Traduci
${alt}
di Michael Haederle

Colpo di prevenzione

Studenti di medicina aiutano le donne incinte ad accedere al vaccino Tdap presso le cliniche UNM per la maternità e la pianificazione familiare

Il vaccino contro il tetano, la difterite, la pertosse (Tdap in breve) viene solitamente somministrato alle donne in gravidanza per proteggere i loro figli non ancora nati dalla pertosse, una grave infezione respiratoria meglio conosciuta come pertosse.

Ma per alcuni, solo ottenere l'accesso al vaccino può comportare sfide che portano a tassi più bassi di inoculazione.

Quando una coppia di studenti di medicina dell'Università del New Mexico ha appreso che le donne che ricevevano cure prenatali in tre cliniche UNM Maternity & Family Planning (M&FP) venivano inviate altrove per le vaccinazioni, hanno deciso di cercare una soluzione.

Amber Lalla e Katarina Leyba, ora al loro quarto anno alla UNM School of Medicine, hanno scoperto che le tre cliniche finanziate dal governo federale, situate in siti intorno alla città, mancavano di refrigerazione e generatori di riserva per conservare correttamente il vaccino in loco.

Le donne, molte delle quali non avevano un'assicurazione sanitaria, venivano indirizzate a cliniche altrove ad Albuquerque gestite dal Dipartimento della salute del New Mexico, dove potevano ricevere gratuitamente la vaccinazione Tdap.

Ma quelle cliniche richiedevano un appuntamento separato e sembrava che molti pazienti non seguissero il rinvio.

"Katarina e io amiamo la ricerca", dice Lalla. Hanno esaminato le cartelle cliniche di 350 donne incinte visitate in un periodo di cinque mesi per valutare l'impatto della richiesta ai pazienti di recarsi in un luogo diverso per le vaccinazioni. Un database in tutto lo stato li ha aiutati a determinare chi ha finito per ricevere i colpi.

"Abbiamo visto un'enorme differenza nei tassi di vaccinazione", afferma Lalla. Solo il 31.9 percento delle donne che ricevono cure presso le cliniche M&FP ha ricevuto la vaccinazione Tdap, contro il 71.9 percento nella clinica ostetrica dell'UNM Hospital (UNMH), che fornisce vaccinazioni in loco.

Per dare il contesto del loro studio, hanno anche confrontato i tassi di inoculazione con il vaccino antinfluenzale, che era prontamente disponibile presso le cliniche UNMH e M&FP. "I tassi di vaccinazione antinfluenzale erano molto simili", afferma Leyba. "Ha dimostrato che avere il vaccino in loco era uno dei fattori più significativi".

La coppia ha anche scoperto che le donne nelle cliniche M&FP hanno maggiori probabilità di ricevere il vaccino nel momento in cui è meno efficace, subito prima o dopo il parto, quando non può più muovere la placenta e può essere passato solo attraverso il latte materno.

"Questo rafforza l'idea che mettendo i vaccini in loco e aumentando l'accesso possiamo assicurarci che le donne ricevano questo vaccino quando è più efficace durante il periodo di tempo raccomandato di 27-36 settimane", ha affermato Lalla.

Il passo successivo è stato condividere i risultati della loro ricerca Tdap, afferma Leyba. "Siamo stati in grado di presentare i nostri dati alla riunione della New Mexico Immunization Coalition, mostrando che c'era una differenza oggettiva nei tassi di vaccinazione".

Dopo la presentazione dello scorso luglio, il Dipartimento della Salute ha accettato di fornire finanziamenti per un generatore di riserva in una delle cliniche per garantire la refrigerazione in caso di interruzione di corrente. Le altre due cliniche si trovano presso i siti First Choice Community Healthcare, che hanno accettato di conservare i vaccini nei propri frigoriferi.

"Il vaccino è nelle cliniche da aprile", afferma Leyba.

La coppia ha collaborato al progetto con Jody Stonehocker, MD, direttore del programma di residenza presso il Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia e direttore medico delle cliniche M&FP, e Melissa Martinez, MD, professoressa presso il Dipartimento di Medicina Interna.

La direttrice dell'unità infermieristica Jeanine Peek, RN, ha contribuito a implementare i nuovi protocolli, mentre l'infermiera-ostetrica Katrina Nardini ha contribuito a creare una nuova educazione del paziente e ha incluso la menzione del vaccino Tdap nel libro prenatale dato a ciascuna paziente incinta.

Categorie: Istruzione, Salute, Notizie che puoi usare, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina