Traduci
Foto di Christina Salas, PhD
di Michael Haederle

Impegno ingegneristico

Christina Salas dell'UNM riceve il premio Dolores Huerta Sí Se Puede per il lavoro di comunità

Per dire l'ingegnere biomeccanico Christina Salas, PhD, MSc, ha avuto un anno impegnativo sarebbe un eufemismo.

Dalla scorsa primavera, lei e i suoi studenti dell'Università del New Mexico hanno utilizzato stampanti 3D per creare migliaia di maschere e schermi facciali per proteggersi dal SARS-CoV-2 e li hanno consegnati, insieme a cibo, acqua e disinfettante per le mani, al Navajo Nation e immigrati lungo il confine meridionale del New Mexico.

Salas, professore associato nel Dipartimento di Ortopedia e Riabilitazione, con un secondo appuntamento in Facoltà di Ingegneria, ha anche fatto da mentore a giovani donne interessate a carriere ortopediche attraverso la Perry Initiative, un programma nazionale di sensibilizzazione sull'ingegneria, il tutto mentre gestiva tre laboratori di ricerca.

L'8 aprile, Salas è stata premiata per i suoi sforzi con il Premio Dolores Huerta Sí Se Puede dal Comitato Recuerda a César Chávez, un'organizzazione locale che celebra l'eredità del defunto sindacalista e leader dei diritti civili, e la città di Albuquerque.

"Sono onorato", dice Salas. "Camminare sulle orme di César Chávez e Dolores Huerta è molto al di là di qualsiasi cosa potessi pensare di fare".

Premio Si Se Puede di Christina Salas
Il Premio Si Se Puede consegnato a Christina Salas, PhD, MSc

Huerta, nativa del New Mexico che questo mese compie 91 anni, ha lavorato per decenni al fianco di Chávez per conto dei lavoratori agricoli migranti. Il premio riconosce coloro che dimostrano dedizione all'eredità di Chávez e Huerta, modello di leadership nella loro comunità e mostrano un impegno costante al servizio nella loro comunità, secondo il sito web del comitato.

Salas e un'amica, l'infermiera di volo Laura Shaffer, hanno lanciato il progetto di stampa di maschere la scorsa primavera dopo che Shaffer ha trovato operatori ospedalieri a Gallup che improvvisavano dispositivi di protezione individuale da bandane e sacchetti di plastica.

Con i suoi studenti volontari, hanno scoperto maschere basate su un nuovo design ideato da Salas. Ha anche fatto frequenti viaggi negli ospedali Gallup e nelle sezioni Navajo orientali per consegnare maschere e valutare le esigenze di DPI, portando con sé donazioni di cibo, acqua e pannolini.

La scorsa estate, gli sforzi della coppia sono valsi loro menzione tra "The Badass 50, gli operatori sanitari che stanno salvando la giornata"In Rivista InStyle.

All'inizio di settembre, Salas ha ricevuto una sovvenzione dalla sede di Santa Fe Fondazione per la salute con Alma per fornire maschere e altri rifornimenti agli immigrati nel sud del New Mexico. "Eravamo io e solo sei studenti, a creare maschere 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX", dice.

 

Colpo alla testa di Christina Salas, PhD
Ho sempre voluto avere più di un impatto socialmente. Essere in grado di unire le mie capacità di ingegnere con l'essere in grado di fornire questo sollievo immediato a questi gruppi sociali è un grande onore per me.
- Cristina Sala, PhD, MSc

Come ricercatore di facoltà, Salas di solito si concentra sull'esplorazione di nuove soluzioni meccaniche e biologiche per una serie di problemi ortopedici. Mentre quel lavoro continua, la sua recente svolta nel fornire aiuti diretti alle persone bisognose è stata profondamente gratificante, dice.

"Quando penso alla mia vita ea cosa vorrei lasciare per i miei figli e la mia famiglia, non si tratta mai di quanti soldi ho portato o di quali cose potrei aver inventato", dice.

“Ho sempre voluto avere un impatto maggiore socialmente. Essere in grado di unire le mie capacità di ingegnere con l'essere in grado di fornire questo sollievo immediato a questi gruppi sociali è un grande onore per me".

Categorie: L'impegno della comunità, Notizie che puoi usare, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina