$ {alt}
di Michael Haederle

I trattamenti per l'insonnia comunemente utilizzati non riescono ad aiutare i pazienti in dialisi, secondo una ricerca dell'UNM Health Sciences

Quasi la metà delle persone sottoposte a emodialisi a lungo termine a causa di una malattia renale allo stadio terminale soffre anche di insonnia cronica, che influisce gravemente sulla qualità della vita.

Un nuovo studio pubblicato nel Annals of Internal Medicine hanno testato due approcci comunemente usati per il trattamento dell’insonnia – la terapia cognitivo comportamentale e un farmaco antidepressivo chiamato trazodone – nei pazienti in dialisi e hanno scoperto che nessuno dei due ha prodotto una differenza significativa nei loro sintomi.

I risultati sono stati inaspettati, in particolare il fallimento della terapia cognitivo comportamentale per l'insonnia (CBT-I), ha affermato Mark Unruh, MD, professore e presidente del Dipartimento di Medicina Interna della Scuola di Medicina dell'Università del New Mexico, che è stato affiancato nello studio da Maria-Eleni Roumelioti, MD, professore associato di medicina presso l'UNM, Raj Mehrotra, MD, MBBS, presso l'Università di Washington e Daniel Cukor, PhD, presso il Rogosin Institute di New York.

"Senza dubbio, questo è sorprendente", ha detto Unruh. “La CBT-I è lo standard per l’insonnia tra gli adulti. Con questa particolare popolazione dobbiamo scavare più a fondo per risolvere quali altri problemi di sonno ci sono e se ci sono farmaci che hanno effetti collaterali”.

Le macchine per dialisi filtrano i prodotti di scarto dal sangue quando i reni indeboliti non possono più svolgere il lavoro. Il trattamento prolunga la vita, ma non è una cura e i pazienti devono recarsi in clinica per sessioni di dialisi di quattro ore fino a tre volte a settimana.

"Abbiamo approfondito questo aspetto riflettendo quali siano le preoccupazioni dei pazienti in trattamento con malattia renale allo stadio terminale", ha affermato Unruh. "Quando chiediamo ai pazienti quali sono le loro priorità nella ricerca, ci si aspetterebbe che dicano: 'migliorare i trapianti o prevenire la morte', ma in realtà vogliono solo che siamo in grado di aiutarli a dormire meglio, ad avere energia e a partecipare a le loro vite."

Si tratta di una popolazione che ha molteplici ragioni per avere un sonno disturbato. È che stiamo curando l'insonnia, ma soffrono anche di apnea notturna, gambe senza riposo e disturbi del ritmo circadiano?
- Marco Unruh, MD, Scuola di Medicina dell'UNM

Lo studio è stato condotto in 26 centri di dialisi ad Albuquerque e Seattle, a partire dal 2018, ha affermato. “Abbiamo esaminato 933 pazienti e poco meno del 50% di loro soffriva di insonnia moderatamente grave. Di questi, poco più di un quarto ha accettato di partecipare al processo. C’era molto interesse a riguardo”.

Alla fine, 126 partecipanti sono stati divisi in tre gruppi. Un gruppo è stato trattato con CBT-I, un intervento standardizzato fornito tramite Zoom da terapisti con formazione magistrale. La CBT-I aiuta le persone a ristrutturare le loro convinzioni imprecise o inutili sul sonno e fornisce un allenamento comportamentale per promuovere il rilassamento e abitudini di sonno sane. 

Un secondo gruppo ha ricevuto trazodone, un vecchio farmaco antidepressivo ampiamente prescritto off-label per l’insonnia a causa dei suoi effetti sedativi. Il terzo gruppo è stato selezionato in modo casuale per ricevere una pillola inerte come placebo al posto del trazodone. Ciascun gruppo è stato sottoposto a sei settimane di trattamento, quindi i sintomi dell’insonnia sono stati valutati a sette settimane e di nuovo a 25 settimane.

La qualità del sonno è stata valutata utilizzando dispositivi montati sul polso che registravano quanto i pazienti si giravano e si rigiravano durante la notte, nonché tramite questionari in cui i pazienti riportavano i loro sintomi, come sonnolenza e ansia.

"È stato interessante notare che quando tutti gli interventi, compreso il placebo, sono stati sovrapposti, non si è verificato alcun effetto dimostrabile, né con l'intervento CBT-I né con quello con trazodone", ha detto Unruh.

"I risultati dello studio sono stati un po' deludenti, ma è così che funziona", ha detto. “La maggior parte degli studi non sono positivi. La maggior parte degli studi sono negativi ed è opportuno progettarli in modo che siano comunque informativi. Penso che questo lo sia.

Anche se non era destinato a questo scopo, lo studio ha rilevato un rischio più elevato di gravi complicazioni cardiache nei pazienti a cui era stato prescritto il trazodone, ha detto Unruh. "Questo è in realtà qualcosa che è plausibile date le osservazioni in altri studi."

Nel frattempo, ci sono una serie di possibili spiegazioni per il fallimento di entrambi gli interventi nel migliorare il sonno tra i pazienti in dialisi, ha detto. Uno è che la dialisi stessa potrebbe in qualche modo causare il sintomo. Un altro è che i pazienti in dialisi tendono ad avere più di una condizione medica grave.

"Questa è una popolazione che ha molteplici ragioni per avere un sonno disturbato", ha detto Unruh. “Stiamo curando l'insonnia, ma soffrono anche di apnea notturna, gambe senza riposo e disturbi del ritmo circadiano? Forse come pratica dovresti avere una soglia più bassa per indirizzarli a un medico di medicina del sonno.

Una possibilità correlata è che l'insonnia sia causata dagli effetti collaterali o dalle interazioni di più farmaci che molti pazienti in dialisi assumono per i loro disturbi, ha detto.

"Il paziente medio in dialisi prende 13 farmaci – almeno 19 pillole al giorno", ha detto Unruh. "Portano le loro comorbilità, e poi ci sono farmaci che vanno di pari passo con la malattia renale allo stadio terminale."

Sebbene il trapianto di rene sia l’unica cura per le persone con malattia renale allo stadio terminale, Unruh e i suoi colleghi condividono l’interesse nel migliorare la qualità della vita dei pazienti. In precedenza hanno collaborato per uno studio sui trattamenti della depressione per i pazienti in dialisi che è stato adottato da un’importante rete di centri di dialisi.

"Ecco perché siamo andati in questa zona", ha detto. "Quando si fanno questi studi di grandi dimensioni e si fanno sondaggi, si vede che un'enorme percentuale di persone in dialisi ha disturbi del sonno e problemi del sonno, e questi in gran parte non vengono affrontati."

Categorie: Ricerca, Facoltà di Medicina