Babbo Natale sul tetto dell'UNMH
Di Nicole San Roman

Babbo Natale volerà all'ospedale pediatrico dell'UNM

Cattivo o buono? Non c'è dubbio che i bambini dell'ospedale pediatrico dell'Università del New Mexico siano tutti nella "lista dei buoni!" E quest'anno Babbo Natale farà un viaggio speciale per vederli!

Il 15 dicembre, Babbo Natale parcheggierà le sue renne all'Atlantic Aviation e scambierà la sua slitta con un giro in elicottero con la squadra di bagnini dell'UNM per volare all'ospedale pediatrico dell'UNM dove consegnerà giocattoli e scatterà foto con i bambini che molto probabilmente trascorreranno il loro Natale nell'Atlantic Aviation. Ospedale. È una tradizione annuale iniziata nel 2016.

Vogliamo che ogni bambino in ospedale sappia che Babbo Natale non si dimenticherà di loro.
- Ana Bacone, Direttore di Child Life, Ospedale pediatrico UNM

Ana Bacon è la direttrice del reparto Child Life presso l'ospedale pediatrico UNM. "Vogliamo che tutti i bambini dell'ospedale sappiano che Babbo Natale non si dimenticherà di loro", ha detto. “Babbo Natale, i suoi elfi e le renne faranno in modo che tutti i bambini, compresi quelli dell’ospedale, ricevano visita”.

Bacon lavora in ospedale ormai da 20 anni e dice che lo sguardo sui volti dei bambini quando arriva Babbo Natale non invecchia mai. 

"Quando i bambini sono nelle loro stanze, è come se la celebrità per eccellenza varcasse la porta", ha detto Bacon. “Quando vedono Babbo Natale è così dolce e genuino. È così commovente sapere che tutti mettono insieme questo per i bambini e le loro famiglie. 

Il retroscena di Babbo Natale

Per l'uomo in abito rosso quest'anno, chiamato affettuosamente "Santa Bill", le visite all'ospedale pediatrico dell'UNM sono un dono per lui e per i suoi elfi così come lo sono per i bambini che incontra. Visita i bambini ad Albuquerque ormai da più di dieci anni.

Tutto è iniziato dopo un giro al negozio di alimentari per il Cile verde poco più di 13 anni fa.

“La mia barba era diventata un po’ lunga e ispida. E stavo camminando e c'era una signora che spingeva un carretto con un bambino", ha detto Babbo Natale. 

Mentre passavano, il bambino disse: “Ciao Babbo Natale!” La madre, chiaramente imbarazzata, ha detto al ragazzo di non chiamarlo così. 

“Ho detto: 'No, va bene; va tutto bene' e ho pensato 'sai, la mia barba era diventata bianca e se mi guardavi nel modo giusto, immagino che assomiglierei a Babbo Natale'", ha detto.

Fu più tardi, quando indossò un cappello rosso, che avvenne la magia.

Cavolo, sembro Babbo Natale! Ebbene, cosa ne farò? Cosa posso fare con questo che potrebbe essere utile e costituire un’opportunità per restituire qualcosa alla comunità?
- Babbo Natale, Visita all'ospedale pediatrico dell'UNM

“Ho detto: 'Dannazione, sembro Babbo Natale! Ebbene, cosa ne farò? Cosa posso fare con questo che sarebbe utile e sarebbe un’opportunità per restituire qualcosa alla comunità?'”

articolo-a-santa-childrens-hospital.jpg

Fu allora che Santa Bill decise di iniziare a chiamare gli ospedali locali di Albuquerque, offrendosi di venire a trovare sia i bambini che gli adulti durante le festività natalizie. Il resto è storia. La prima visita di Babbo Natale è stata un viaggio in moto all'ospedale Carrie Tingley dell'UNM per Natale nel luglio 2011. Successivamente ha fatto parte dei primi voli per l'ospedale pediatrico dell'UNM con l'UNM Lifeguard.

Dice che il suo obiettivo principale è visitare i bambini che, a causa delle loro circostanze, altrimenti non potrebbero incontrare Babbo Natale e i suoi elfi.

 "Sono felice di farlo, indossare l'abito rosso e ho la fortuna di avere molti amici, solo persone con un cuore enorme che hanno donato animali di peluche nel corso degli anni e si sono offerti volontari come elfi."

articolo-b-santa-childrens-hospital.jpg

Gli elfi dell'ospedale pediatrico dell'UNM includono squadre dell'UNM Lifeguard, dei TriCore Reference Laboratories, della Goldwing Road Riders Association che continuano a donare nuovi animali di peluche e i numerosi volontari dell'ospedale.

Babbo Natale fa visita anche a quelli che chiama i "ragazzi adulti" nelle comunità di pensionati, al VA Hospital e al centro per senzatetto di Albuquerque Joy Junction.

"L'obiettivo è aiutarli a sentirsi come se qualcuno li ricordasse nel periodo natalizio e portare loro un po' di allegria", ha detto.

Ma ha detto che sono le visite ai bambini in ospedale che lo colpiscono di più.

“Ti riempie il cuore e allo stesso tempo lo spezza”, ha detto. “Più volte di quanto possa contare, sento i bambini dire 'Voglio solo migliorare'. Voglio solo sentirmi di nuovo bene.'”

Dice di aver incontrato genitori che stanno solo cercando di tenere insieme le cose per i loro figli. "A volte cadono tra le tue braccia in lacrime perché è un peso enorme avere una persona cara in ospedale."

articolo-c-santa-childrens-hospital.jpg

Quest'anno Babbo Natale spera che lui, la signora Claus e i suoi elfi contribuiscano a far sentire un po' meglio i bambini e le loro famiglie dell'ospedale pediatrico UNM, portando giocattoli e speranza.

“Sappiamo che non è questo il luogo in cui un bambino vuole essere durante le vacanze, ma possiamo provare a tirarlo su di morale, rallegrare la sua giornata e farlo sentire speciale. I bambini possono dire: "Babbo Natale è venuto a trovarmi e ha portato i suoi elfi e ho delle foto che lo dimostrano". Allora abbiamo davvero fatto qualcosa di positivo per loro”.

E sta facendo qualcosa di buono anche per Babbo Natale.

“Ho potuto ricominciare a credere in Babbo Natale e mi assicuro di fare tutto il possibile per renderlo reale nella vita di tutti coloro che visito. L’innocenza che deriva da un bambino che crede in Babbo Natale e crede nella magia e nel motivo del Natale è semplicemente una cosa meravigliosa”.

Esclusiva Babbo Natale uno contro uno!

Categorie: Ospedale pediatrico, L'impegno della comunità, Prima pagina