Un anno pandemico

Medici, infermieri e tecnici dell'UNM hanno messo a rischio le loro vite nella peggiore crisi sanitaria in un secolo, quando i pazienti non avevano nessun altro a cui rivolgersi. Queste immagini raccontano la storia del loro coraggio e del loro impegno.

Le nostre persone in prima linea

Zinah Al Shamari fa la vaccinazione.

"Volevo essere in prima linea nell'assistenza sanitaria, essere prontamente disponibile per i pazienti e aiutare il più possibile". - Zinah Al Sharmai, studentessa di farmacia UNM

Alexander Thomas indossa una maschera.

“Credo davvero in quello che sto facendo. Quando si tratta di COVID, dobbiamo avere fiducia nella ricerca e nella scienza, che ci aiuteranno a tirarci fuori da questo”. - Alexander Thomas, Ospedale UNM OT

"Sono entusiasta di ricevere il vaccino perché ora ho più protezione per i miei pazienti e la mia famiglia". - Maria Kelly, CNP

Maria Kelly indossa una maschera.
Operatore medico che mette i vaccini nell'unità di raffreddamento.

La prima spedizione del vaccino Pfizer arriva all'UNMH.

Brandon Quinn indossa una maschera.

“Sono felice di far parte del processo di cura delle persone con COVID. Mi sono trasferito qui di recente da un altro stato. Sono impressionato dall'energia". - Brandon Quinn, medico UNM ER

Donna che riceve la vaccinazione contro il Covid-19 nella "fossa".

Il vaccino COVID somministrato all'arena sportiva "The Pit" di Albuquerque.

Colpo alla testa Kimberly Martinez.

"Nella mia unità COVID mi sono preoccupato di riportarlo ai miei tre figli e a mio marito, ma è confortante ottenere il vaccino". - Kimberly Martinez, insegnante di infermieristica

Operatore sanitario che parla con una donna e dirige il flusso del traffico.

L'infermiera di volo Lifeguard Verena Weissenborn aiuta un membro del pubblico a ottenere la sua vaccinazione COVID.

 

Tamara Howe sorridente indossando una maschera e mostrando il cerotto dove ha ricevuto la vaccinazione contro il covid.

“Ricevo così tanto supporto dalla squadra che mi circonda. È molto eccitante ora che abbiamo il vaccino. Sento che ora abbiamo qualche speranza". - Tamara Howe, infermiera pediatrica

“Quest'anno ho davvero iniziato a capire il potere della connessione umana, a volte ci dimentichiamo che le persone ne hanno bisogno... Anche le piccole cose che possiamo fare per i nostri pazienti aiutano.

Ho fatto un bagno a letto a un paziente COVID e alla fine mi ha detto quanto lo facesse sentire felice, e questo rende valsa la pena di tutta l'esposizione. - Hannah Gasper, infermiera traumatologica dell'ospedale UNM

“Sono Navajo e lavoro alla UNM da oltre 10 anni. Ero incinta all'inizio della pandemia e felice di ricevere il vaccino. Come qualcuno che lavora nel settore sanitario, era importante ottenere lo scatto, dobbiamo proteggere noi stessi e le persone di cui ci prendiamo cura". - Marsha Castillo, assistente alla gestione delle cure ospedaliere dell'UNM

Melissa Salazar indossa una maschera.

"Con COVID abbiamo fatto un sacco di cose di fine vita su Zoom, quindi è stato difficile." - Melissa Salazar, Traduttrice UNM

Marsha Castillo si fa vaccinare.

“Lavorando nella sanità era importante ottenere il vaccino. Dobbiamo proteggere noi stessi e coloro di cui ci prendiamo cura”. - Marsha Castillo, assistente alla gestione dell'assistenza

"Mi consolo un po' sapendo che ho i DPI per proteggermi e che so esattamente in cosa mi sto cacciando, ma...

a volte è difficile, spaventoso e richiede un pedaggio. Siamo qui dall'inizio del COVID e ne siamo stanchi, ma stiamo tutti facendo la nostra parte". - Brianna Davis, infermiera ospedaliera UNM

1342

Trasporti bagnini nel 2020

Decollo dell'elicottero medico.

Più di 300 trasporti legati al COVID.

Donna che riceve la vaccinazione.

Colpo di prevenzione

UNM Health ha iniziato a vaccinare i lavoratori in prima linea che hanno avuto contatti diretti con pazienti positivi al COVID a metà dicembre 2020.

Da lì, gli sforzi si sono ampliati per includere un centro di vaccinazione di massa a The Pit, l'arena sportiva dell'UNM e cliniche di vaccinazione nella contea di Sandoval.

LEGGI
MOLTO ALTRO

Colpo di prevenzione

UNM Health ha iniziato a vaccinare i lavoratori in prima linea che hanno avuto contatti diretti con pazienti positivi al COVID a metà dicembre 2020.

Da lì, gli sforzi si sono ampliati per includere un centro di vaccinazione di massa a The Pit, l'arena sportiva dell'UNM e cliniche di vaccinazione nella contea di Sandoval.

Utilizzando il sito di registrazione delle vaccinazioni del Dipartimento della salute del New Mexico, UNM Health è stata in grado di informare in modo rapido ed efficiente i membri della comunità idonei degli appuntamenti aperti da vaccinare. The Pit sta attualmente effettuando una media di circa 1,600 dosi al giorno, ma sono in atto piani per espandere le operazioni fino a 3,600 vaccinazioni al giorno.

UNM Health ha svolto un ruolo importante nell'aiutare il New Mexico a diventare il numero 1 nella nazione per la percentuale della sua popolazione che ha ricevuto almeno una dose di vaccino.

CHIUDI

Vaccini somministrati

Dicembre 15-31 7,192
Gennaio 1-27 20,809
Gennaio 28-febbraio 24 13,404
Febbraio 25-marzo 23 21,578
Totale 62,983

Grafico della progressione del COVID-19 da dicembre 2020 a marzo 2021

Ripartizione di quante dosi del vaccino COVID-19 sono state somministrate da UNM Health da quando ha ricevuto la prima spedizione di vaccini nel dicembre 2020.

Crescita del COVID

Traduttore che lavora alla scrivania.

Cura della traduzione

Per gran parte del 2020 l'UNM Hospital è stato difficilmente riconoscibile, non perché avesse un aspetto fisico diverso, ma perché, per gran parte dell'anno, i visitatori non erano più ammessi a causa della pandemia di SARS-CoV-2.

LEGGI
MOLTO ALTRO

CHIUDI

Cura della traduzione

I servizi linguistici per interpreti dell'UNMH aiutano i pazienti a superare il COVID-19 di Misty Salaz

Per gran parte del 2020 l'UNM Hospital è stato difficilmente riconoscibile, non perché avesse un aspetto fisico diverso, ma perché, per gran parte dell'anno, i visitatori non erano più ammessi a causa della pandemia di SARS-CoV-2.

La politica dei visitatori è stata limitata al fine di ridurre il numero di persone in ospedale, ma i lavoratori in prima linea, compreso il personale clinico e gli operatori sanitari, sono rimasti sul posto, occupandosi dei nuovi messicani. La maggior parte del personale non clinico lavorava da remoto a tempo pieno o seguiva un programma ibrido, a rotazione tra le proprie case e gli uffici.

In tempi non COVID, i membri del team dei servizi linguistici per interpreti (ILS) sono impegnati a rispondere alle richieste di interpreti di persona provenienti da tutto il sistema sanitario dell'UNM. I loro uffici erano pieni di membri del team che gestivano telefonate, fissavano appuntamenti video e traducevano documenti.

Ma con le restrizioni della pandemia, l'ufficio del dipartimento era quasi vuoto e solo pochi membri del personale erano a disposizione ogni giorno per assistere i pazienti ricoverati. Ma l'ufficio silenzioso è stato ingannevole: le richieste per i servizi del team ILS non sono diminuite a causa del COVID-19.

Colpo alla testa Fabian Armijo.“Come molti in tutto il sistema sanitario dell'UNM, il nostro team sta adattando il nostro modello di servizio. Non solo stiamo soddisfacendo le esigenze dei nostri pazienti, ma anche le esigenze dei pazienti in tutto il paese", afferma Fabiano Armijo, direttore dei servizi linguistici per interpreti e diversità, equità e inclusione presso l'UNMH.

“Sebbene durante la pandemia la maggior parte dei nostri servizi non sia di persona, stiamo ancora interpretando per i pazienti tramite video e telefono, oltre a fornire servizi di traduzione per centinaia di documenti interni urgenti, comunicazioni e segnaletica”.

Alcune delle eccezioni che garantiscono i servizi di persona includono i pazienti che vengono visitati nel dipartimento di emergenza, le conferenze di fine vita e le visite di pazienti sordi/ciechi, spiega Armijo.

Millie Smith, un'interprete/traduttrice medica spagnola che si è unita al team ILS più di cinque anni fa, ha fatto parte degli sforzi in prima linea per garantire una comunicazione efficace tra i pazienti che parlavano una lingua diversa dall'inglese e gli operatori sanitari durante la pandemia.

"Dal momento che non possiamo eseguire interpretazioni di persona, a volte è molto difficile eseguire interpretazioni video e telefoniche quando la maggior parte dei pazienti COVID-19 si trova in stanze appositamente attrezzate dove il livello di rumore è più alto del normale", afferma Smith. "Un'esperienza positiva è che, poiché i membri della famiglia non possono visitare i propri cari a causa delle restrizioni COVID-19, possono comunque far parte della cura o del trattamento del paziente tramite l'uso di interpreti telefonici o video".

Oltre ad essere il team di interpretariato sanitario interno più solido del New Mexico, l'UNMH è membro dell'Health Care Interpreter Network (HCIN), l'unica rete nazionale di interpretariato video ospedaliero da costa a costa. Gli ospedali membri dell'HCIN condividono gli interpreti attraverso una rete video che garantisce che i pazienti ricevano le cure nella lingua che capiscono.

Il team dell'UNMH ILS ha svolto attività di interpretariato per i pazienti COVID-19 e gli operatori sanitari in tutto il paese, tra cui il Kaiser Permanente Los Angeles Medical Center, il Parkland Hospital di Dallas e la Cambridge Health Alliance di Boston.

Melissa Salazar, un'interprete spagnola certificata per l'assistenza sanitaria, ha iniziato a lavorare all'UNMH 18 anni fa. Si è offerta volontaria per essere uno degli interpreti di persona per il Pronto Soccorso, che ha descritto come impegnativo e gratificante allo stesso tempo.

"La sfida per me non era entrare in stanze sospette di COVID o COVID-positive: è stato frustrante vedere le persone sentirsi sole e isolate, avere contatti minimi e lottare per capire ed essere capite", afferma Salazar.

È orgogliosa del fatto che il team ILS non abbia mai smesso di fornire servizi ai pazienti dell'UNMH e ai pazienti in tutto il paese. Sebbene i servizi di pronto soccorso siano per lo più disponibili di persona, la leadership del dipartimento ILS mantiene la sicurezza in prima linea programmando più turni video, aumentando il lavoro telefonico e creando opportunità per il personale di lavorare in remoto.

L'ILS ha fatto molta strada da quando è diventato un dipartimento ufficiale alla fine degli anni '1990, quando era composto da soli cinque interpreti per le lingue spagnolo, vietnamita e navajo. Nel corso degli anni, il team è cresciuto fino a raggiungere più di 30 interpreti e traduttori. Forniscono ancora servizi in spagnolo, vietnamita e navajo, ma il dipartimento ha recentemente aggiunto la lingua dei segni americana (ASL).

Interprete certificata ASL Cara Balestrieri è stata una delle due interpreti ASL assunte nel 2017 a causa dell'aumento delle richieste di servizi. Oltre ad alcune delle barriere sanitarie esistenti per chi è sordo o con problemi di udito, il COVID crea ulteriori problemi di comunicazione, ha spiegato Balestrieri.

"La lingua dei segni utilizza i movimenti della bocca, i movimenti del corpo e i segnali del viso per la grammatica", afferma Balestrieri. “Maschere e protezioni per gli occhi rendono difficile per i pazienti vedere il mio viso, ed è anche difficile per me vedere i volti dei miei pazienti. È anche difficile per i pazienti non udenti essere ricoverati in ospedale per lunghi periodi senza visitatori”.

