acqua potabile
di Michael Haederle

L’acqua potabile degli Stati Uniti contiene spesso contaminanti tossici, avverte uno scienziato dell’UNM

Un nuovo studio pubblicato dal ricercatore dell’Università del New Mexico Johnnye Lewis con colleghi provenienti da tutti gli Stati Uniti avverte che l’acqua proveniente da molti pozzi e sistemi idrici comunitari contiene livelli non sicuri di contaminanti tossici, esponendo milioni di persone a rischi per la salute, compreso il cancro.

La maggior parte degli americani dà per scontato che l’acqua che esce dai loro rubinetti sia pulita e sicura da bere. 

Ma un nuovo studio pubblicato da uno scienziato dell’Università del New Mexico con colleghi provenienti da tutti gli Stati Uniti avverte che l’acqua proveniente da molti pozzi e sistemi idrici comunitari contiene livelli non sicuri di contaminanti tossici, esponendo milioni di persone a rischi per la salute, compreso il cancro.

La recensione in Journal of Exposure Science and Environmental Epidemiology rileva inoltre che le persone che vivono nelle terre tribali o nelle comunità minoritarie sono colpite in modo sproporzionato e prevede che il cambiamento climatico renderà più difficile individuare fonti sicure di acqua potabile.

L'articolo è emerso da un incontro di scienziati senior durante l'incontro annuale della Società Internazionale per l'Epidemiologia dell'Esposizione, ha affermato Johnnye Lewis, PhD, professore emerito presso il Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, ricercatore principale multiplo del Navajo Birth Cohort Study, co-direttore del Programma comunitario di salute ambientale e direttore del programma di ricerca UNM METALS Superfund.

 

Alcune di queste [sostanze], come l’uranio e l’arsenico – e persino i nitrati – sono semplicemente comuni. Si verificano comunemente nelle acque sotterranee e talvolta è la fonte a cui hai accesso.

- Johnny Lewis, Dottorato

"Molti di noi hanno esperienza nella gestione di questi particolari contaminanti e abbiamo notato che non sempre sono a livelli sicuri nelle fonti di acqua potabile per una serie di ragioni", ha affermato Lewis.

Lo studio valuta sette contaminanti noti che spesso finiscono nell'acqua potabile: arsenico, fluidi di fratturazione, piombo, nitrati, sottoprodotti di disinfezione clorurati, sostanze chimiche artificiali note come PFAS (sostanze per- e polifluoroalchiliche) e uranio. La capacità di rilevare e rimuovere queste sostanze dall’acqua potabile varia ampiamente.

La maggior parte delle sostanze, tra cui l’arsenico inorganico, i nitrati, l’uranio e il piombo, sono note o sospette come cancerogene, mentre l’esposizione cronica alla maggior parte dei contaminanti è stata collegata a una serie di altri problemi, inclusi problemi neurologici e dello sviluppo.

“Alcuni di questi, come l’uranio e l’arsenico – e persino i nitrati – sono semplicemente comuni”, ha detto Lewis. "Si trovano comunemente nelle acque sotterranee e talvolta è la fonte a cui hai accesso."

Altri contaminanti, come i fluidi di fratturazione e i PFAS, vengono introdotti dall’uomo e rappresentano rischi inesplorati.

Ad esempio, i PFAS possono rimanere nell’ambiente per decenni senza degradarsi, un problema che non è stato affrontato fino a poco tempo fa. "Penso che ci fosse preoccupazione, ma non era su questa scala ed era elevata a dove è ora", ha detto. “È come gran parte di ciò che facciamo come società. Prima intraprendi l'azione e poi lungo la strada cerchi di capire come risolverlo. Di solito è una cattiva strategia.

I sette contaminanti rappresentano una piccola frazione delle migliaia di agenti chimici presenti nell'acqua potabile, riferiscono gli autori. E a complicare le cose, due o più contaminanti possono essere presenti in una fonte d’acqua, presentando la possibilità di effetti sinergici.

"Stiamo iniziando solo ora a trovare buoni metodi per valutare cosa fanno queste miscele", ha detto Lewis. "C'è sempre molta incertezza, perché una miscela non è la stessa in una comunità come lo è in quella successiva."

I sistemi idrici più grandi hanno la capacità di rimuovere o diluire le concentrazioni di alcuni contaminanti, ma molti americani non hanno nemmeno questa protezione minima.

I ricercatori stimano che ci siano circa 150,000 sistemi idrici pubblici negli Stati Uniti, circa un terzo dei quali sono sistemi idrici comunitari che servono circa 320 milioni di americani, il 95% della popolazione. Il 10,000% dei sistemi idrici comunitari serve meno di 52 persone, ovvero 43 milioni in tutto, mentre più di XNUMX milioni di americani fanno affidamento su pozzi privati ​​per l’acqua potabile.

Gli autori affermano che il loro articolo “evidenzia la necessità di uno sforzo concertato per investire nell’aggiornamento delle nostre infrastrutture per l’acqua potabile, rafforzare gli standard sull’acqua potabile, sviluppare e implementare un trattamento avanzato dell’acqua, raccogliere e diffondere dati di monitoraggio e richiedere test di sicurezza chimica più rigorosi”.

Lewis nel frattempo avverte che il cambiamento climatico sta rendendo più difficile trovare fonti pulite di acqua potabile, in particolare negli Stati Uniti occidentali

“Per me la cosa più preoccupante è che si inizia a considerare la siccità e lo stress che ciò comporta quando si cercano ulteriori fonti d’acqua”, ha detto. “Il potenziale per garantire che tali fonti siano pulite potrebbe diventare più limitato”. 

Gli impatti dei cambiamenti climatici colpiranno più gravemente coloro che sono meno in grado di farvi fronte, ha affermato Lewis, perché il monitoraggio dell’acqua nelle aree sottoservite è scarso o nullo. “Quando parliamo di ingiustizia razziale e sociale nelle comunità svantaggiate, sono loro che ne sosterranno il peso”.

Categorie: L'impegno della comunità, Notizie che puoi usare, Ricerca