Traduci
${alt}
di Michael Haederle

Cerca una cura

UNM Hospital lancerà sperimentazioni cliniche per trattamenti COVID-19

L'ospedale dell'Università del New Mexico questa settimana lancerà i suoi primi due studi clinici su potenziali terapie farmacologiche per curare i pazienti che si sono ammalati a causa del nuovo coronavirus. La mossa fa parte di una spinta urgente a livello nazionale per testare potenziali trattamenti per l'infezione.

Finora quasi 150,000 americani sono risultati positivi all'infezione da coronavirus e più di 2,500 persone sono morte e si prevede un'ondata di nuovi casi nelle prossime settimane. Ma ora stanno diventando disponibili farmaci che potrebbero potenzialmente ridurre la mortalità.

Pazienti UNMH che sono risultati positivi al virus e mostrano sintomi di polmonite, può essere offerto un trattamento con remdesivir, un farmaco antivirale prodotto da Gilead Sciences, Inc., ha affermato Richard S. Larson, MD, PhD, vice cancelliere esecutivo e vice cancelliere per la ricerca presso l'UNM Health Science Center.

Michelle S. Harkins, MD, capo della Divisione di pneumologia, terapia intensiva e medicina del sonno dell'UNM, sta assumendo la guida di tale studio. "Stiamo lavorando attivamente con Gilead per renderlo operativo entro la fine della settimana", ha detto. "Ho un paziente sul farmaco ora e sto cercando di arruolarne altri".

Remdesivir è stato sviluppato per combattere i virus Ebola e Marburg e ha mostrato una certa attività contro le infezioni da MERS e SARS, che sono legate all'attuale coronavirus.

Pazienti dell'UNMH con un test COVID-19 positivo che lo fanno non se ha la polmonite può essere trattata con una combinazione del farmaco antimalarico idrossiclorochina e azitromicina, un antibiotico.

Sono già in corso studi clinici sull'idrossiclorochina presso la Columbia University, la New York University e la Mayo Clinic.

L'idrossiclorochina, che è anche usata per trattare il lupus e l'artrite reumatoide, è stata un trattamento di prima linea per la malaria per più di 60 anni. Studi di laboratorio hanno suggerito che potrebbe essere efficace contro il nuovo coronavirus.

Il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti ha accettato una donazione di 30 milioni di dosi di idrossiclorochina solfato da un produttore farmaceutico, insieme a un milione di dosi di un composto correlato chiamato clorochina da un altro produttore, per la distribuzione ai pazienti.

E durante il fine settimana, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha emesso un'autorizzazione all'uso di emergenza per consentire la distribuzione e la prescrizione del farmaco a pazienti adolescenti e adulti COVID-19 quando non è disponibile uno studio clinico. Nel frattempo, il National Institutes of Health e altre agenzie federali stanno pianificando sperimentazioni cliniche.

L'idrossiclorochina è stata rilasciata oggi con l'azione della FDA dalle riserve strategiche nazionali per i pazienti negli studi clinici, il che significa che l'UNMH avrà presto una fornitura del farmaco a disposizione per gli studi di ricerca.

Categorie: Impegno della comunità, educazione, salute, Notizie che puoi usare, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina