Gli esterni delle strutture UNM
By Michael Haederle

Impegno Costante

La dottoressa Patricia Finn porta l'equità sanitaria in primo piano e al centro nel suo nuovo ruolo di decano

Patricia Finn, MD, ha vissuto su entrambe le coste e, prima di trasferirsi ad Albuquerque la scorsa estate, a Chicago. Appena sistemato ai piedi del Monte Sandia, il nuovo preside della Facoltà di Medicina è stato recentemente trafitto dalla vista di un doppio arcobaleno.

"Mi sentivo come se fosse un segno che ero davvero arrivata a casa", dice.

Da quando ha iniziato il suo nuovo ruolo il 1 settembre, Finn ha fatto il punto sul suo nuovo ambiente e ha plasmato la sua visione per il futuro. "Poiché sono nuova di zecca, poiché sono appena arrivata, posso chiedere qualsiasi cosa a chiunque", dice.

Dichiara i suoi nuovi colleghi "completamente fantastici" per la loro dedizione alla cura del paziente. "Non puoi clonarlo", dice. "Mi sento davvero fortunato, perché vedo questo gruppo altruista impegnato a fare la cosa giusta".

Michael E. Richards, MD, MPA, Senior Vice President of Clinical Affairs, che ha servito come preside ad interim prima dell'arrivo di Finn, afferma che la sua profonda esperienza si sta rivelando inestimabile.

"La grande sfida per la dottoressa Finn è che sta arrivando all'indomani di significative interruzioni dell'assistenza sanitaria, tra cui la pandemia e un aumento del volume dei pazienti", afferma. "Porta un approccio alla gestione della School of Medicine che si adatta molto bene al New Mexico e a noi".

Più di recente, Finn è stata a capo del Dipartimento di Medicina, preside associato per le iniziative strategiche e direttore del programma associato per il programma di formazione per scienziati medici presso l'Università dell'Illinois a Chicago, dove suo marito, David Perkins, MD, PhD, ha guidato il trapianto di rene programma. È entrato a far parte del Dipartimento di Medicina Interna dell'UNM e co-dirige il programma MD / PhD presso la School of Medicine.

Finn vede somiglianze tra le due istituzioni. Entrambi erano ospedali con rete di sicurezza presso università statali le cui popolazioni di pazienti predominanti erano scarsamente servite e poco studiate.

Ma è anche in sintonia con lo status unico del New Mexico come stato di frontiera con significative disparità di salute. “In New Mexico abbiamo l'opportunità di soddisfare le esigenze della gente del New Mexico, e dovremmo – questa è la nostra missione – ma penso anche a soluzioni che ci permettano di creare poi una base di conoscenza che possa essere utilizzata da altri stati, o utilizzato a livello globale.

Finn fa risalire il suo impegno a servire i meno abbienti alla sua stessa educazione come figlia di immigrati irlandesi che si stabilirono a New York City. La famiglia si stabilì prima a Brooklyn, poi si trasferì nel Lower East Side di Manhattan, un quartiere ora noto come Alphabet City.

"Mio padre ha lavorato in ogni posto che puoi immaginare", dice. "Avrebbe questo lavoro notturno, questo lavoro diurno." Sua madre, che era handicappata, ha allevato quattro figli. “È una storia di cui sono davvero orgogliosa, e mi piace parlarne, perché ci hanno insegnato quella grinta ma anche rispetto – rispetto per l'umanità e l'uno per l'altro”, dice.

L'istruzione era molto apprezzata in famiglia. "Avevi bisogno, non importa se eri un ragazzo o una ragazza in casa mia, di avere un'istruzione", dice Finn. “Non è stato uno scherzo. I compiti scolastici venivano prima. Questo è probabilmente il motivo per cui sono un tale secchione.

