Traduci
${alt}
di Michael Haederle

Variazione virale

Scienziati UNM rilevano una nuova mutazione SARS-CoV-2 nel New Mexico

Gli scienziati hanno scoperto che SARS-CoV-2 è un astuto avversario da quando è stato identificato per la prima volta in Cina poco più di un anno fa, con il nuovo coronavirus che dimostra una capacità ostinata di mutare mentre cerca di eludere il sistema immunitario umano.

Una coppia di scienziati dell'Università del New Mexico ha trovato prove che una nuova variante virale, denominata Q677P, è emersa nel New Mexico e nei vicini stati occidentali negli ultimi mesi, mentre una mutazione identica è apparsa in campioni prelevati in Louisiana.

In un articolo pubblicato questa settimana su medRxiv, il server di prestampa online per le scienze della salute, Darrell Dinwiddie, PhD, assistente professore presso il Dipartimento di Pediatria, e Daryl Domman, PhD, assistente professore presso il Center for Global Health, riferiscono che le mutazioni sono state trovate sulla proteina "spike", una caratteristica distintiva che svolge un ruolo chiave nell'aiutare il virus ad accedere alle cellule ospiti. La coppia è stata affiancata nello studio da colleghi dell'UNM e coautori in Louisiana, New York, Pennsylvania, Wyoming e Svizzera.

Non è chiaro a questo punto se la variazione appena identificata nel genoma del virus ne aumenti la trasmissibilità. "Questo è qualcosa che dobbiamo tenere d'occhio per capire se è così", dice Domman.

Le nuove scoperte sottolineano l'importanza della sorveglianza genomica in corso per vedere come il virus si sta alterando. Senza di essa, afferma Domman, "stiamo andando un po' alla cieca in termini di comprensione di come il virus sta rispondendo alle nostre misure di controllo".

Sono anche un promemoria che fa riflettere su ciò che gli scienziati stanno affrontando, dice Domman. “Sottolinea il fatto che, poiché abbiamo un numero di casi più elevato, a livello locale, regionale e nazionale, ognuno di questi nuovi casi è una nuova opportunità per il virus di esplorare e avere una mutazione ed essere un po' meglio dell'ultima volta. .”

Mentre si riproducono all'interno di una cellula ospite, i virus alterano costantemente piccole porzioni del loro genoma come difesa contro gli anticorpi che il sistema immunitario crea per neutralizzarli: le variazioni annuali del virus dell'influenza ne sono un esempio ben noto. Nel coronavirus, queste nuove mutazioni pongono sfide alla creazione di un vaccino efficace.

In altre parti del mondo sono state trovate mutazioni in posizioni simili sulla proteina spike COVID, afferma Dinwiddie, aggiungendo: "Non è una sorpresa che il picco sia dove si verificano molte di queste varianti".

Per gran parte dell'ultimo anno, Dinwiddie e Domman hanno sequenziato, depositato e monitorato i genomi SARS-CoV-2 registrati in GISAID, un database internazionale che fornisce accesso aperto a quasi 500,000 genomi di coronavirus raccolti da tutto il mondo.

Hanno scoperto che l'11.3% dei genomi raccolti dal New Mexico tra dicembre 2020 e gennaio 2021 riflette la nuova variante. Tuttavia, non è esclusivo dello stato ed è stato visto anche in Colorado, Wyoming e Texas. Ulteriori mutazioni nella stessa posizione nella proteina spike sono state trovate in tutto il mondo e sembrano essersi verificate indipendentemente - un caso, dicono, di quella che è nota come evoluzione convergente.

Mentre la giuria è fuori sul fatto che le nuove varianti aumentino la trasmissibilità del coronavirus, si teme che le mutazioni nella proteina spike possano ridurre l'efficacia dei vaccini di nuova introduzione, afferma Dinwiddie.

"I vaccini sono progettati non solo per attaccare un singolo punto in una proteina", afferma, ma "l'evidenza è che stiamo assistendo a una protezione ridotta contro alcuni di questi cambiamenti di picco con alcuni di questi vaccini".

La buona notizia è che l'innovativa tecnologia dell'RNA messaggero che è stata impiegata per sviluppare rapidamente i vaccini consente anche ai produttori di farmaci di modificarli per riconoscere e difendersi da nuovi ceppi virali, afferma.

Domman osserva: "Il nostro più grande strumento per assicurarci che i nostri vaccini rimangano efficaci è tenere il conto alla rovescia dei casi". E alla fine questo si traduce nelle solite vecchie attese: indossare mascherine, lavarsi accuratamente le mani e mantenere la distanza fisica.

Categorie: Salute, Ricerca, Facoltà di Medicina, Prima pagina