$ {alt}
Di Elizabeth Dwyer Sandlin

Trovare il tuo percorso professionale nel settore sanitario: la passione di un medico dell'UNM

Nella primavera del 2024, gli aspiranti professionisti sanitari si riuniranno ancora una volta nello Student Union Building dell'Università del New Mexico per l'8th Simposio annuale delle professioni sanitarie dell'UNM. Progettato per gli studenti in tutte le fasi del loro percorso, dalle scuole superiori ai professionisti dell'apprendimento, l'evento offre un'opportunità centralizzata per esplorare le proprie passioni, scoprire vari percorsi in un campo prescelto e conoscere le realtà e le sfide di un'istruzione e di una carriera nel settore sanitario cura. 

Il viaggio per scoprire quella passione nell'assistenza sanitaria può essere complesso e pieno di colpi di scena, come sa bene il fondatore del Simposio sulle professioni sanitarie dell'UNM, James McKinnell, MD. Il percorso di McKinnell verso la UNM School of Medicine è stato l'ispirazione alla base della creazione di un evento per coloro che aspirano a una carriera nel settore sanitario.

Vogliamo aiutare gli studenti a superare tutto ciò che potrebbe impedire loro di trarre vantaggio da questo evento o di percorrere il complesso percorso per entrare in uno qualsiasi dei programmi delle professioni sanitarie.

- James Mc Kinnell, MD, Scuola di Medicina dell'UNM

"L'obiettivo è eliminare quante più barriere possibili", ha affermato McKinnell, MD, professore di oncologia ematologica pediatrica presso la Scuola di Medicina dell'UNM. “Vogliamo aiutare gli studenti a superare tutto ciò che potrebbe impedire loro di trarre vantaggio da questo evento o di percorrere il complesso percorso per entrare in uno qualsiasi dei programmi delle professioni sanitarie. Cerchiamo di riunire quante più informazioni e quante risorse diverse in un giorno sotto lo stesso tetto, e questo rende il simposio una risorsa incredibile in sé e per sé.

Il simposio, della durata di un giorno, prevede 90 workshop diversi, con argomenti che vanno dalla preparazione ai colloqui alla farmacia moderna, dalla salute indigena alle scienze biomediche, solo per citarne alcuni. Ancora più importante, l'evento è gratuito e aperto a chiunque stia intraprendendo o considerando una carriera nel settore sanitario.

Il viaggio professionale di McKinnell

A prima vista, il percorso professionale di McKinnell sembra essere tradizionale: facoltà di medicina presso l'Ohio State, residenza al St. Vincent's Hospital di New York e una borsa di studio in oncologia pediatrica alla New York University. Ma uno sguardo più attento mostra che la strada per diventare medico è stata lunga e tortuosa, con alti e bassi lungo il percorso. Dopo aver iniziato la sua formazione in scienze politiche e un periodo di sei mesi alla scuola di specializzazione in economia, McKinnell abbandonò gli studi, lasciò il Colorado e si trasferì a New York.

“Era il 1970”, ha detto McKinnell, “quindi mi sono trasferito a New York principalmente perché a quel punto stavo cercando di capire cosa significasse essere gay e tutto quel genere di cose. Il primo lavoro che ho svolto è stato insegnare lezioni di nuoto a persone che avevano paura dell'acqua in un centro benessere privato a Manhattan. E mi è piaciuto farlo. Ho avuto successo con molte persone, aiutandole a superare la paura dell’acqua e a imparare davvero a nuotare”.

Nonostante quel successo, non era possibile guadagnarsi da vivere facendo il lavoro di bagnino. Dopo aver contattato un'agenzia di collocamento che per prima cosa aveva cercato di inserirlo come agente di recupero delle auto, McKinnell ha ottenuto un lavoro presso un'associazione di categoria che macinava numeri tutto il giorno. Persino uno dei vicepresidenti di quella società capì che non si trattava di una soluzione a lungo termine per McKinnell. In effetti, ha portato McKinnell fuori a pranzo e glielo ha detto.

