Traduci
${alt}
di Mark Rudi

Salute nativa

I ricercatori dell'UNM vincono una sovvenzione di 3.5 milioni di dollari per studiare le malattie renali nelle tribù del sud-ovest

Trentacinque milioni di adulti negli Stati Uniti sono affetti da malattia renale cronica (CKD), compreso il 17% dei nativi americani nel sud-ovest.

Mentre il numero di nativi americani che stanno sviluppando malattie renali e necessitano di dialisi è diminuito negli ultimi anni, il tasso è ancora più alto che in altre razze.

Vallabh "Raj" Shah, PhD, Distinguished and Regents' Professor presso i Dipartimenti di Biochimica e Biologia Molecolare e Medicina Interna dell'Università del New Mexico, e Mark Unruh, MD, presidente di Medicina Interna, studieranno i fattori di rischio per la malattia renale cronica tra i Nativi americani negli Stati Uniti sudoccidentali per determinare se sono stati compiuti progressi.

Shah - che ha lavorato con i nativi americani per più di 25 anni - e Unruh hanno formato un consorzio di ricercatori con una vasta esperienza nello studio delle malattie croniche, tra cui diabete, malattie cardiovascolari e renali.

Il National Institutes of Health (NIH) ha recentemente annunciato una sovvenzione quinquennale di 3.5 milioni di dollari per finanziare il consorzio nella speranza di migliorare la comprensione dei potenziali fattori di rischio per la malattia renale cronica e la progressione delle malattie cardiovascolari, nonché l'impatto della malattia tra i nativi americani.

Shah e Unruh stanno collaborando con i leader tribali di Zuni Pueblo, First Nations Community Healthsource ad Albuquerque, Dialysis Clinics Inc. e il National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK) e il suo Phoenix Epidemiology and Clinical Research Branch sul progetto .

"Sia Raj che io siamo interessati a questo problema della malattia renale cronica nelle comunità dei nativi americani a causa di ciò che vediamo nelle comunità", ha detto Unruh. "C'è stato un certo miglioramento nei risultati dei nativi americani, per quanto riguarda lo sviluppo della malattia renale allo stadio terminale, e questo è stato dimostrato a livello nazionale. Quello che sentiamo sul campo è un po' diverso. Saremo in un'unità di dialisi ad Acoma, Grants o Taos e avrai più generazioni che sono membri tribali che sono in dialisi in questa stessa unità.

"Per me, mentre forse a livello nazionale stiamo andando un po' meglio, non mi sento così bene sul campo. È davvero difficile per queste comunità che hanno risorse limitate dover sostenere un gran numero di persone con uno o più costose terapie mediche che abbiamo a disposizione”.

C'è un enorme fardello di malattie renali croniche nelle comunità dei nativi americani, anche con i progressi che hanno fatto, ha detto Unruh.

Lo studio esaminerà le domande, incluso se esiste un diverso tasso di progressione della malattia tra i nativi americani rispetto ad altre razze ed etnie e se i nativi americani hanno un carico diverso di malattie cardiache.

Non ci sono stati molti studi sulla CKD nei nativi americani. Nel 2001, il NIDDK e il NIH hanno istituito una coorte di insufficienza renale cronica per studiare la storia e la progressione della malattia renale cronica e delle malattie cardiovascolari tra individui di discendenza europea, africana e ispanica presso 12 università statunitensi.

"Questo consorzio è stato creato per affrontare il problema dei parametri di progressione delle malattie renali e cardiovascolari in queste persone che hanno malattie renali", ha detto Shah.

Tuttavia, solo lo 0.5% dei partecipanti a quello studio erano nativi americani, in parte perché quelle 12 università non erano situate vicino alle comunità dei nativi americani e i nativi americani non erano incoraggiati a prenderne parte, ha detto Shah.

Per questo studio, Shah e Unruh hanno entrambi il sostegno delle parti interessate locali e nazionali e delle comunità in cui si svolgerà lo studio.

"Per noi, siamo grati per tutto il supporto che abbiamo", ha detto Unruh. "È un grande studio e abbiamo grandi aspettative. Abbiamo una grande squadra qui nel New Mexico per aiutarci a fare questo studio".