Traduci
${alt}
di Luke Frank

Angus è in casa

Artista trasporta piccoli pazienti da malattie del cancro

La missione di Angus Macpherson è rompere una giornata grigia fatta di acciaio e vinile, aghi e flebo, prodotti chimici e medicinali. Usa colori, trame e forme per distrarre i piccoli malati di cancro dell'UNM Children's Hospital. Sa che è più che divertente: è curativo.

Un raro artista residente in oncologia pediatrica, Macpherson comprende il valore dell'arte in medicina a livello fisiologico: abbassamento della frequenza cardiaca, aumento dell'ossigenazione, riduzione delle ansie, diminuzione del dolore e miglioramento della fiducia e della comunicazione, tra gli altri. Ma per lui, si tratta di creare quel momento speciale di concentrazione, gioia e distrazione che trasporta i bambini afflitti dal peso della loro giornata.

"C'è un artista in ognuno", dice Macpherson. "Ho fatto centinaia di piccoli amici qui e abbiamo creato alcuni progetti meravigliosi. Mi piace molto l'arte continua - come disegnare un fumetto che non finisce mai, o costruire una nave pirata che nel corso di mesi o anni i bambini possono aggiungere il loro tocca."

Supportato dal Children's Cancer Fund del New Mexico, Macpherson è un maestro dell'impegno. Attira sottilmente i bambini in chemioterapia in progetti - come realizzare maschere o ornamenti per le vacanze - piuttosto che costringerli a contribuire o interagire. È una danza delicata. "Può essere difficile competere con la televisione e i videogiochi", ammette. "A volte ci vuole un po' di tempo, ma quasi sempre tornano".

A Maya, una brillante paziente di due anni di Santa Fe, è stata diagnosticata sei mesi fa una leucemia linfoblastica acuta pre-b. Ha preso a Macpherson all'istante. "Abbiamo incontrato Angus mesi fa durante uno dei primi trattamenti di chemio di Maya", dice la madre di Maya, Lauren Huston. "Non vediamo l'ora di vederlo. È sicuramente una forza molto calmante e distraente per Maya, ma anche per noi".

"Sappiamo che quando verremo a visitare l'UNM Hospital, Angus sarà lì per interagire e farci sorridere", aggiunge il padre di Maya, Rob Salviotti. "Maya ha giorni molto buoni e molto cattivi in ​​ospedale, e quando è in difficoltà, Angus è particolarmente utile. È magico."

Macpherson si scrolla di dosso le lodi. "Quello che faccio mi aiuta in molti modi: imparo a conoscere l'arte con questi bambini", dice. "Vedo i pistoni sparare dietro i loro occhi. Diventano davvero interessati e divertiti in ciò che possono fare. Espande la tavolozza degli artisti, per loro e per me".

Macpherson, un nativo di Albuquerque, riconosce quella scintilla dalla sua stessa infanzia. "Volevo essere un artista fin da quando ho memoria", dice. Dopo aver conseguito la laurea in economia presso UNM, Macpherson ha trascorso un po' di tempo come graphic designer nella pubblicità, ma è stato un artista a tempo pieno negli ultimi 30 anni circa, concentrandosi sui paesaggi acrilici.

"Ho sempre avuto molte idee diverse sull'arte", riflette Macpherson. "L'idea di poter creare un ambiente con un bambino sofferente che fornisca una distrazione totale e completa durante i lunghi trattamenti di infusione lo rende più prezioso di qualsiasi cosa io possa mai vendere in una galleria".

Categorie: Salute, Prima pagina