"Si chiamava Scott, stavamo mangiando sushi: è stato davvero un giorno memorabile", ha detto McKinnell. "Scott inizia dicendomi che sto facendo davvero un buon lavoro, 'ma penso che tu debba trovarti un nuovo lavoro.' Il che, ovviamente, pensavo significasse che mi avrebbe licenziato. Ma invece, ha detto, "non c'è nessuna posizione in questa azienda che troverete soddisfacente". Non ti renderà mai felice. Quindi, devi capire di cosa si tratta e poi andare a farlo.'” 

Ispirato da questa sorprendente svolta degli eventi, McKinnell pensò ai suoi studenti di nuoto: quanto amava aiutarli e quanto era bravo in questo. Alimentato da queste riflessioni, McKinnell tornò in Ohio, ottenne i prerequisiti necessari e fece domanda alla facoltà di medicina. Non è entrato. Quindi ha seguito altri corsi, ha trovato lavoro in un ospedale e ha fatto nuovamente domanda. Questa volta è entrato.

“Quando fui accettato alla facoltà di medicina, avevo 28 anni, e nel 1981 fu un grosso problema! Gli studenti non tradizionali non esistevano”, ha detto McKinnell.

Entrare nella facoltà di medicina è stato solo il primo passo. C'erano ancora molte strade in salita da percorrere nel viaggio di McKinnell. Ha avuto un primo anno di medicina incredibilmente difficile e ha dovuto ripetere l'anno accademico dopo non aver superato un esame critico. Durante il suo tirocinio, McKinnell ha cambiato marcia dalla riabilitazione alla pediatria e ha dovuto ricominciare da capo con un tirocinio completamente nuovo per assicurarsi una residenza pediatrica. Per circostanze ancora più attenuanti, McKinnell finalmente approdò alla New York University con una borsa di studio in ematologia e oncologia pediatrica. 

Dopo aver completato la borsa di studio, McKinnell è stato invitato a lavorare in un programma di oncologia pediatrica presso il Brooklyn Hospital Center. Per 10 anni, McKinnell ha contribuito a prendersi cura di circa 500 bambini affetti da anemia falciforme. Un volume così elevato di pazienti nel piccolo ospedale privato significava che i fornitori si trovavano costantemente in una situazione di troppo lavoro da svolgere senza risorse sufficienti. Il burnout iniziò a manifestarsi e McKinnell fece fatica a soddisfare le infinite richieste.

Venendo all'UNM

Il destino è intervenuto sotto forma di lettera. Al loro ufficio è arrivata una mail nazionale, che descriveva in dettaglio una posizione presso il gruppo di oncologia pediatrica dell'UNM. È stato il collega di McKinnell ad aprire quella lettera e a dire: "oh, c'è una posizione ad Albuquerque". Originaria dell'India, le piaceva pronunciare parole sconosciute ad alta voce, e McKinnell sospetta che tutte quelle domande sembrassero una sfida divertente, perché una volta pronunciata la parola, il suo collega gettò la lettera nella spazzatura.

McKinnell è cresciuto in Colorado e, sebbene non fosse mai stato ad Albuquerque, era stato a Santa Fe. Ha ripescato la lettera dalla spazzatura, ha fatto alcune telefonate, ha avuto alcune conversazioni importanti e ben presto lui e il suo partner si sono ritrovati a fare le valigie nel loro appartamento di New York nel settembre del 2001. E McKinnell si è ritrovato a prendere ancora un altro percorso tortuoso.

“Eravamo a New York l’9 settembre. Quella mattina ero sulla metropolitana che passava sotto il World Trade Center mentre andavo al lavoro. Sono uscito dalla metropolitana di Brooklyn e ho guardato in alto nel cielo e c'era un pennacchio di fumo nero sopra la mia testa e sirene come non avevo mai sentito prima", ha detto McKinnell. “Abbiamo lasciato New York circa una settimana dopo. Avremmo dovuto prendere l'aereo, ma abbiamo deciso che non ci sentivamo a nostro agio a volare fuori dall'aeroporto LaGuardia, dove c'erano guardie nazionali armate di mitragliatrici. Quindi, abbiamo fatto un viaggio e siamo andati nel New Mexico.

Dopo 10 anni di pratica in due a Brooklyn, diventare il settimo membro della squadra nel New Mexico ha cambiato radicalmente la vita di McKinnell. Non solo creando più respiro nella sua pratica clinica con i pazienti, ma anche fornendogli più tempo e opportunità per insegnare. È stato attraverso una di queste opportunità che McKinnell ha iniziato a colmare il divario tra il campus centrale dell'UNM e l'offerta di scienze sanitarie nel campus nord.

 

Creazione del Simposio delle Professioni Sanitarie dell'UNM

 Attraverso l'University College, esisteva un'unità chiamata programma Learning Communities, che sollecitava idee per seminari da parte dei docenti. Avendo percorso lui stesso un percorso così indiretto verso la medicina, McKinnell ha organizzato un corso per aiutare gli studenti a capire come accedere a una carriera nel settore sanitario. Poiché inizialmente l'attenzione era rivolta alla facoltà di medicina, il seminario si chiamava "Quindi vuoi diventare un dottore?" Alla fine diventerebbe il corso che è oggi: “Quindi vuoi lavorare nel settore sanitario?” Una combinazione di consulenza accademica, esplorazione della carriera e costruzione di rapporti con professionisti del lavoro, il seminario è stato il piccolo seme piantato che alla fine sarebbe cresciuto nel Simposio sulle professioni sanitarie.

"La mia convinzione è sempre stata che all'Università del New Mexico vogliamo andare oltre il reclutamento dei figli di professionisti in programmi professionali", ha affermato McKinnell. “Vogliamo sviluppare una forza sanitaria che rifletta davvero la popolazione del nostro stato. E quando ho iniziato a insegnare, mi sono reso conto che ci sono molti ragazzi che vogliono fare carriera nel settore sanitario ma semplicemente non sanno come passare dal punto A al punto B”.

McKinnell ha affermato che una delle parti più gratificanti del suo lavoro all'UNM è stata quella di lavorare con studenti che altrimenti non avrebbero potuto accedere a un programma per le professioni sanitarie. Dopo diversi anni di insegnamento del seminario, ha iniziato a pensare ad una sorta di fiera delle carriere sanitarie, per raggiungere più studenti su scala più ampia. Ha imparato rapidamente che docenti e personale devono pagare per prenotare lo spazio per eventi nell'edificio del sindacato studentesco (SUB), e così ha condiviso la sua idea nel campus per cercare di aumentare l'interesse e quindi i finanziamenti. Il che si è rivelato irrilevante, poiché una giovane donna della società pre-medicina ha informato McKinnell che le organizzazioni studentesche possono utilizzare il SUB gratuitamente. Nasce così il Comitato Simposio sulle Professioni Sanitarie.

Il comitato iniziale era composto da circa 12 studenti. Ora, otto anni dopo, il comitato conta 40 studenti, con sei diversi sottocomitati che lavorano su vari aspetti dell'organizzazione dell'evento. Con quasi un decennio di simposi completati, è diventato una sorta di evento a tutto tondo.

"Un certo numero di studenti che hanno fatto parte del comitato nel corso degli anni hanno continuato la loro vita professionale, e molti di loro ora tornano per presentare al simposio", ha detto McKinnell. “Li aiuta a comprendere il valore delle loro esperienze sia come studenti che come professionisti. Possono ripensare alle informazioni di cui avevano bisogno come studenti e quali intuizioni vogliono condividere ora: è emozionante da vedere. È davvero fantastico assistere alla loro crescita ed evoluzione come professionisti sanitari che partecipano alla comunità che hanno contribuito a costruire”.

Registrati ora!

Sono aperte le iscrizioni per l'8th Simposio annuale sulle professioni sanitarie, che si terrà il 13 aprile 2024 presso lo Student Union Building dell'UNM.

Categorie: L'impegno della comunità, Prima pagina