Insieme a Salazar, Balestrieri risponde alle richieste tramite l'HCIN quando è in grado e ha assistito in prima persona ad alcune delle difficoltà simili che gli ospedali stanno affrontando in tutta la nazione. Come nel New Mexico, molti stati stanno affrontando molteplici richieste, come disastri ambientali e proteste pubbliche, che a loro volta possono porre ulteriori sfide per l'assistenza sanitaria, afferma.

"Stanno lottando con le proteste, che possono causare lesioni", afferma Balestrieri. “Ho anche visto l'isolamento e la solitudine dei pazienti sordi ricoverati in altri stati. I pazienti mi raccontano anche della mancanza di servizi di interpretariato negli Stati che stanno vivendo disastri naturali e disordini sociali”.

Sebbene il COVID-19 sia complicato, spaventoso e comporti le barriere sanitarie esistenti, Balestrieri e i suoi colleghi continuano, incoraggiando i pazienti e ricordando loro il nuovo mantra della pandemia: "Non siamo soli".

Educazione virtuale

LEGGI
MOLTO ALTRO

Quando è iniziata la pandemia di COVID-19, molte università hanno dovuto trovare modi per educare gli studenti a distanza, tra cui l'Università del New Mexico College of Nursing.

Studenti di infermieristica che si esercitano con la pompa a palloncino su un paziente simulato.
Pallone a fondo tondo trattenuto mentre il liquido cambia colore.
Donna che utilizza la realtà virtuale.

Educazione virtuale

di Kara Leasure Shanley

CHIUDI

Quando è iniziata la pandemia di COVID-19, molte università hanno dovuto trovare modi per educare gli studenti a distanza, tra cui l'Università del New Mexico College of Nursing.

"Con COVID, il nostro mondo si è capovolto", afferma Kathy Grand, MSN-Ed, RN. "Abbiamo finito per cercare di rimescolarci e capire come dare loro una qualche forma di esperienza con la cura del paziente".

Prima della pandemia, gli studenti seguivano un programma fitto di appuntamenti, afferma Grand, docente senior presso il College of Nursing. Avevano fino a 96 ore di lavoro clinico oltre a lezioni e laboratorio, ma le cose sono cambiate una volta che il COVID-19 ha colpito.

"Non hai mai pensato di andare a lezione, stare con tutti i tuoi coetanei, interagire con i tuoi insegnanti ogni giorno", afferma Adam Karig, uno studente di infermieristica di livello 4. "Non ti sei mai veramente preoccupato di quello che dobbiamo fare ora."

Grand e i suoi colleghi hanno cercato modi per offrire ai loro studenti un'esperienza clinica con l'aumento della pandemia. Fortunatamente, hanno avuto un'idea: un software di simulazione virtuale chiamato The Point.

"È un po' come un videogioco", dice Karig. "Ti permette di essere un'infermiera virtuale e di interagire e prenderti cura di un paziente in diversi scenari."

Gli studenti usano i loro computer per controllare ciò che dice e fa l'infermiera virtuale, visualizzare le informazioni mediche sul paziente virtuale e riflettere su come si sono sentiti dopo la simulazione. Il software consente inoltre agli studenti di scegliere tra 10 diversi scenari in varie discipline.

"Puoi scegliere tra un paziente che ha un episodio ipoglicemico o una frattura che sta sanguinando", dice Grand.

A Karig piace poter interagire con pazienti che normalmente non potrebbe vedere, come un paziente psichiatrico, utilizzando il software. "Ti dà una prospettiva su come sono questi pazienti in diversi tipi di scenari", dice.

Grand concorda sul fatto che questa sia una delle migliori caratteristiche del software. Gli studenti dovrebbero acquisire maggiore sicurezza nella clinica dopo aver utilizzato la simulazione virtuale per partecipare e fare pratica su come rispondere a situazioni più avanzate, come un bambino che codifica, afferma.

Grand afferma che far ripetere agli studenti gli scenari più volte li aiuta anche a ricordare ciò che è necessario per una diagnosi, indipendentemente dalla causa sottostante. Karig è d'accordo. "Aiuta a consolidare il processo infermieristico, in modo che si traduca sicuramente in contesti di vita reale", afferma. "Ti aiuta a pensare a come avvicinarti e prenderti cura di questi pazienti".

Karig apprezza anche di essere libero di prendersi il suo tempo, pensare a uno scenario senza troppa pressione e provare cose diverse con il software. "Ti dà più autonomia di quella che otterresti come studentessa infermiera", dice.

I maggiori limiti del software hanno a che fare con l'apprendimento iniziale come controllare il software e l'incapacità dello studente di deviare dalle risposte e dalle azioni script, dice. "A volte, potrebbe esserci qualcosa che vorrei poter fare, e nella vita reale che probabilmente farei, ma il programma potrebbe non permetterti di farlo", dice Karig.

Sebbene Grand sappia che The Point, come qualsiasi programma, non è perfetto, pensa che costruire attorno ad esso con conferenze post-simulazione e lavori di laboratorio abbia migliorato le capacità degli studenti dal loro ritorno alla clinica. "Penso che gli studenti abbiano imparato molto di più di quanto mi aspettassi, il che è stato molto eccitante", afferma.

Grand è anche felice delle risposte degli studenti al programma. "So che gli studenti preferiscono l'ambiente clinico, ma ho sentito da molti studenti che sono contenti di aver avuto l'opportunità di fare simulazioni virtuali e hanno imparato molto", afferma.

Donna che utilizza la realtà virtuale.

Il Viaggio

Alcuni anni fa, Douglas Ziedonis ha collaborato con un amico percussionista per registrare The Journey, una raccolta di brani dall'atmosfera inquietante eseguiti su strumenti a fiato e archi tradizionali nativi americani, lettoni e africani.

LEGGI
MOLTO ALTRO

CHIUDI

Il Viaggio

Douglas Ziedonis, MD, MPH, ha svolto molte parti nel suo percorso verso la leadership di UNM Health Sciences di Michael Haederle

Alcuni anni fa, Douglas Ziedonis ha collaborato con un amico percussionista per registrare The Journey, una raccolta di brani dall'atmosfera inquietante eseguiti su strumenti a fiato e archi tradizionali nativi americani, lettoni e africani.

Il titolo dell'album descrive in modo appropriato il percorso di carriera di un figlio di immigrati lettoni che sarebbe poi diventato un importante psichiatra, ricercatore e amministratore delle dipendenze - e ora vicepresidente esecutivo per le scienze della salute presso l'Università del New Mexico e CEO dell'UNM Health System .

Ziedonis, che ha assunto i suoi nuovi ruoli il 1 dicembre, porta interessi eclettici e decenni di esperienza nella medicina accademica. Non ha perso tempo per conoscere i suoi nuovi colleghi e padroneggiare le minuzie che accompagnano il lavoro.

"Mi sento come se fossi qui da mesi, piuttosto che da giorni", dice in un'intervista poco prima delle vacanze invernali. Ha valutato college e programmi di scienze della salute, alla ricerca di opportunità per espandere o creare nuove partnership.

"C'è un grande gruppo di leader con cui posso lavorare in Scienze della salute e nel campus principale", dice. “È stato nel bel mezzo dell'accelerazione della pandemia, che è stato il momento più impegnativo della mia carriera. Sono molto orgoglioso per la nostra fantastica forza lavoro qui, che è in prima linea”.

Ziedonis, che di recente è stato vice rettore associato per le scienze della salute presso l'Università della California, San Diego, è stato anche docente a Yale, Rutgers e all'Università del Massachusetts. Lui e sua moglie, Patrice, hanno attraversato il paese da quando si sono incontrati mentre stava facendo la sua residenza psichiatrica in California.

Ora stanno affittando felicemente una casa nello sviluppo dell'High Desert ai piedi della montagna di Sandia e godendosi il clima unico del New Mexico. "Amiamo l'idea che possa nevicare al mattino e con il sole se ne va", dice.

Ziedonis fuori

I primi anni

Ziedonis è cresciuto a Betlemme, in Pennsylvania, dove suo padre, emigrato dalla nativa Lettonia dopo la seconda guerra mondiale, era un ministro luterano e un professore universitario.

Dopo essersi laureato al Davidson College in North Carolina, Ziedonis ha frequentato la facoltà di medicina alla Penn State con l'idea di diventare un medico di famiglia, ma ha cambiato corso dopo che un amico lo ha esortato a richiedere una borsa di studio dal National Institutes of Health per uno studio sulla misurazione del sangue cerebrale flusso nelle pecore. Ziedonis è stato morso dall'insetto della ricerca e ha riscontrato un crescente interesse per il funzionamento del cervello.

Nel 1985 si è trasferito all'UCLA per una residenza in psichiatria generale, unendosi ai colleghi che stavano conducendo ricerche all'avanguardia sulla dipendenza da cocaina utilizzando la tomografia a emissione di positroni (PET) per modificare le immagini nel cervello. Nel laboratorio accanto, un altro team stava usando le scansioni PET per studiare i trattamenti del linguaggio per il disturbo ossessivo-compulsivo. "Questo è stato un punto di svolta per me, perché è stato il primo studio a dimostrare che il cervello cambia con la psicoterapia", dice.

Ziedonis ha completato una borsa di studio in psichiatria delle dipendenze all'UCLA, poi si è trasferito a Yale nel 1990 come assistente professore, dove aveva le mani impegnate.

"Ero il direttore medico di una clinica di metadone che aveva 750 pazienti", dice. “Il quarantacinque percento di loro era sieropositivo e non avevamo una soluzione per loro in quel momento. Ho avuto un centinaio di pazienti che erano incinte. Dio ti porta cose che non ti aspetti.”

Nel frattempo, stava anche sviluppando un programma per curare le persone con malattie mentali concomitanti e diagnosi di abuso di sostanze. "Ho avuto 350 pazienti in più che erano in una clinica ambulatoriale senza farmaci", dice. “Ho anche gestito un programma intensivo ambulatoriale serale con i pazienti. Facevo consulenze e avevo il mio piccolo ambulatorio. Quindi ero estremamente impegnato clinicamente”.

Ziedonis è riuscito a trovare il tempo lungo la strada per completare il suo master in sanità pubblica. "Questo è stato il punto di svolta per me nel diventare un serio medico-scienziato con la capacità di avere finanziamenti indipendenti", dice.

Nel 1998 si è trasferito alla Rutgers University, dove ha ampliato i suoi interessi fino al trattamento della dipendenza da tabacco, lavorando con il dottor John Slade, acclamato ricercatore e nemesi dell'industria del tabacco.

Ricerca sulle forme della spiritualità

Ziedonis ha coltivato un interesse permanente per la consapevolezza e la spiritualità che ha contribuito a plasmare le sue priorità come ricercatore, clinico e amministratore. "Mi è stato insegnato a pregare presto nella vita, e ricordo molto giovane, era qualcosa di importante", dice.

Al college, ha studiato filosofia cinese e buddismo e ha praticato la meditazione trascendentale. Alcuni anni dopo conobbe il lavoro di Jon Kabat-Zinn, un biologo molecolare dell'Università del Massachusetts che fondeva elementi di meditazione Zen e yoga in una modalità terapeutica secolare nota come Riduzione dello stress basata sulla consapevolezza (MBSR).

"Quando ero all'UCLA negli anni '80, ho iniziato a integrare un po' di consapevolezza nella mia pratica clinica", afferma Ziedonis. Mentre era a Rutgers, ha anche lavorato come visiting professor al Princeton Theological Seminary. "Per me, la spiritualità si allinea anche con la diversità, perché siamo di fedi diverse", dice. "Capire il background di qualcuno e ciò che conta per loro - quali sono alcune delle loro convinzioni e valori fondamentali - è una finestra importante, anche se non ci si arriva da un punto di vista basato sulla fede".

Ziedonis è entrato a far parte della facoltà UMass come professore di ruolo nel 2007 e ha avuto modo di lavorare in prima persona con Kabat-Zinn e la sua clinica per la riduzione dello stress. "Non erano abituati al fatto che uno psichiatra fosse aperto a questo", dice. “Nel mio dipartimento l'abbiamo integrato in tutto il nostro insegnamento, ricerca e lavoro clinico. Poi sono diventato davvero ben radicato nell'MBSR e nella terapia cognitiva basata sulla consapevolezza".

Mentre era in UMass ha anche gestito un programma di leadership per medici consapevoli e quando è passato alla UCSD nel 2017 ha portato con sé la formazione di leadership basata sulla consapevolezza. "Ora è un corso alla facoltà di medicina per gli studenti", dice.

