Traduci
Un bambino che tiene il dito di qualcuno
Di Elisabetta Gibson

Puzzle della prematurità

Il professore emerito UNM studia le condizioni polmonari irritanti nei neonati pretermine

Kristi Watterberg, MD, è guidata da un profondo desiderio per prendersi cura dei pazienti più piccoli dell'ospedale dell'Università del New Mexico – neonati prematuri ricoverati nell'unità di terapia intensiva neonatale – e la sua ricerca è la prova della sua passione.

"Questi sono bambini piccoli e sono spaventosi per i genitori, spaventosi per gli infermieri e spaventosi per i medici", ha detto Watterberg, professore emerito di pediatria all'UNM. "Ma sono anche molto resistenti, questi ragazzini."

Uno degli esiti avversi più persistenti del parto pretermine è una complicanza chiamata displasia broncopolmonare (BPD), in cui i polmoni del bambino si irritano e non si sviluppano normalmente.

 

Kristi Watterberg, dottore in medicina
Abbiamo fatto molti progressi nel corso degli anni nel ridurre un certo numero di problemi di prematurità, ma il BPD non sembra diminuire. In effetti, potrebbe aumentare di incidenza poiché stiamo salvando bambini sempre più piccoli.
- Kristi Watterberg, MD

"Abbiamo fatto molti progressi nel corso degli anni nel ridurre una serie di problemi di prematurità, ma il BPD non sembra diminuire", ha detto Watterberg. "In effetti, l'incidenza potrebbe aumentare poiché stiamo salvando bambini sempre più piccoli".

In uno studio pubblicato a marzo in Il New England Journal of Medicine (NEJM) Watterberg e i suoi colleghi – più di una dozzina di medici e ricercatori di diversi ospedali in tutto il paese – hanno tentato di curare la condizione con l'uso di idrocortisone, un farmaco antinfiammatorio steroideo.

Il team ha condotto uno studio che ha coinvolto 800 bambini con un'età gestazionale inferiore a 30 settimane e che erano stati intubati per almeno sette giorni. I bambini sono stati assegnati in modo casuale a ricevere idrocortisone o un placebo.

I risultati non erano quelli che i ricercatori avevano previsto. Watterberg e i suoi colleghi hanno scoperto che l'idrocortisone non riduce l'incidenza di BPD.

"Quindi, sono molto delusa, ovviamente, che non abbia funzionato, ma valeva comunque la pena farlo", ha detto.

Watterberg ha aggiunto di essere sorpresa che NEJM abbia pubblicato i risultati dato l'esito negativo dello studio.

"Sono rimasta molto colpita dal fatto che l'abbiano presa perché era uno studio negativo", ha detto. “Gli studi negativi in ​​medicina e scienza sono più difficili da pubblicare. Non hanno l'impatto degli studi positivi - le persone non ne traggono entusiasmo - ma sono estremamente importanti per impedire alle persone di fare cose che non sono così utili".

Secondo il sito web NEJM, la pubblicazione riceve più di 16,000 richieste ogni anno. Circa il 5% delle proposte di ricerca originali ottiene la pubblicazione, con oltre la metà di quelle provenienti da paesi al di fuori degli Stati Uniti

Per Watterberg, è stata una carriera far accettare il suo giornale.

"Penso che ora ho una pubblicazione del primo autore sul New England Journal, non devo fare nient'altro", ha scherzato.

Sebbene i risultati dello studio di Watterberg, supportato dall'Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development Neonatal Research Network, non fossero quelli che sperava, ha ottenuto risultati incoraggianti. L'idrocortisone non ha fatto la differenza nel trattamento del BPD, ma il farmaco ha aumentato il tasso di successo nella rimozione dei neonati prematuri dai ventilatori.

"Ora la domanda è se puoi far estubare i bambini prima, le persone vorranno usarlo per questo motivo?" lei disse. “I bambini ovviamente odiano essere intubati – odiano avere una cosa in gola. I genitori lo odiano perché rende molto più difficile prendersi cura del bambino e interagire con il bambino".

Quindi, ha detto, è curiosa se i team medici neonatali potrebbero ora cercare l'idrocortisone nella speranza di accelerare il processo di estubazione.

"Sarà una richiesta di giudizio che tutti possono fare", ha detto.

Categorie: Ospedale Pediatrico, Salute, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina, Ospedale UNM