Traduci
${alt}

Domande sulla gravidanza

I ricercatori trovano un metodo più accurato per misurare l'uso di alcol prenatale

Quando i ricercatori sanitari chiedono alle donne incinte riguardo al loro consumo di alcol, le donne incinte possono sottostimare il loro consumo di alcol, ostacolando gli sforzi per ridurre al minimo l'uso di alcol in gravidanza e prevenire lo sviluppo di disturbi dello spettro alcolico fetale (FASD) nei bambini.

In un studio pubblicato di recente in Alcolismo: ricerca clinica e sperimentale, gli scienziati dell'Università del New Mexico hanno scoperto che la segnalazione da parte delle donne incinte del loro consumo rischioso varia notevolmente a seconda di come sono formulate le domande chiave.

La maggior parte delle donne sa che l'uso di alcol durante la gravidanza può danneggiare il nascituro - e questo porta alla paura di essere stigmatizzate o di affrontare conseguenze legali quando ammettono di bere, afferma l'autore principale Ludmila Bakhireva, MD, PhD, MPH, professore e direttore della sostanza Utilizzare il centro di ricerca e istruzione (SURE) presso l'UNM College of Pharmacy.

ludmila-bakhireva.jpg"Stiamo cercando di destigmatizzare questo e ottenere rapporti più accurati", ha detto Bakhireva. “Stiamo cercando di farlo in modo compassionevole senza incolpare la madre o indurre vergogna. Dal momento che circa la metà delle gravidanze negli Stati Uniti non sono pianificate, molte donne potrebbero bere prima di sapere di essere incinte».

Gli strumenti di autovalutazione esistenti sono adatti per identificare il consumo eccessivo di alcol, ha affermato Bakhireva, ma hanno meno probabilità di rilevare episodi di binge drinking o consumo moderato di alcol, che possono comunque rappresentare un rischio per il feto in via di sviluppo.

Bakhireva è stata affiancata nello studio dai colleghi del SURE Center Melissa Roberts, PhD, e Dominique Rodriguez, MA, insieme a Lawrence Leeman, MD, MPH, professore presso il Dipartimento UNM di Family & Community Medicine, e Sandra Jacobson, PhD, professoressa nel Wayne State University School of Medicine.

Hanno lavorato con 121 donne incinte di età compresa tra 18 e 43 anni, che si sono iscritte alla coorte Etanolo, Neurosviluppo, Salute infantile e infantile. Ogni donna è stata intervistata durante il secondo trimestre di gravidanza per quanto riguarda l'uso di alcol durante il mese intorno al concepimento, durante le settimane dall'ultimo ciclo mestruale e dal riconoscimento della gravidanza e durante gli ultimi 30 giorni.

Alle donne non è stato chiesto direttamente sull'uso di alcol durante la gravidanza. Invece, è stato chiesto loro il numero di bevande che hanno consumato l'ultima volta che hanno bevuto alcolici, la maggior parte delle bevande consumate nelle 24 ore dall'ultima mestruazione e il consumo in occasioni speciali, come feste e compleanni.

Solo il 3% delle donne ha riportato almeno un episodio che ha soddisfatto i criteri per il binge drinking (quattro o più drink per occasione) dall'ultimo periodo mestruale su un metodo di valutazione dettagliato del calendario che cattura la quantità e la frequenza del consumo di alcol.

Ma le percentuali sono cambiate quando le domande sono state poste in modo diverso. Il 52% ha ammesso di aver bevuto in un'occasione speciale e il 24% ha riferito l'equivalente del binge drinking l'ultima volta che ha consumato alcolici. Alla domanda sul numero massimo di bevande consumate in 89 ore, l'XNUMX% ha riconosciuto quattro o più bevande.

Le risposte che segnalano un consumo maggiore sono considerate probabilmente più accurate, quindi i ricercatori hanno concluso che è probabile che domande brevi e mirate alle donne in gravidanza sul numero massimo di bevande in 24 ore e sul numero totale di bevande durante l'episodio più recente di consumo di alcol. comportare un consumo di alcol autodichiarato molto più elevato.

"Il binge drinking all'inizio della gravidanza, che può rappresentare l'uso di alcol prima del riconoscimento della gravidanza per molte donne, è predittivo di bere rischioso più avanti nella gestazione ed è associato a esiti perinatali avversi", hanno scritto.

“Fare domande sul consumo di alcol durante l'intervallo di tempo dall'ultimo periodo mestruale stimato, invece di chiedere direttamente sull'uso di alcol 'in gravidanza', può anche suscitare risposte più oneste. Queste domande brevi e incisive, che possono essere poste prontamente dal medico, generano informazioni critiche per la salute a lungo termine della madre e del bambino”.

I ricercatori hanno avvertito che sono necessari ulteriori studi per stimare la validità di queste brevi domande e che le donne di ogni estrazione socioeconomica ed etnica potrebbero essere a rischio di bere non sicuro durante la gravidanza.

La FASD, che causa disabilità dello sviluppo che colpisce fino al 5% dei bambini negli Stati Uniti, è comunemente non diagnosticata o diagnosticata erroneamente, sottolineando la necessità di un'identificazione precoce del consumo di alcol in gravidanza.

Categorie: College of Pharmacy, Salute, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina, Salute Della Donna