Ziedonis ha anche accettato di servire come direttore esecutivo del Center for Mindfulness della UCSD, oltre ai suoi altri doveri. Quando la pandemia ha costretto la chiusura dei campus in tutto il paese, ha contribuito a creare una risorsa online in cui le persone potevano riunirsi per meditare virtualmente da tre a cinque volte al giorno, nonché una raccolta di registrazioni a cui potevano accedere in qualsiasi momento. "Ricevevamo più di 200 persone al giorno e più di mille persone al giorno con le registrazioni", dice.

"La fusione di consapevolezza e lavoro di auto-compassione sono davvero alcune abilità importanti per i medici", aggiunge. “I medici sono davvero severi con se stessi. Si aspettano di essere perfetti e hanno un livello davvero alto. Quindi, imparando modi per stare bene con te stesso - l'umanità comune condivisa, avere un po' di gentilezza verso te stesso.

Musicologo chiuso

Quando si tratta del suo serio hobby di collezionare e suonare strumenti musicali tradizionali, Ziedonis si definisce "un musicologo chiuso". Si esibisce su uno strumento a fiato lettone chiamato stabule e il kokle, una cetra a corde. Ha suonato strumenti africani, tra cui djembe, balafon e kora, e ha una vasta collezione di flauti nativi americani realizzati da artigiani Navajo e Jemez Pueblo, tra gli altri.

"Mi piace conoscere la musica e la cultura di diversi gruppi", dice. "Durante la mia carriera, ho portato un flauto dei nativi americani nei miei viaggi." Durante un viaggio di ricerca a Creta, lui e sua moglie decisero di visitare un negozio di musica per assaggiare strumenti tradizionali greci. "Improvvisamente, siamo in qualche vicolo, e nessuno conosce l'inglese, e io non so il greco - e lei dice, 'Come siamo arrivati ​​qui?'"

Ziedonis tirò fuori il suo flauto e iniziò a suonare con i musicisti locali. "Per me, queste sono alcune cose divertenti dei viaggi", dice. “Penso alla musica come linguaggio di comunicazione. Quando non hai l'altra lingua, puoi avere quella".

Il figlio della coppia, Mason, vive a New York City, dove lavora per Goldman Sachs. La loro figlia Michelle, che ha un master in dietetica, ha trascorso parte del 2020 lavorando in un centro medico di Los Angeles in Virginia che era pieno di pazienti COVID. "Possiamo apprezzare la prima linea e tutte le pressioni sulle famiglie che devono affrontare", afferma Ziedonis.

Tuttavia, sa che la pandemia non durerà per sempre. "Il lato spirituale, il lato meditativo di me adora stare nel New Mexico e non vede l'ora che arrivino i tempi non COVID e più viaggi", dice. "Sono davvero attratto da tutta la diversità che c'è qui: la storia e le culture."

Picture Perfect

La patologa dell'UNM Evelyn Lockhart dà vita ai suoi soggetti attraverso illustrazioni mediche di Michael Haederle

Quando ha frequentato la prestigiosa Interlochen Arts Academy del Michigan come studentessa delle superiori, Evelyn Lockhart, MD, ha frequentato i ragazzi del teatro e si è specializzata nella creazione di trucchi teatrali ed effetti speciali.

Anni dopo, ha messo a frutto quelle abilità in un ambiente educativo con i suoi colleghi medici, preparando lotti di "sangue" da palcoscenico dall'aspetto realistico per presentazioni vivide sulla trasfusione e su come gestire la perdita di sangue.

Colpo alla testa Evelyn Lockhart

Ora Lockhart, professore associato presso il Dipartimento di Patologia dell'UNM, ha portato i suoi interessi artistici in un'altra direzione. Negli ultimi anni si è costantemente dedicata alla padronanza dell'arte dell'illustrazione medica.

Durante il master in comunicazione biomedica presso l'Università di Toronto, Lockhart ha imparato il disegno a mano libera e una suite di applicazioni di progettazione grafica di fascia alta per creare immagini elegantemente intricate di organi umani, vasi sanguigni e insetti.

I suoi corsi si sono estesi anche all'animazione, alla visualizzazione dei dati e ad altri metodi per comunicare informazioni complesse. Lockhart spera di mettere a frutto le sue nuove competenze nella costruzione di un business nelle comunicazioni biomediche.

Le sue creazioni visive le valgono la borsa di studio Inez Demonet del Vesalius Trust for Visual Communication in the Health Sciences.

Lockhart, che è arrivato alla UNM dopo aver prestato servizio alla Duke University School of Medicine, ricorda di aver frequentato solo una lezione di disegno al liceo. Un interesse nascente per l'illustrazione medica l'ha portata a iniziare a creare un portfolio di disegni, che alla fine ha portato al suo master.

"Molto di questo era l'istruzione online", dice. "Ho fatto un programma online di illustrazione della storia naturale."

Tornata a casa nel New Mexico, Lockhart spera che il suo lavoro aiuterà gli studenti delle professioni sanitarie ad acquisire una migliore comprensione del corpo umano mentre sviluppano le loro abilità.

"La nostra formazione medica si basa sulle immagini", afferma. “Durante la pandemia, abbiamo visto come le immagini informano la nostra comprensione dei concetti medici e scientifici. Gli illustratori medici hanno la responsabilità di creare le loro visualizzazioni nel modo più accurato possibile".

Osso centrale.

Joint Venture

@ UNM Sandoval Regional Medical Center & Health Sciences Rio Rancho Campus

LEGGIMOLTO ALTRO

Joint Venture

@ UNM Sandoval Regional Medical Center & Health Sciences Rio Rancho Campus

CHIUDI

Apertura del centro di eccellenza UNM per la chirurgia e la riabilitazione ortopedica presso il campus di Scienze della salute di Rio Rancho

di Michael Haederle

Colpo alla testa Jamie Silva SteeleÈ in corso la costruzione del Centro di eccellenza per la chirurgia e la riabilitazione ortopedica dell'Università del New Mexico, una nuova struttura nel campus di Rio Rancho di UNM Health Sciences che unirà attività cliniche, educative e di ricerca sotto lo stesso tetto.

La struttura a due piani di 50,000 piedi quadrati, situata adiacente all'UNM Sandoval Regional Medical Center (SRMC) nel centro di Rio Rancho, dovrebbe aprire il prossimo novembre, ha affermato Jamie Silva-Steele, RN, MBA, presidente e CEO di SRMC. Comprenderà sale d'esame per i pazienti da consultare con i chirurghi, un ampio laboratorio di ricerca ortopedica e una struttura di riabilitazione.

