Traduci
${alt}
di Luke Frank

L'ospedale pediatrico UNM apre la prima clinica per commozione cerebrale dello stato

Rimettere la testa nel gioco

Lo Ospedale pediatrico dell'Università del New Mexico ha aperto una nuova clinica pediatrica per commozione cerebrale quest'estate per fornire un'assistenza integrata e completa per i casi complessi di lesioni cerebrali che arrivano in ospedale, ma potrebbero non richiedere il ricovero per la riabilitazione intensiva.

Il tempismo sembra giusto, poiché gli sport autunnali sono a tutta velocità per i giovani del New Mexico mentre l'atletica scolastica riprende in tutto lo stato. Nonostante i migliori sforzi di allenatori, genitori e studenti stessi, ci sarà un contatto concussione da una miriade di collisioni tra atleti.

Le commozioni cerebrali sono più comuni tra i bambini di quanto si possa pensare. Secondo il National Health Interview Survey dei Centers for Disease Control and Prevention, nel 2016, il 7% dei bambini statunitensi di età compresa tra 3 e 17 anni avrà subito un trauma cranico significativo ad un certo punto della loro prima infanzia.

"I bambini possono avere commozioni cerebrali in molti modi", afferma Nancy Rasch, manager di Ospedale Carrie Tingley servizi di riabilitazione ambulatoriale, che ospita la nuova clinica. "Sicuramente dagli sport di contatto fisico, ma in realtà da tutto ciò che è associato al movimento: incidenti stradali, cadute e altri incidenti più comuni".

Le commozioni cerebrali sono lievi lesioni cerebrali a seguito di una sorta di trauma. Se riconosciuta e trattata, la maggior parte delle persone guarisce completamente da una singola commozione cerebrale. Tuttavia, i bambini e gli adolescenti possono sostenere più commozioni cerebrali all'interno dello stesso evento, a volte inconsapevolmente, dice Rasch.

"Queste lesioni tendono a richiedere più tempo per riprendersi da ogni volta e hanno maggiori probabilità di avere sintomi persistenti che causano problemi fisici, cognitivi e psicologici per tutta la vita", spiega. "Quindi, abbiamo sviluppato una clinica post-commozione cerebrale interdisciplinare per lavorare su pazienti con sintomi multipli".

I sintomi della commozione cerebrale possono includere mal di testa, nausea o vomito, sonnolenza eccessiva, sensibilità al rumore e alla luce, intorpidimento o formicolio in qualsiasi parte del corpo, vertigini o perdita di equilibrio, irritabilità, visione doppia e molti altri. La clinica per commozione cerebrale vedrà pazienti fino a 21 anni per il trattamento o un piano di cura.

Un certo numero di specialisti può lavorare insieme sui casi, in base ai sintomi e alle esigenze del paziente. Questi team interdisciplinari potrebbero includere pediatri, specialisti dell'equilibrio, neurologi e neuro-oftalmologi, fisioterapisti, occupazionali e logopedisti, psicologi e psichiatri e altri.

Per ora, i pazienti della clinica per commozione cerebrale pediatrica sono indirizzati dall'ospedale pediatrico UNM, dal pronto soccorso pediatrico e da altri reparti all'interno del Sistema sanitario UNM. Il processo inizia con una diagnosi di trauma cranico o lieve trauma cranico e continua con le valutazioni delle cure primarie nei giorni successivi, con ripetuti test cognitivi e screening di commozione cerebrale.

Se le condizioni persistono e il paziente mostra deficit di attenzione, problemi di udito o vista, difficoltà a scuola, sintomi emotivi, problemi di sonno o altri sintomi, può essere indirizzato alla clinica.

La prima fase della guarigione potrebbe non richiedere alcuna attività e completo tempo e riposo tranquillo, il che significa nessuna interazione di gruppo, video, lettura, computer, telefoni cellulari o luoghi rumorosi. "È molto importante che il cervello si riposi dopo una commozione cerebrale", afferma Rasch. "Quando inizia la guarigione, possiamo introdurre alcune attività aerobiche leggere, camminare e andare in bicicletta, ma vorremo comunque limitare le attività di gruppo".

Le attività vengono gradualmente aumentate nel tempo in base alla risposta del bambino al trattamento e, idealmente, gli studenti sono in grado di riprendere le normali attività accademiche e atletiche.

"Valutiamo e trattiamo tutti gli elementi di un infortunio, inclusi ansia, equilibrio o disabilità visiva e altro", afferma Rasch. "È una vera opportunità per educare i genitori e le famiglie sulle cure post-concussive e sull'importanza di una piena guarigione".

Categorie: Impegno della comunità, salute, Prima pagina