLaCurva

----

11 MARZO 2020 (12:00)

UNM HOSPITAL FORNISCE AGGIORNAMENTO SUL CORONAVIRUS

L'Ospedale dell'Università del New Mexico (UNMH) è stato informato dal Dipartimento della Sanità del New Mexico che esiste un presunto caso di conferma di nuova infezione da coronavirus (COVID-19) da un paziente in una clinica ambulatoriale dell'UNMH. Il paziente ha recentemente viaggiato a New York. A causa di problemi di privacy ai sensi dell'Health Insurance Portability and Accountability Act (HIPAA), non rilasceremo ulteriori informazioni sul paziente.

I nostri medici continuano a seguire tutti i protocolli stabiliti per fornire la migliore assistenza possibile e ridurre la possibilità di diffusione del virus.

Per gli ultimi aggiornamenti e informazioni sul sistema sanitario UNM, visitare il Sala stampa HSC. Per informazioni e linee guida accurate e tempestive relative al COVID-19 negli Stati Uniti e all'estero, visitare il Centers for Disease Control and Prevention.

----
10 MARZO 2020 (2:30)

SCOPRI DI PI SUL ROMANZO CORONAVIRUS

Osman Dokmeci, MD, allergologo e immunologo presso il Centro di scienze della salute dell'Università del New Mexico, discute il ceppo di coronavirus appena identificato e cosa fare se si pensa di poter essere infettati.

----

6 MARZO 2020 (3:XNUMX)

RIDURRE LO STRESS TRA GLI FORNITORI DI ASSISTENZA SANITARIA

Mentre il resto di noi sta setacciando ansiosamente i corridoi della drogheria alla ricerca di salviette disinfettanti e altre necessità domestiche, preoccuparsi di cosa accadrà quando l'epidemia di coronavirus arriverà nel New Mexico colpirà anche gli operatori sanitari.

I dirigenti e il personale dell'ospedale dell'Università del New Mexico sono impegnati a preparare e seguire i protocolli in modo che l'ospedale sia pronto per i pazienti che arrivano con il virus, afferma il capo dello staff Davin Quinn, MD. Stanno anche guardando avanti a come la vita potrebbe cambiare drasticamente.

Ogni giorno si svolgono conversazioni tra gli operatori sanitari su come essi stessi possono prevenire la diffusione della malattia, afferma Quinn. I colleghi, dice, stanno rimuginando sull'incertezza e ripensando ai piani di viaggio.

Stanno chiedendo, dovrei fare quel viaggio d'affari? E i programmi che avevamo per le vacanze di primavera con i bambini?

"Ho l'obbligo e l'impegno di non viaggiare e di essere potenzialmente esposto a qualcuno che potrebbe avere il virus e riportarlo nel New Mexico?" chiede Quinn, che ha programmato un viaggio in un'altra istituzione accademica alla fine del mese.

"Devo scoprire qual è la politica di rimborso per i miei biglietti aerei", dice. "Cosa sta succedendo per le restrizioni di viaggio qui all'UNM, quali sono le restrizioni per i visitatori per il luogo in cui sto andando? E poi devo decidere da solo".

Aggiunge: "Questi sono i tipi di pensieri di cui, letteralmente, parlo con le persone ogni giorno".

Quinn offre i seguenti consigli per gli operatori sanitari:

  • Cerca sempre di ottenere le migliori informazioni possibili da fonti affidabili e sii premuroso da dove prendi le informazioni.
  • Chiedi al tuo supervisore una guida su questioni relative alle restrizioni di viaggio, ecc.
  • "Tutti dovrebbero sapere quali sono i propri limiti e prendersi cura di se stessi", aggiunge Quinn. "Sii sicuro e saggio riguardo alla tua salute."
  • E, se qualcuno ha viaggiato di recente in un paese in cui c'è un grande carico di casi di coronavirus, potrebbe avere senso mettersi in auto-quarantena, con la guida del Dipartimento della Salute o di esperti di malattie infettive.

Ed è importante sapere che i fornitori non sono stressati all'idea di venire al lavoro, afferma Quinn.

"Non ho sentito di nessuno stressato per il fatto di venire a fare il proprio lavoro all'(ospedale)", dice. "Sono sicuro che siamo tutti preoccupati di come sarà il futuro, ma ho molta fiducia nei miei colleghi che quando sarà il momento saremo all'altezza della situazione e faremo il nostro lavoro".

----

5 MARZO 2020 (3:30)

5 cose da sapere/5 cose da fare

Suggerimenti dell'Organizzazione mondiale della sanità sul riconoscimento ed evitare -- Infezione da COVID-19 (Coronavirus)

OMS 5 cose da sapere
Organizzazione Mondiale della Sanità/5 cose da sapere, 5 cose da fare

----

5 MARZO 2020 (3:00)

Un esperto risponde alle tue domande su COVID-19 (Coronavirus)

Ricercatore di malattie infettive UNM Steven Bradfute, PhD, fornisce le ultime informazioni sul coronavirus.

----

4 MARZO 2020 (2:XNUMX)

Come parlare ai tuoi figli del nuovo coronavirus?

Mentre i titoli delle notizie avvertono di una pandemia mondiale intorno alla diffusione del coronavirus COVID-19, non sorprende che molte persone siano tese - e con tutte le incognite i bambini sono particolarmente vulnerabili alle preoccupazioni.

Genitori e insegnanti hanno un ruolo importante da svolgere nel rassicurare i bambini, afferma Shawn Sidhu, medico, professore associato presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali dell'Università del New Mexico e direttore della formazione Programma di borse di studio in psichiatria infantile e adolescenziale.

Per cominciare, è importante sottolineare che i bambini sono i meno suscettibili agli effetti peggiori della malattia respiratoria. E la maggior parte delle persone che manifestano sintomi probabilmente hanno qualcos'altro. "Siamo ancora nella stagione fredda", dice. "Molte persone si ammaleranno e una percentuale molto, molto piccola di loro avrà questo virus".

Sulla base delle ultime informazioni, "Sembra che pochissimi bambini abbiano sintomi gravi", afferma Sidhu. Quelli più a rischio "sembrano essere per lo più anziani o persone con un problema polmonare esistente o persone immunocompromesse".

Ma tra la valanga di copertura mediatica allarmante, quel messaggio potrebbe andare perso, dice.

"La cosa principale con i bambini è che vorrai rassicurarli che sono al sicuro e che stai prendendo precauzioni", dice Sidhu. "E anche se lo capisci, probabilmente starai bene - è sarà come qualsiasi raffreddore che hai avuto."

Sidhu suggerisce ai genitori di adattare le informazioni che forniscono ai propri figli in modo adeguato all'età. Con i bambini in età prescolare, ad esempio, "possiamo parlare della teoria dei germi di base e dell'igiene delle mani".

I bambini delle scuole elementari hanno maggiori probabilità di avere una certa comprensione della malattia e dei suoi effetti. "Per loro, è davvero rassicurante che siano al sicuro", dice Sidhu.

Gli adolescenti offrono un'opportunità unica di insegnamento. "Con i ragazzi delle superiori puoi disegnarli in soluzioni", dice Sidhu. "Potresti chiedere: 'Come classe, cosa faresti?' Puoi convincerli a pensare in modo creativo a come affrontarlo".

Quelle conversazioni offrono anche la possibilità di parlare più in generale di salute, inclusi alimentazione, esercizio fisico, uso di droghe e attività sessuale, dice.

Sidhu osserva che le segnalazioni di pazienti che soccombono al coronavirus potrebbero turbare gli studenti che stanno vivendo un disturbo d'ansia o una grave malattia medica - o coloro che hanno perso membri della famiglia. "Saranno più a rischio, perché toccherà un nervo che è già sensibile", dice.

I genitori dovrebbero assicurarsi che i loro figli mantengano le loro solite routine. "Vuoi davvero mantenere le attività che danno loro quella struttura e qualcosa su cui concentrarsi", dice Sidhu. "Fornisce qualcosa che possono controllare".

E i genitori dovrebbero anche stare attenti a non esporsi a informazioni troppo preoccupanti e a gestire la propria ansia per l'epidemia.

