Traduci
Operatori sanitari UNM e Navajo Nation
di Michael Haederle

Soccorso rurale

UNM EMS Medical Direction Consortium affronta la sfida di fornire una guida medica per i primi soccorritori della nazione Navajo

Fornire servizi medici di emergenza sulla Navajo Nation – che si trova a cavallo di tre stati ed è un po' più grande in superficie rispetto allo stato del West Virginia – è un'impresa formidabile.

Le ambulanze possono impiegare più di un'ora per raggiungere un paziente, spesso dopo aver attraversato strade sterrate mal tenute, e il servizio di telefonia cellulare è, nella migliore delle ipotesi, imprevedibile. Poi arriva la lunga corsa al pronto soccorso.

Ma il compito è diventato un po' più semplice, grazie a un accordo raggiunto all'inizio di quest'anno con l'EMS Medical Direction Consortium dell'Università del New Mexico, afferma Chris Kescoli, direttore del Dipartimento dei servizi medici di emergenza della nazione Navajo.

"Siamo molto fortunati ad averli a bordo", afferma Kescoli. “Gli sforzi messi in atto per la direzione medica di EMS sono stati di enorme aiuto alla nostra organizzazione.

Prima della partnership con UNM, ciascuno dei 13 uffici sul campo del dipartimento aveva un proprio accordo con un ospedale o una clinica locale per fornire linee guida mediche su come prendersi cura al meglio dei pazienti sul campo, il che a volte portava a standard di trattamento incoerenti.

Ora, dice, “Abbiamo una linea guida di trattamento uniforme che è stata stabilita dal Consorzio UNM EMS. È qualcosa di cui avevamo bisogno da un po' di tempo". Inoltre, il personale delle ambulanze ha accesso 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX, a un medico UNM reperibile per rispondere a qualsiasi domanda.

Avere più direttori medici significava che gli uffici sul campo della Navajo Nation avevano un accesso diverso ai farmaci e seguivano protocolli di trattamento divergenti, afferma Chelsea White IV, MD, professore presso il Dipartimento di medicina d'urgenza dell'UNM e direttore del Centro UNM per l'EMS rurale e tribale.

"Si tratta di un approccio molto più coordinato e coeso all'assistenza EMS nella Navajo Nation che in realtà non esisteva prima", afferma White, che insieme alla collega Elizabeth "Libby" Melton, CNP, trascorre gran parte del suo tempo in viaggio visitando gli uffici sul campo, a volte rispondendo a chiamate di emergenza lungo il percorso.

 

Chelsea White IV, dottore in medicina
Questo è molto più di un approccio coordinato e coeso all'assistenza EMS nella Navajo Nation che in realtà non esisteva prima.
- Chelsea White IV, MD

"È davvero entusiasmante essere qui a lavorare su questo problema, fondamentalmente cercando di portare l'assistenza medica standard in un'area estremamente remota, ma purtroppo anche molto abituata a non avere quel livello di servizio", afferma White. "È una sfida, ma è una sfida divertente e siamo molto fortunati a poter lavorare con così tanti fornitori di servizi di emergenza sanitaria dedicati che hanno lavorato in queste condizioni per, in alcuni casi, decenni".

I servizi EMS che operano in ambienti rurali e di frontiera remoti affrontano ostacoli unici rispetto ai loro omologhi nelle città e nei sobborghi, afferma White. "Può volerci molto tempo prima che un paziente malato o ferito arrivi dove deve andare solo a causa della geografia", dice.

L'UNM fornisce assistenza medica a molte comunità e pueblo rurali del New Mexico, tra cui Laguna, Acoma, Isleta, Jemez e Santo Domingo, afferma White. Inoltre contrae con Sandoval County EMS, che copre i pueblos di Zia, Santa Ana, Sandia e San Felipe, così come Pine Hill/Ramah, una parte non contigua della Navajo Nation.

"Abbiamo un protocollo che ne copre molti", afferma White. “Stiamo lavorando per semplificarli. Parte di ciò che facciamo è spingerli verso quelle che riteniamo siano le migliori pratiche. Alla fine il nostro obiettivo sarebbe avere la stessa medicina praticata ovunque”.

Il dipartimento EMS della Navajo Nation risponde a circa 36,000 chiamate di assistenza ogni anno, afferma. Non esiste un sistema di invio EMS centralizzato, con le chiamate di emergenza instradate attraverso gli agenti di polizia che non sono addestrati ai protocolli di invio medico. "Questo è un problema enorme su cui stiamo lavorando", afferma White.

Un'ulteriore complicazione arriva quando si risponde a pazienti più anziani che potrebbero non avere una padronanza dell'inglese medico, afferma White. “Può essere impegnativo. È molto utile durante una chiamata sul campo avere un oratore Navajo nella troupe”.

Kescoli afferma che le sfide nel fornire assistenza in un ambiente rurale portano anche ricompense inaspettate, specialmente durante il lungo viaggio verso l'ospedale dopo che un paziente è stato prelevato.

"Siamo uno dei tanti servizi di emergenza sanitaria rurali che trascorrono molto tempo con i pazienti", afferma. “Può essere molto diverso da qualcuno che è un fornitore in un'area urbana. Abbiamo la capacità di conoscere il paziente. Se sono stabili, stiamo portando avanti una conversazione normale. Stiamo facendo molto per loro solo per portarli dove alla fine hanno bisogno di essere per un livello più alto di cure in un pronto soccorso".

Kescoli attribuisce a White e Melton il merito di aver instaurato rapporti durante le loro frequenti visite in loco agli uffici EMS sul campo.

"Va bene perché non solo stanno prendendo dimestichezza con la Navajo Nation, ma anche i fornitori stanno familiarizzando con loro", dice. “È sempre bello vedere il volto di chi è il tuo direttore medico. È bello portare i nostri medici là fuori per vedere le sfide - perché ci vuole un'ora per arrivare in ospedale".

Categorie: Impegno della comunità, diversità, salute, Notizie che puoi usare, Facoltà di Medicina, Prima pagina