"È una grande sinergia con ciò che sta già accadendo in SRMC", ha detto Silva-Steele, osservando che l'ospedale ospita già una solida pratica di sostituzione dell'articolazione. “Ciò che immagino nel corso del periodo di cinque anni è che aggiungeremo altri cinque chirurghi articolari totali, oltre agli studenti. Ci aiuta solo a massimizzare la nostra piattaforma chirurgica”.

Il progetto da 21 milioni di dollari viene finanziato attraverso le entrate fiscali lorde di Rio Rancho, con parte del denaro proveniente dal denaro contante e 15 milioni di dollari da obbligazioni raccolte a fronte di future entrate fiscali, ha affermato.

La maggior parte degli interventi di sostituzione dell'articolazione dell'UNM Health, tra cui l'anca totale, il ginocchio totale, il piede e la caviglia, il gomito e le spalle, vengono già eseguiti presso l'SRMC.

La nuova struttura fornirà anche ampio spazio per la ricerca, ha affermato l'ingegnere biomeccanico Christina Salas, PhD, assistente professore presso il Dipartimento di Ortopedia e Riabilitazione e assistente speciale del preside della Facoltà di Ingegneria. Comprenderà anche una stanza per un laboratorio per cadaveri e due postazioni di biosicurezza di livello 2.

Colpo alla testa di Christina Salas.Salas, che attualmente gestisce tre laboratori presso l'UNM Health Sciences Center e la UNM School of Engineering, ha in genere da cinque a 10 studenti laureati e tra 10 e 15 studenti universitari che lavorano in un dato momento.

"Sono davvero entusiasta perché attualmente ho tre laboratori in due campus separati e trascorro molto del mio tempo guidando avanti e indietro", ha detto. Il design ospiterà anche i visitatori che possono vedere in sicurezza il lavoro svolto attraverso una parete di vetro, riflettendo la missione educativa della struttura, ha affermato Salas.

La nuova struttura è un importante passo avanti in un piano generale di 30 anni per il campus dell'UNM Health Sciences Rio Rancho, ha affermato Silva-Steele.

Ulteriori centri di eccellenza potrebbero eventualmente essere situati nelle vicinanze, ha affermato, e la città sta aprendo un centro comunitario multiuso nelle vicinanze. Ci sono piani a lungo termine per aggiungere al mix paesaggistica, alloggi a breve termine, spazi commerciali e altri servizi.

Silva-Steele ha attribuito a Rio Rancho la sua visione nell'aiutare a far crescere la presenza del Centro di scienze della salute.

"Ha funzionato magicamente, dove la città ha un forte desiderio di utilizzare l'imposta sulle entrate lorde", ha detto. "C'è molto desiderio per la comunità di vedere i vantaggi di avere UNM qui."

Logica della scoperta

LEGGI
MOLTO ALTRO

In quanto principio guida dell'informatica, la logica è uno degli strumenti più importanti in tutta la scienza e la tecnologia. Guida anche Tudor Oprea, MD, PhD, a porre domande filosofiche su cosa sono le malattie e come trovare nuovi farmaci per curarle o curarle.

Tudor Oprea lavora alla lavagna.
Colpo alla testa Tudor Oprea.
Colpo alla testa Tudor Oprea.

Logica della scoperta

di Kara Leasure Shanley

CHIUDI

In quanto principio guida dell'informatica, la logica è uno degli strumenti più importanti in tutta la scienza e la tecnologia. Guida anche Tudor Oprea, MD, PhD, a porre domande filosofiche su cosa sono le malattie e come trovare nuovi farmaci per curarle o curarle.

"Ad essere sinceri, a volte ci sono notti in cui non riesco a dormire a causa di questo", dice. "Non abbiamo risposte e la maggior parte degli scienziati con cui parlo non sembra essere infastidita da questo". Questo disagio e il suo approccio per correggerlo hanno guidato la curiosità e la determinazione di Oprea per tutta la sua carriera.

Oprea, professore e capo della Divisione Informatica Traslazionale presso il Dipartimento di Medicina Interna dell'Università del New Mexico, è cresciuto in Romania, dove ha imparato ad affrontare tutto con una sana dose di scetticismo.

"Questa è la prima cosa del crescere lì - le bugie del partito (comunista) - che mi ha portato a rifiutarmi di leggere qualsiasi cosa in lingua rumena, perché pensavo che tutto fosse una bugia", dice.

Invece, Oprea ha cercato fantascienza e altri libri in inglese e francese, incluso uno in particolare. "In qualche modo, mi è caduto tra le mani un libro di chimica generale e ho iniziato a leggerlo come un romanzo", ricorda.

Quello fu il momento in cui Oprea capì che voleva studiare chimica, ma quando fu reclutato dall'esercito, scoprirono che era parzialmente daltonico, il che in Romania significava che non poteva guidare, lavorare con i computer o studiare chimica (anche se ha fatto tutti e tre da allora).

Quindi, ha deciso di proseguire il suo MD/PhD presso l'Università di Medicina e Farmacia mentre sopportava blackout programmati dal governo e interruzioni dell'acqua calda. Nel suo tempo libero, Oprea ha anche cercato esperti nella sua università per insegnargli la chimica quantistica e come i farmaci interagiscono con i recettori proteici.

Tuttavia, mentre faceva volontariato in un ospedale della contea vicino alla sua città natale, una carenza di steroidi indotta dal governo ha portato alla morte di 10 pazienti per anafilassi. "Ho deciso che non voglio essere un medico in un sistema che uccide le persone", dice Oprea.

Fortunatamente, la sua sconfinata curiosità lo ha portato su una nuova strada.

Dopo aver visto per la prima volta modelli molecolari tridimensionali, Oprea ha preso posizioni post-dottorato studiando modelli molecolari e proteici nel Missouri e nel New Mexico, seguite da una posizione di ricerca presso Astra Zeneca in Svezia e una cattedra presso la West University di Timișoara in Romania.

Lì, il suo interesse si è evoluto di nuovo, questa volta è stata la scoperta di farmaci.