Finn ha studiato antropologia alla State University di New York a Buffalo, quindi è tornato a New York per la facoltà di medicina e la residenza presso l'Albert Einstein College of Medicine. Ha preso in considerazione l'assistenza primaria, ma poi è arrivata l'esperienza che ha cambiato la carriera prendendosi cura di una giovane donna con asma grave. Vedere come le difficili circostanze socioeconomiche della sua paziente contribuissero alla sua malattia fu una rivelazione. "Mi ha spinto ad approfondire la scienza fondamentale", ha detto. "Questa è stata la mia passione e il mio impegno, integrare davvero la scoperta scientifica con la cura dei meno abbienti".

La tappa successiva è stata Boston, dove ha svolto una borsa di studio in pneumologia presso il Massachusetts General Hospital, affiliato ad Harvard. Ha completato il lavoro post-dottorato presso la Harvard School of Public Health prima di entrare a far parte della facoltà del Brigham and Women's Hospital di Harvard.

"È lì che ho iniziato in questo campo della scienza, integrando davvero ciò che potevo applicare alle malattie polmonari", afferma. "Ho davvero imparato l'immunologia fondamentale, poi l'ho applicata ai problemi clinici".

In poco tempo, Finn ha iniziato a ricevere chiamate per cercare posizioni di leadership. "Anche se non avevo preso in considerazione posizioni di leadership da solo, grazie al supporto dei miei colleghi e di altri, ho accolto con favore nuove opportunità". Ciò alla fine portò a trasferirsi all'Università della California, a San Diego, come professore di medicina Kenneth M. Moser e direttore della Divisione di medicina polmonare e terapia intensiva.

Le sono state offerte anche altre opportunità di leadership, incluso il ruolo di presidente dell'American Thoracic Society. "È lì che ho iniziato ad avere una voce nell'equità sanitaria", afferma. "È tutto legato a come possiamo creare un ambiente più inclusivo, non solo nella cura dei nostri pazienti, ma anche nella nostra scienza e nei nostri incontri quotidiani".

Lungo la strada, Finn e Perkins hanno cresciuto la loro figlia Devin, che ora lavora per l'Organizzazione Mondiale della Sanità. Alcuni anni fa, Finn ha frequentato la formazione per insegnanti di yoga insieme a sua figlia e ne è rimasta affascinata. "È stato uno dei momenti più difficili e soddisfacenti, perché devi davvero lasciare la tua vulnerabilità alla porta, soprattutto perché tua figlia è molto più brava!" lei dice.

Dopo essersi trasferita a Chicago nel 2012, "ho davvero abbracciato quelle che erano aree importanti per me e uno stava davvero pensando all'inclusione, scritta in grande", dice. "I numeri hanno mostrato che la nostra residenza in medicina interna aveva solo il 6% che era sottorappresentato in medicina". Ha lavorato con altri per migliorare il reclutamento e, quest'anno, quella percentuale era cresciuta fino al 50%.

Nella sua ricerca, Finn si è concentrata sul microbioma e sulle malattie polmonari immuno-mediate, tra cui asma, sarcoidosi, trapianti e lesioni polmonari, spesso in collaborazione con Perkins. Ma la sua educazione porta anche a un interesse costante nel mantenere la cura del paziente in prima linea nell'esplorazione scientifica.

 

Patricia Finn, dottoressa
Il mio discorso in ascensore riguarda sempre l'integrazione della scoperta scientifica con l'equità sanitaria. . . sta mantenendo il paziente al centro mentre formiamo la prossima generazione.
- Patricia Finn, MD

"Il mio discorso sull'ascensore riguarda sempre l'integrazione della scoperta scientifica con l'equità sanitaria", afferma. "Pensando a quell'integrazione, sta mantenendo il paziente al centro mentre formiamo la prossima generazione.'"

Mentre si imbarca nel prossimo capitolo della sua carriera, Finn confessa di essersi innamorata dello scenario del New Mexico e della sua gente.

"Qui posso portare fuori il mio cane e vedere le albe più incredibili che mi fanno davvero riflettere", dice. “Il respiro che respiro, che si basa un po' sulla mia passione per lo yoga, è piuttosto straordinario. Ti schiarisce davvero la mente e il cuore.

Categorie: Formazione scolastica , Facoltà di Medicina , Prima pagina