"Il pezzo importante è che non vuoi essere così consumato da non essere presente con i tuoi figli", dice. "Prova a disattivare il ciclo di notizie di 24 ore. Cerca di non farti risucchiare in questa paranoia, perché non sarai in grado di essere lì per i tuoi figli."

Sidhu suggerisce anche che, piuttosto che scansionare ansiosamente siti di notizie, i genitori visitino una fonte di informazioni autorevole, come il Centers for Disease Control and Prevention, una volta al giorno per ricevere gli aggiornamenti. "Non c'è alcun vantaggio nel controllare più di una volta al giorno", dice.

Genitori e figli dovrebbero anche concentrarsi su comportamenti sani e antistress che rafforzano il sistema immunitario e riducono la suscettibilità alle infezioni, anche se esposti al virus, afferma. Questi includono misure familiari, come il lavaggio frequente e accurato delle mani, ma includono anche il consumo di frutta e verdura, il sonno sufficiente e l'esercizio regolare.

Alla fine, dice Sidhu, il consiglio più importante è mantenere le cose in prospettiva. "C'è solo così tanto che possiamo controllare", dice. "Ma quello che posso controllare oggi è godermi questo momento con la mia famiglia".

----

4 MARZO 2020 (11:30)

AGGIORNARE

Nestor Sosa, medico, capo della divisione delle malattie infettive per l'ospedale UNM, condivide l'ultimo aggiornamento sull'epidemia di COVID-19 (coronavirus) in spagnolo.

----

3 MARZO 2020 (5:30)

Meghan Brett, dottore in medicina, L'epidemiologo dell'ospedale dell'Università del New Mexico ci fornisce l'ultimo aggiornamento sull'epidemia di COVID-19 (coronavirus).

----

3 MARZO 2020 (3:40)

Dovrei ottenere ancora il vaccino antinfluenzale?

Scopri perché Walter Dehority, medico, professore associato di malattie infettive pediatriche presso l'UNM Hospital, raccomanda di fare un vaccino antinfluenzale.

----

2 MARZO 2020 (5:30) AGGIORNARE

Meghan Brett, medico, L'epidemiologo dell'ospedale dell'Università del New Mexico ci fornisce l'ultimo aggiornamento sull'epidemia di COVID-19 (coronavirus).

----
28 FEBBRAIO 2020 (8:00)
Che cos'è il nuovo coronavirus (e altre domande frequenti)?
Steven Bradfute, PhD, è un assistente professore presso il Centro per la salute globale e il Dipartimento di medicina interna dell'UNM che studia Ebola, Hantavirus e altre malattie mortali. Ha monitorato da vicino la rapida diffusione del COVID-19 (coronavirus) in tutto il mondo. Qui, risponde ad alcune domande su questa malattia appena identificata.

Da dove viene questo virus?
Ci sono molti coronavirus che infettano l'uomo, quattro dei quali causano il comune raffreddore. Si pensa che i coronavirus più pericolosi, come la sindrome respiratoria mediorientale (MERS), la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e COVID 19, abbiano avuto origine negli animali prima di saltare nelle persone. Nel caso di COVID-19, si pensa che sia dovuto a persone che mangiano animali infetti acquistati in un mercato a Wuhan, in Cina, che vendeva pesce e animali selvatici. I pipistrelli sono un probabile serbatoio del virus, ma alcune ricerche suggeriscono che potrebbe provenire da uno strano animale chiamato pangolino. La SARS probabilmente proveniva da un pipistrello o da uno zibetto e la MERS dai cammelli.

Come si diffonde?
Dopo che il COVID-19 è entrato negli esseri umani, è diventato trasmissibile da una persona all'altra. Quella che si pensa sia la principale via di diffusione è attraverso la via respiratoria: tossire su qualcuno. Le goccioline nella tosse o nello starnuto vengono inalate da un'altra persona e il virus inizia a replicarsi nel tratto respiratorio. Una potenziale via secondaria è la tosse su una superficie e poi qualcuno tocca la superficie e si tocca il naso e gli occhi. Non si sa quante particelle virali sono necessarie per essere infettate - probabilmente non te ne servono molte per essere infettate. Il periodo di incubazione - il tempo che intercorre tra l'infezione iniziale e l'inizio dei sintomi - è in genere da due giorni a due settimane.