Oprea è tornata nel New Mexico nel 2002 per lavorare allo screening dei farmaci ad alto rendimento con Bruce Edwards, PhD, e Larry Sklar, PhD, nel Center for Molecular Discovery dell'UNM. Ha continuato a costruire il database Drug Central per la scoperta di farmaci, scoprire nuovi farmaci contro il cancro con i suoi collaboratori Eric Prossnitz, PhD, e Angela Wandinger-Ness, PhD, e guidare il Knowledge Management Center for Illuminating the Druggable Genome.

Oggi, l'attenzione di Oprea si è spostata sull'ignoto, compreso il genoma oscuro – geni e proteine ​​le cui funzioni nel corpo umano non sono ben comprese – e le malattie rare. Oprea si è rivolta all'informatica per aiutare a decifrare questi misteriosi argomenti.

"Quando prendo tutte queste conoscenze e provo a metterle insieme, sto guardando quali sono le definizioni per le malattie", dice. "Sto cercando di mappare le malattie come bersagli per i farmaci".

Nella sua mente, il risultato più orgoglioso di Oprea finora è stato quello di inserire due farmaci - raltegravir e ketorolac - in studi clinici per curare il cancro attraverso le sue collaborazioni con ricercatori e medici dell'UNM. "Faccio davvero il tifo per noi avere un farmaco sul mercato", dice, "perché penso che aiuterebbe davvero a mettere l'università sulla mappa della scoperta di farmaci".

Colpo alla testa Tudor Oprea.

Il cancro ovarico ricorrente incontra la sua corrispondenza

Gli studi clinici svolgono un ruolo importante nella cura del cancro. Consentono a medici e scienziati di migliorare le cure nel tempo e possono persino aiutare i partecipanti alla sperimentazione dando loro accesso a trattamenti salvavita prima che tali trattamenti siano generalmente disponibili.

LEGGI
MOLTO ALTRO

CHIUDI

Il cancro ovarico ricorrente incontra la sua corrispondenza

Sarah Adams, MD, testa una nuova combinazione di farmaci che ha sviluppato per trattare il cancro ovarico ricorrente di Michele Sequeira

Gli studi clinici svolgono un ruolo importante nella cura del cancro. Consentono a medici e scienziati di migliorare le cure nel tempo e possono persino aiutare i partecipanti alla sperimentazione dando loro accesso a trattamenti salvavita prima che tali trattamenti siano generalmente disponibili.

Colpo alla testa Sarah Adams.Sarah Adams, MD, ginecologa oncologa e oncologa, spera che la sua sperimentazione clinica nazionale possa non solo aiutare le donne a combattere il cancro ovarico, ma anche a mantenerlo contenuto.

Il cancro ovarico ha sintomi poco chiari e nessun test di screening che lo prenda nelle sue fasi iniziali, prima che si diffonda ai linfonodi o ad altri organi. Meno della metà delle donne con diagnosi di cancro ovarico vive per più di cinque anni dopo la diagnosi e queste probabilità di sopravvivenza non sono cambiate in modo significativo per un po' di tempo.

Se rilevato nelle fasi iniziali, il tasso di sopravvivenza relativa a cinque anni è superiore al 90%, secondo il National Institutes of Health Surveillance, Epidemiology and End Results Program. Tuttavia, in quasi il 60% delle donne con diagnosi di cancro ovarico, il cancro ha già metastatizzato.

Sebbene il cancro ovarico possa essere trattato con chemioterapia e chirurgia, il cancro alla fine ritorna nella maggior parte delle donne, con conseguente scarso tasso di sopravvivenza globale. Adams ha sviluppato un nuovo trattamento che è in fase di sperimentazione nelle donne con carcinoma ovarico ricorrente dopo la chemioterapia.

Dedizione alla ricerca sul cancro

Adams è Victor e Ruby Hansen Surface Endowed Professor in Ricerca sul cancro ovarico presso il Comprehensive Cancer Center dell'Università del New Mexico e professore associato presso la Divisione di oncologia ginecologica presso il Dipartimento di ostetricia e ginecologia dell'UNM.

I suoi studi iniziali sui modelli di cancro sono stati supportati dall'UNM Cancer Center, un premio per la ricerca all'inizio della carriera dell'Ovarian Cancer Research Fund Alliance e un finanziamento pilota della Oxnard Foundation.

Questi studi hanno dimostrato il successo della combinazione di due approcci terapeutici: terapia mirata al tumore che utilizza un inibitore di PARP per uccidere le cellule tumorali e immunoterapia che utilizza un anticorpo per sensibilizzare le cellule T del sistema immunitario alle cellule del cancro ovarico. Adams sta ora testando questa combinazione in studi clinici di fase 1 e fase 2.

Adams ha aperto uno studio clinico sul cancro ovarico presso l'UNM Cancer Center nel 2016. Lo studio clinico, che si basava sulle sue scoperte di ricerca in modelli di cancro, ha avuto risultati iniziali promettenti ed è stato quindi selezionato per essere il primo studio clinico nazionale aperto attraverso l'Oncologia Research Information Exchange Network, un consorzio di 18 centri oncologici designati dal National Cancer Institute. Questo studio ha completato l'iscrizione nel luglio 2020.

La ricerca di Adams inizialmente si è concentrata sul cancro ovarico correlato a BRCA. BRCA1 e BRCA2 sono geni che tutti noi trasportiamo e codifichiamo proteine ​​coinvolte nella riparazione del DNA. Le donne con mutazioni del gene BRCA corrono un alto rischio di cancro al seno e alle ovaie. Le cellule con geni BRCA mutati si affidano a percorsi alternativi di riparazione del DNA che utilizzano una classe di proteine ​​chiamata poli (adenosina difosfato-ribosio) polimerasi o PARP.

La terapia di Adams utilizza un inibitore PARP che uccide le cellule cancerose impedendo alle proteine ​​PARP di svolgere il loro lavoro di riparazione. Gli inibitori di PARP non influenzano le cellule sane perché hanno proteine ​​BRCA funzionanti con cui riparare il loro DNA. "La terapia è specifica per le cellule tumorali", afferma Adams, "quindi è ben mirata".

La ricerca di Adams e altri ha dimostrato che la terapia immunitaria è particolarmente potente contro il cancro ovarico correlato al BRCA. Migliora la risposta immunitaria di una persona al cancro e insegna alle cellule immunitarie a riconoscere il cancro se mai dovesse ripresentarsi. La terapia immunitaria nello studio di Adams è un anticorpo che sostiene la capacità delle cellule T di riconoscere e divorare le cellule tumorali.

