$ {alt}
By Nicole San Roman e Tom Szymanski

Dalla tragedia alla speranza: il team dell'ospedale dell'UNM ispira l'adolescente vittima di una sparatoria a diventare un'infermiera

Sotto il sole di una frizzante giornata autunnale, nel campus dell'Università del New Mexico, una bellissima giovane donna seduta su una panchina con indosso il suo camice medico sorride e ride. Il suo viso si illumina mentre parla del suo futuro, dei suoi progetti di diventare un giorno infermiera. Sebbene ogni studente abbia la propria storia unica nel voler intraprendere una carriera nel settore sanitario, il viaggio di Sonia Brito è molto diverso. 

È iniziato tutto la notte in cui è quasi morta. Aveva solo 16 anni.

Nel marzo del 2020, Brito è andata a casa di sua cugina per un pigiama party. Quella notte, durante una piccola riunione in casa, scoppiò una discussione sulla musica; si è conclusa con un gruppo di quattro adolescenti che hanno aperto il fuoco. Brito, suo cugino e altri due sono stati colpiti più volte. 

"Mi hanno sparato 12 volte alla gamba destra, al braccio sinistro e al braccio destro, così come alla cassa toracica destra e all'occhio destro", ha detto Brito. Il cugino di Brito è stato colpito 18 volte. Entrambi sono stati portati d'urgenza all'ospedale UNM con ferite mortali. 

"Ricordo di essere stata svegliata da luci intense e da grandi squadre che mi circondavano e mi facevano diverse domande su me stessa e sulla mia famiglia", ha detto. 

In quei primi momenti in ospedale, Brito disse che c'era solo una cosa che voleva.

"Mia madre", disse Brito. "Stavo pensando a mia madre, a dove era e quando sarebbe stata lì."

Quando la mamma di Brito è arrivata, terrorizzata per la sua bambina, il suo bambino, è stata avvertita dal team dell'ospedale UNM di prepararsi all'aspetto di sua figlia e alle sue condizioni. Le ferite erano gravi ed estese.

"Non sapevo cosa aspettarmi", ha detto Michelle Silva con le lacrime agli occhi. Tutto quello che sapeva era che aveva bisogno di stare con sua figlia.

Quando ho messo gli occhi su di lei per la prima volta, la mia bambina, mi ha confortato. Le sue prime parole furono: "Mamma, sto bene". Andrà tutto bene. Andrà tutto bene." Non mi ha permesso di chiederglielo prima."

- Michele Silva, La figlia è stata uccisa

"Quando ho messo gli occhi su di lei per la prima volta, la mia bambina, mi ha confortato", ha detto Silva trattenendo le lacrime. “Le sue prime parole furono: 'Mamma, sto bene. Andrà tutto bene. Andrà tutto bene." Non mi ha permesso di chiederglielo prima."

Una badante per natura, la sedicenne Brito ha subito voluto che sua madre si calmasse, che sapesse che sarebbe andata tutto bene.

“Solo sentirla parlare in modo coerente è stato enorme. In quel momento, solo sentire la sua voce e parlare era enorme”, ha detto Silva. "E le ho creduto."

Inoltre, quella notte all'ospedale c'era Rachel Davis, MD, oculista dell'ospedale UNM. 

"L'ho incontrata per la prima volta nell'area pre-operatoria mentre entravo in sala operatoria", ha detto Davis. “Ho guardato la TAC della ferita sul viso e intorno all’occhio. Un proiettile è stato molto vicino, nel giro di pochi millimetri, alla rottura completa dell’occhio e il trauma alla palpebra è stato esteso”.

Quella notte Brito ebbe bisogno di un intervento chirurgico immediato intorno all'occhio destro, oltre a numerosi altri interventi chirurgici a causa della gravità delle sue ferite. Ha trascorso le due settimane successive all'ospedale dell'UNM.

"L'ho preso ogni giorno alla volta", ha detto Brito. "Ho avuto molti infortuni e stavo cercando di guarire da ciascuno di questi infortuni individualmente, iniziando con una cosa alla volta."

Durante la sua permanenza in ospedale, Brito ha detto di essere stata sopraffatta dalla gentilezza e dalle cure ricevute dal suo team sanitario. Si ricorda di un'infermiera che le lavava e le intrecciava i capelli.

I miei capelli erano ricoperti di sangue. Si è presa il tempo per lavarlo e ci sono voluti diversi secchi per pulire l'acqua e sciogliere i miei capelli. Si è presa il tempo per farlo nonostante la sua fitta agenda. Mi ha fatto sentire più umano.

- Sonia Brito, Sopravvissuto alla sparatoria

"I miei capelli erano pieni di sangue", ha detto Brito. “Si è presa il tempo per lavarlo e ci sono voluti diversi secchi per pulire l’acqua e sciogliere i miei capelli. Si è presa il tempo per farlo nonostante la sua fitta agenda. Mi ha fatto sentire più umano”. 

Le infermiere hanno fatto lo stesso per sua cugina.

"Le hanno fatto anche i capelli. E ha i capelli molto stretti, ricci, molto diversi dalla consistenza dei miei e le hanno intrecciato i capelli. Sarebbe stato completamente annodato se lo avessero lasciato così com’era.”

Brito ha detto che le infermiere hanno anche dato priorità al suo rapporto con la cugina durante l'intero soggiorno, assicurandosi che le ragazze rimanessero in contatto durante la loro permanenza all'ospedale UNM, anche se le due venivano curate da team diversi su piani diversi.

"Le mie infermiere hanno fatto di tutto per portarmi al livello in cui si trovava mia cugina, in modo che potessi vederla", ha detto Brito. “È qualcosa di cui avevamo bisogno per le nostre cure. Erano così pazienti con le nostre abbondanti chiamate FaceTime tra loro", ha detto ridendo.

La madre di Brito ha detto che sono stati i momenti grandi e piccoli a fare la differenza in ospedale sia per lei che per sua figlia; dalle interazioni con tutti, dal personale delle pulizie agli infermieri ai chirurghi.

Ha ricevuto cure mediche fantastiche. Tutti erano professionali, tutti erano esperti in quello che stavano facendo. Avevamo tutta la fiducia del mondo in questo, ma erano anche solo piccoli momenti come avere conversazioni su nulla correlato a ciò che le stava accadendo, ma semplicemente mantenendo quei piccoli momenti umani, per darle 30 secondi per pensare a qualcosa di diverso .”

- Michele Silva

"Ha ricevuto cure mediche fantastiche", ha detto Silva. “Tutti erano professionali, tutti erano esperti in quello che stavano facendo. Avevamo tutta la fiducia del mondo in questo, ma erano anche solo piccoli momenti come avere conversazioni su nulla correlato a ciò che le stava accadendo, ma conservando comunque quei piccoli momenti umani, per darle 30 secondi per pensare a qualcosa diverso."

Ma non furono solo Brito e sua madre ad essere colpite dalle sue cure. Il team sanitario di Brito ne è rimasto colpito lei.

"Era così matura per la sua età, così intelligente sia emotivamente che intellettualmente", ha detto Davis. "Con tutto quello che ha passato, Sonia è riuscita a rimanere ottimista, il che è semplicemente una cosa fantastica da vedere."

"Penso che sia davvero una benedizione di Dio", ha detto Brito. “Sento che è venuto naturale. E poi nei momenti in cui non è stato così, ho passato molto tempo a scrivere un diario, a meditare e a cercare davvero di elaborare la positività che a volte potrebbe essere sepolta.

È quella positività e grazie alle sue cure all'ospedale UNM, che Brito ha preso una decisione importante per la sua vita mentre era lì: diventare infermiera.

"Ho avuto una cura così incredibile, mi sentivo come se fosse sulle mie spalle aiutare le persone nel modo in cui sono stato aiutato io", ha detto Brito. "Mi sento come se avessi energia curativa."

Sua madre non è affatto sorpresa.

"Sonia ha avuto questo cuore premuroso dal giorno in cui è nata", ha detto Silva. “Quando aveva solo due o tre anni, provava empatia. Si stava già prendendo cura delle altre persone e voleva assicurarsi che le persone fossero incluse e che i suoi amici avessero ciò di cui avevano bisogno. È così divertente perché in quel momento eri così concentrato sull'ABC e sull'apprendimento dei numeri e Sonia era a un livello completamente diverso.

Ora studente di infermieristica presso il Central New Mexico College (CNM), Brito sta pianificando di fare domanda per il programma di doppia laurea BSN presso l'UNM. Spera di iniziare la sua carriera come infermiera al pronto soccorso, aiutando i pazienti come lei quando ne hanno più bisogno.

"Sento che sarò compassionevole e penserò davvero a diverse strategie di cura fuori dagli schemi, specialmente quelle che riguardano ogni situazione individuale", ha detto Brito.

Continua ad affrontare gli effetti delle sue ferite e probabilmente avrà bisogno di cure per il resto della sua vita. Anche sua cugina continua a guarire. Brito ha detto che non dimenticherà mai la squadra dell'ospedale UNM che salvato la sua vita e cambiato la sua vita.

"Li ringrazio per tutto quello che hanno fatto, dalle mie cure alla loro compassione fino al modo in cui hanno gestito bene la mia famiglia numerosa e preoccupata", ha detto sorridendo. “Sarò per sempre grato per le cure che mi hanno fornito. Spero che un giorno potrò avere per gli altri lo stesso impatto che lo hanno avuto per me”.

Sua madre sa che lo farà.

“Avrà un impatto costante. Sarà incredibile. È incredibile in tutto ciò che fa", ha detto Silva. "Penso che cambierà il mondo."

Categorie: Notizie che puoi usare , Prima pagina , Ospedale UNM