bambino
Di Brianna Wilson e Tom Szymanski

Il peggior incubo di un genitore: la realtà dell’RSV

Lisa Quiñones, RN, MSN, CPN era infermiera da 17 anni quando suo figlio di due mesi contrasse il virus respiratorio sinciziale, meglio noto come RSV. 

viaggio-in-ospedale.jpg

“Pensavo di conoscere i segnali da cercare”, ha detto Quiñones, direttore dell’unità dell’Ospedale pediatrico dell’Università del New Mexico – Centro sanitario per bambini piccoli. “Il mio figlio più piccolo è passato dall’essere un bambino sano, vivace e frizzante la sera prima che lo mettessi a letto. La mattina dopo si svegliò e sembrava un po' congestionato. Verso mezzogiorno ho deciso che sarebbe stato meglio farlo controllare. 

Ogni anno, l’RSV, l’influenza e la stagione fredda colpiscono più o meno nello stesso periodo. Dal 2020, il COVID non ha fatto altro che sopraffare ulteriormente pazienti e operatori durante la stagione delle malattie respiratorie. Non aiuta il fatto che queste quattro condizioni condividano sintomi comuni come tosse, congestione e febbre.

Per i pazienti anziani e i bambini come Journey, il figlio di Quiñones, i sintomi dell’RSV possono rapidamente progredire fino a diventare qualcosa di potenzialmente pericoloso per la vita.

"Ho portato Journey in clinica e quando siamo arrivati ​​qui, aveva già bisogno di pochi litri di ossigeno", ha detto Quiñones. "Forse due ore dopo, hanno deciso che dovevano trasferirlo in ospedale."

Quando sono arrivati ​​al pronto soccorso pediatrico dell'ospedale UNM, le condizioni di Journey sono peggiorate.

"Non potevo più vedere il mio piccolissimo bambino perché c'erano più di 20 persone intorno a lui, tutte professionali, tutte molto gentili, che volevano il meglio e facevano del loro meglio per prendersi cura di lui, ma era spaventoso", Quiñones disse. “Hanno deciso che doveva essere ricoverato in terapia intensiva e che il passo successivo sarebbe stato la ventilazione. Ovviamente è stato traumatico. Sarebbe traumatico per qualsiasi genitore, e sono rimasto davvero sorpreso di quanto sia stato traumatico per me, dato che avevo quel background.

Vaccino per l'RSV

Quiñones ha detto di aver trascorso sei giorni in terapia intensiva con il suo bambino. I primi tre erano touch and go. Nella stanza accanto a quella di suo figlio, anche un altro bambino, di appena sei mesi, stava combattendo contro l’RSV. Quiñones ricorda il momento in cui il bambino ha perso la battaglia.

"Ho provato un sacco di emozioni", ha detto. “Mi sono sentita sollevata perché avevo ancora il mio bambino. Mi sentivo in colpa perché quest'altra mamma era devastata. È in lutto. Lei sta piangendo."

Quiñones ha detto di aver tenuto Journey e di non averlo soppresso per i restanti tre giorni in terapia intensiva.

Bambino che riceve cure.
Bambino che riceve cure.
Bambino che riceve cure.
Bambino che riceve cure.

Lentamente, le condizioni di suo figlio migliorarono. Quiñones ha lasciato l'ospedale con il suo bambino. Anche se poi si è ripreso completamente, ha detto che la loro famiglia sarà segnata per sempre da questa esperienza.

"È un trauma che si ripresenta più e più volte, ogni volta che questa stagione si svolge", ha detto. "Vedo che nei genitori iniziano davvero ad avere paura."

Che si tratti di madri incinte che passano dall’eccitazione alla preoccupazione, quando si rendono conto che avranno un neonato durante la stagione respiratoria, o di pazienti ricoverati in ospedale con RSV e che potrebbero sentirsi impreparati o sopraffatti dalle cure in quel contesto.

