Traduci
${alt}
Di Anthony Fleg, MD

Il superpotere dell'essere presenti

Cosa possono insegnarci i bambini di 2 anni sulla convivenza con il coronavirus?

Mi sono rivolto a mia figlia di 2 anni con una semplice domanda: "Puoi preoccuparti di domani per me?"

Sguardo vuoto.

"Tutto quello che ti chiedo è che ti preoccupi per domani. Segui semplicemente l'esempio di noi adulti che lo facciamo sembrare facile. Ora, puoi farlo per papà? (Non sai dell'ultimo caso di coronavirus?)"

Sguardo vuoto.

Ora, una domanda veloce per tutti noi: quanto di ogni giorno passiamo a preoccuparci del futuro, in particolare per quanto riguarda il coronavirus? Quanta della nostra attenzione è focalizzata su domani, la prossima settimana, aprile, giugno, ecc.?

Vorrei avrei avuto uno sguardo altrettanto vuoto se dovessi chiedere a mia figlia di preoccuparsi di quello che è successo ieri, la scorsa settimana o 30 minuti fa.

Pensa ai bambini della tua vita, della tua famiglia. Ricorda la loro presenza e immagina quale meraviglioso superpotere possiedono: l'incapacità di vivere ovunque tranne il presente. Il loro superpotere sta vivendo il momento.

Questo momento - il capitolo COVID-19 del nostro mondo e delle nostre vite - ci implora di essere più simili ai nostri figli in questo senso.

Essere presenti è una cosa meravigliosa. Allevia lo stress causato dal concentrarsi sui fallimenti del passato e sulle preoccupazioni del futuro. Entrambi i regni sono irraggiungibili, in gran parte immutabili. Ma allo stesso tempo, allettano e stuzzicano le nostre menti in modo tale che spesso ci troviamo ovunque ma nel momento in cui ci concentriamo sul cambiamento di ciò che è già passato o di ciò che potrebbe (o non potrebbe) accadere.

Vivere come i nostri figli modellano così bene, nel momento, ha un'influenza immediata sulla nostra salute e benessere. Eliminare la costante raffica di notizie sul coronavirus e sintonizzarsi su ciò che è prima di te porterà calma, serenità e la sensazione che tutto sia a posto

Ti permetterà di goderti il ​​momento, i piccoli piaceri che i nostri sensi ci offrono, le cose che ci passano davanti quando ci perdiamo da qualche altra parte nel continuum temporale. Il tocco di un anziano, l'odore di un albero da frutto in fiore, il modo in cui il vento si sente contro la nostra guancia - apriti al presente ed è tutto lì per te.

Basta chiedere ai bambini di 2 anni.

In questo momento in cui, più che mai, abbiamo bisogno di essere presenti per la famiglia, gli amici, i vicini, i colleghi e la nostra comunità più ampia, non c'è posto più importante da cui iniziare che lavorare per essere più presenti. Quando arriva quella telefonata - una voce frenetica e preoccupata dall'altra parte - hanno bisogno di un "tu" che sia radicato in ciò che is. Non quello che era. Non quello che potrebbe diventare. Ma fondato su cosa? is al momento.

Una semplice richiesta per oggi: riaccendiamo quel superpotere dei nostri figli. Mettiamo da parte i feed di notizie costanti e i post sui social media su un mondo senza TP. Tutto ciò distrae dal dono che è il presente. Cerchiamo di essere più consapevoli di riportare dolcemente il treno dei pensieri al momento in cui inizia a portarci altrove.

Immagino di venire dal mio bambino per un consiglio, e invece di fissare lo sguardo vuoto, questo è quello che sentirei: "Papà, guardati respirare. Presta attenzione alla sensazione di "essere". Innamorati del momento in cui sei dentro, perché non lo riavrai indietro."

"Ora, papà, puoi scavare nella sporcizia con me? Gioca - questo è mio Altro superpotenza."

Categorie: Impegno della comunità, educazione, salute, Notizie che puoi usare, Facoltà di Medicina, Prima pagina