Quali sono i sintomi di questa malattia?
In questo momento l'ipotesi migliore è che circa l'80% delle persone avverta pochi o relativamente lievi sintomi simil-influenzali. Circa il 20% si ammala gravemente e alcuni di quei pazienti vengono ricoverati in ospedale. I sintomi includono febbre, tosse e mancanza di respiro. Il tasso di mortalità varia. Dai numeri in Cina e Italia, è dal 2 al 3 percento, ma l'Iran, che ha molti meno casi, riporta circa il 10 percento (questo potrebbe essere dovuto alla sottostima dei casi lievi). La SARS, che è il virus più strettamente correlato al COVID-19, ha avuto un tasso di mortalità del 10%. Per fare un confronto, la recente epidemia di Ebola nell'Africa occidentale ha avuto un tasso di mortalità del 40-45%. L'influenza, che uccide da 20,000 a 30,000 persone negli Stati Uniti ogni anno, ha un tasso di mortalità di circa lo 0.1 per cento. COVID-19 è più alla pari con l'epidemia di influenza del 1918 in termini di mortalità. Se si diffonde, questo è il problema. Questo virus si è diffuso molto più rapidamente della SARS. Più persone si ammalano in un periodo di tempo più breve. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il virus è più trasmissibile o che molte persone non sono super malate, quindi espongono gli altri senza rendersi conto di essere infetti. Non lo sappiamo ancora per certo.

Che tipo di cure esistono per i pazienti a cui è stata diagnosticata questa malattia?
Il principale è la cura di supporto, il trattamento dei sintomi. Ci sono un paio di nuovi trattamenti in fase di test. Uno è Remdesivir, che è stato processato per l'Ebola. Non era superefficace in quel caso, ma mostra una certa attività in laboratorio contro la SARS. Sono sicuro che le persone proveranno questi e altri trattamenti in casi umani, ma non sappiamo se funzioneranno o meno.

Come possiamo controllare la diffusione della malattia?
Il controllo delle infezioni (fermare la diffusione del virus da persona a persona) è un vecchio metodo ed è estremamente efficace se puoi farlo. Uno dei problemi è che ci sono prove che puoi diffondere il COVID-19 prima di avere sintomi. Ci sono anche alcune prove che potresti essere in grado di diffonderlo anche se sei infetto ma non ti ammali. Ma a questo punto non sappiamo se sono le persone malate o non malate a diffondere più spesso il virus.

E i vaccini per proteggere le persone dall'infezione?
Ci sono alcuni vaccini che sono stati progettati e prevedo che entreranno in studi clinici di fase 1 entro pochi mesi. È troppo presto per dire se avremo vaccini efficaci all'orizzonte, ma ci sono molti gruppi che lavorano allo sviluppo di vaccini.

Prevedi che il tasso di nuove infezioni diminuirà con l'avvicinarsi dell'estate?
Le malattie respiratorie in genere tendono a diminuire in estate. Siamo più fuori, non affollati dentro, quindi c'è meno possibilità di trasmissione. Ci sono anche altri motivi per cui i virus respiratori non si trasmettono altrettanto bene in estate. Quindi è una possibilità - ad esempio, la trasmissione della SARS nei primi anni 2000 si è diffusa intorno al mese di maggio. È qualcosa che potrebbe accadere, ma se la trasmissione diminuisce in estate, è possibile che il virus possa tornare in inverno. Ma non credo che sappiamo davvero se ciò accadrà a questo punto.

----

27 FEBBRAIO 2020 (12:00)

Tl'epidemia di coronavirus (COVID-19) che si sta diffondendo in tutto il mondo non ha ancora raggiunto il New Mexico, ma gli esperti dell'UNM Health Sciences stanno prendendo ogni precauzione per organizzare una risposta efficace nel caso in cui appaia qui.