Anna Duran, MD, è l'ufficiale medico capo associato dell'ospedale pediatrico dell'UNM. Ha affermato che il 98% dei bambini sarà esposto al virus entro i due anni. Ha anche affermato che i più a rischio sono i bambini nati prematuri, che hanno una malattia cronica o che hanno meno di un anno di età.

"È difficile impedire che tuo figlio non venga mai esposto", ha detto. Ma tenere a casa i bambini malati, pulire regolarmente le aree comuni e insegnare ai bambini come lavarsi correttamente le mani e coprirsi quando starnutiscono e tossiscono, sono tutti modi per contribuire a mitigare la diffusione di questa malattia altamente contagiosa.

Penso che dovremmo aggiungere qualcosa qui sul fatto che i bambini a più alto rischio di ricovero ospedaliero sono solitamente bambini che contraggono l'RSV quando hanno meno di un anno (o meno di 8 mesi, qualunque cosa sia) - altrimenti sembra che tutti i bambini siano in pericolo di avere un caso come quello di Journey. Questo è un buon punto per chiarire quell’età critica in cui i bambini sono maggiormente a rischio.

Quest’anno, i nuovi progressi nella prevenzione dell’RSV potrebbero potenzialmente tenere i neonati e i pazienti anziani fuori dall’ospedale.

Fatti sul vaccino RSV e sull'immunizzazione

  • Arexvy (GSK) e Abrysvo (Pfizer) sono vaccini RSV ora disponibili per gli adulti di età pari o superiore a 60 anni.
  • La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha approvato Abrysvo per le future mamme di 32-36 settimane di gravidanza, per trasmettere anticorpi al feto e proteggere dalle infezioni da RSV nei neonati.
  • La FDA ha anche approvato un nuovo farmaco (infusione di anticorpi monoclonali) chiamato Beyfortus (Nirsevimab). È ora disponibile per prevenire l’RSV nei neonati di età inferiore a otto mesi e nei bambini ad alto rischio fino a 19 mesi.
  • Per saperne di più Aggiornamenti RSV qui

Duran ha affermato che il Nuovo Messico ha ricevuto poco più di 6,000 dosi di Beyfortus e l’UNM ha lavorato a stretto contatto con fornitori della comunità, pediatri e funzionari statali per assicurarsi che si rechino nelle aree a più alto rischio di RSV. Ciò include le popolazioni rurali e native americane. 

I vaccini contro l’RSV per le persone in gravidanza o di età superiore ai 60 anni sono più ampiamente disponibili. Duran consiglia ai genitori di parlare con il proprio medico o fornitore per verificare se queste opzioni sono appropriate e disponibili per te o per i tuoi cari. 

"Sentire che ora è disponibile un vaccino per proteggere dall'RSV, per me, è stato come un passo avanti nella medicina", ha detto Quiñones. “Posso paragonarlo a quando è stato sviluppato il pacemaker. Questo cambierà la vita dei nostri figli, non solo perché salverà vite umane, ma anche oltre, salverà la qualità della vita di neonati, madri, padri e famiglie”.

Il figlio di Quiñones ha sette anni oggi.

Bambino in uniforme di Karate.
Bambino in uniforme di Karate.

"Sono stato fortunato", ha detto Quiñones. Mio figlio ha preso l'RSV e ne è uscito. Ora è sano e felice. Non ho dovuto soffrire come ha fatto quella mamma per la perdita del mio bambino, ma ciò non cambia il fatto che la mia famiglia fosse ancora fortemente colpita dall'RSV.

"Se fosse tornato un vaccino, sarei stata la prima in fila per ottenerlo", ha continuato. "Non c'è motivo per cui un bambino debba provare il dolore e il disagio che derivano dall'RSV."

Per ulteriori fatti e informazioni su RSV, COVID e influenza, segui le nostre pagine sui social media dell'Ospedale UNM

Puoi anche leggere di più dal recente aggiornamento sulle malattie respiratorie autunnali e invernali da UNM Health, NMDOH, Presbyterian Healthcare Services, Lovelace Health System e Christus St. Vincent. 

Categorie: Ospedale pediatrico, Notizie che puoi usare, Prima pagina, Ospedale UNM