Sebbene la malattia abbia avuto origine in Cina alla fine di dicembre, non è limitata a una particolare popolazione o regione. Sono stati segnalati casi anche in Europa, Medio Oriente e Sud America - e anche in alcuni posti negli Stati Uniti

Epidemiologo dell'ospedale UNM Meghan Brett, dottore in medicina, offre alcune indicazioni di buon senso su come limitare la diffusione della malattia (sono simili alle pratiche in atto per altre infezioni delle vie respiratorie superiori, come l'influenza).

Questi includono:

  • Lavati spesso e accuratamente le mani. I momenti chiave includono dopo aver toccato le maniglie delle porte e altre superfici che vengono frequentemente toccate da altre persone o dopo aver tossito. Usa disinfettanti per le mani.
  • Cerca di ridurre la frequenza con cui ti tocchi il viso: occhi, naso e bocca sono le vie di infezione più comuni. Questo richiede pratica: la maggior parte di noi si tocca il viso dalle 150 alle 200 volte al giorno.
  • Se pensi di essere malato (soprattutto se hai la febbre), resta a casa invece di andare al lavoro. Lì ti riprenderai più rapidamente e proteggerai i tuoi colleghi e i tuoi pazienti dalle infezioni. Ricordati di riposare e bere molti liquidi
  • Quando si tossisce o si starnutisce, coprire la bocca e il naso con un fazzoletto o una manica. Non tossire o starnutire nelle mani. Guarda il nostro video su come coprire adeguatamente la tosse.
  • Tieniti informato. Ogni giorno emergono molti nuovi dettagli sulla diffusione del COVID-19. Di seguito troverai alcuni collegamenti a siti che forniscono informazioni affidabili e aggiornate.

Il messaggio da portare a casa è che dovremmo prendere precauzioni ragionevoli per tutte le malattie virali respiratorie e continuare a essere preparati nel caso in cui il COVID-19 inizi a circolare qui nel New Mexico.

Ma non c'è bisogno di farsi prendere dal panico. Gli operatori sanitari gestiscono questi rischi ogni giorno e dispongono delle competenze e delle risorse necessarie per affrontare questa malattia.

Cristina Beato, dottore in medicina, direttore esecutivo della politica sanitaria dell'UNM, sottolinea che l'epidemia di influenza di quest'anno ha suscitato maggiori preoccupazioni. Nell'attuale stagione influenzale sono morti più di 100 bambini e 16,000 adulti, dice.

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) elenca i seguenti sintomi per influenza:

  • Febbre
  • Tosse
  • Gola infiammata
  • Naso che cola o chiuso
  • Dolori muscolari, incluso mal di testa
  • Sentirsi stanco
  • Vomito e diarrea (di solito più comuni con i bambini)

Secondo il centro per la prevenzione e il controllo delle malattie, COVID-19 i sintomi includono

  • Febbre
  • Tosse
  • Fiato corto

Per saperne di più sugli ultimi sviluppi dell'epidemia di COVID-19, visitare:

Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie

Sito web COVID-19 del Dipartimento della salute del Nuovo Messico

Monitoraggio dei casi globali di Coronavirus COVID-19 di Johns Hopkins CSSE

-----

FEBBRAIO 25, 2020 (3:00) I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ha avvertito gli americani martedì per prepararsi a un focolaio di coronavirus in casa che potrebbe portare a significative interruzioni della vita quotidiana. Il coronavirus è stato osservato solo in pochi luoghi negli Stati Uniti e attualmente non è in corso alcuna trasmissione da persona a persona negli Stati Uniti o nel New Mexico, secondo il dott. Meghan Brett, epidemiologo e medico delle malattie infettive degli adulti dell'UNM Hospitals.

"Questo non è il momento di farsi prendere dal panico, ma piuttosto un momento per prepararsi", afferma il dott. Brett. Raccomanda le seguenti azioni per proteggersi e prevenire la diffusione dell'infezione:

  1. Se hai il raffreddore, copri la tosse.
  2. Lavati regolarmente le mani.
  3. Resta a casa se sei malato.
  4. Fatti vaccinare contro l'influenza.
Categorie: Impegno della comunità, educazione, salute, Notizie che puoi usare, Facoltà di Medicina, Prima pagina