La terapia combinata di Adams uccide le cellule tumorali e consente anche al sistema immunitario di sradicare il tumore. Quindi, se l'inibitore della PARP non uccide le cellule tumorali, lo fa il sistema immunitario.

Sulla base dei primi risultati della sperimentazione avviata presso l'UNM, Adams ha sviluppato un secondo studio per verificare se questo regime può aiutare un gruppo più ampio di donne, comprese quelle che non hanno una mutazione BRCA. Questo studio è stato sviluppato con NRG, uno dei gruppi di oncologia cooperativa NCI che gestisce studi clinici nazionali. Questo studio randomizzato di fase 2 è stato aperto presso i centri di tutta la nazione nell'ottobre 2019 e Adams funge da presidente dello studio nazionale.

Dalla scoperta alla cura

Adams ha raggiunto un importante risultato nella traduzione della sua scienza delle scoperte negli studi clinici nazionali, afferma Cheryl Willman, MD, direttore e CEO dell'UNM Comprehensive Cancer Center. "Questo è considerato uno dei risultati più alti e più difficili che qualsiasi ricercatore o centro oncologico possa raggiungere".

In definitiva, Adams e il suo team sperano di rafforzare il sistema immunitario delle donne con cancro ovarico in modo che i loro corpi tengano a bada il cancro una volta che il tumore viene rimosso o ucciso. E mentre condurre una sperimentazione clinica può essere snervante, perché è in gioco la salute di tante donne, Adams trova anche grandi soddisfazioni.

"Essere in grado di sedermi di fronte a un paziente durante lo studio [clinico] e poter parlare con lei delle prove della sua risposta al trattamento è stato incredibilmente commovente per me e incredibilmente gratificante", afferma Adams. "[È stato] il momento clou di tutta la mia carriera, davvero."

In cerca di giustizia

Rispondendo alle molteplici tragedie che hanno sconvolto il paese nell'ultimo anno, il College of Population Health dell'Università del New Mexico si è impegnato ad affrontare frontalmente la piaga del razzismo.

Mentre la lotta al razzismo è sempre stata centrale nel campo della salute pubblica e della salute della popolazione, le ingiustizie razziste come la morte di Breanna Taylor e George Floyd conferiscono nuova urgenza alla missione. Aggiungi COVID-19, che ha colpito in modo sproporzionato le persone di colore, e hai la stoffa di un incendio.

LEGGI
MOLTO ALTRO

Colpo alla testa Nina Wallerstein.

CHIUDI

In cerca di giustizia

Il College of Population Health lancia l'iniziativa contro il razzismo di Amanda Gardner

Rispondendo alle molteplici tragedie che hanno sconvolto il paese nell'ultimo anno, il College of Population Health dell'Università del New Mexico si è impegnato ad affrontare frontalmente la piaga del razzismo.

Mentre la lotta al razzismo è sempre stata centrale nel campo della salute pubblica e della salute della popolazione, le ingiustizie razziste come la morte di Breanna Taylor e George Floyd conferiscono nuova urgenza alla missione. Aggiungi COVID-19, che ha colpito in modo sproporzionato le persone di colore, e hai la stoffa di un incendio.

Ma queste tragedie hanno anche rappresentato un'opportunità per costruire sulla missione che ha definito il College of Population Health sin dalla sua fondazione nel 2016. Ora, il College sta riunendo i docenti di tutta l'UNM per espandere gli sforzi antirazzisti nei programmi di studio, nell'assunzione e nella formazione pratiche e per esplorare come gli sforzi antirazzisti possono influenzare i risultati sulla salute della comunità.

"È una squadra multietnica, multirazziale e multiculturale", afferma il decano attore Nina Wallerstein, DrPH, che ha contribuito a fondare il College of Population Health ed è direttore del suo Center for Participatory Research. "Sono un membro della facoltà bianco, ma abbiamo membri nativi, latini, afroamericani e bianchi."

nina-wallerstein-articolo.jpgL'idea è quella di creare "conversazioni coraggiose" tra studenti, docenti e personale, afferma Wallerstein, aggiungendo che le discussioni si sono concentrate anche su politiche e pratiche relative alle politiche di assunzione e conservazione per la facoltà di colore e alle politiche dell'università in termini di equità salariale. "Stiamo cercando di trasformare la nostra intera unità, perché siamo piccoli e abbiamo la capacità di implementare molti cambiamenti più velocemente."

Affrontare l'equità e il razzismo è stato parte di una comprensione su più fronti di come affrontare i principali problemi di salute pubblica e salute della popolazione, afferma Wallerstein. "Molti di noi hanno sempre insegnato l'antirazzismo, ma riunire l'intero Collegio con una visione e uno scopo specifici è nuovo".

L'iniziativa è iniziata l'anno scorso, quando l'allora preside Tracie Collins, MD, MPH, ha convocato una riunione a livello di college per discutere l'agenda ampliata. Ha quindi nominato un team esecutivo, guidato da Wallerstein, per guidare l'agenda dei futuri incontri.

"L'idea è in che modo un College of Population Health ha un impatto in questo settore e qual è il nostro ruolo", ha affermato Collins in uno degli incontri Zoom bimestrali del movimento. “Questa non sarà una cosa di una volta per alcune settimane o alcuni mesi. Dobbiamo capire come incorporare questo movimento in tutti gli aspetti del nostro curriculum. Come ci riteniamo responsabili nelle nostre relazioni con le comunità tribali, con gli afroamericani, con i latinos?”

I membri del team includono Jamal Martin, PhD, MPH, che insegna in Africana Studies e nel Department of Family & Community Medicine, mentre serve anche come vice cancelliere associato per la salute afroamericana nell'Office for Community Health dell'UNM.

"Non è una novità", dice Martin. “È stato un viaggio per molto tempo. È una rivoluzione. Abbiamo 500 anni di pensiero coloniale da superare”.

Il membro della task force Rebecca Rae, direttore associato di Ricerca indigena, valutazione e pianificazione strategica presso il Centro per la ricerca partecipata, fa parte di un comitato consultivo per il Fondo di soccorso dei nativi americani, che sta intraprendendo un'azione diretta.

"Attraverso generose donazioni, il Native American Relief Fund è stato in grado di fornire assistenza finanziaria immediata alle tribù e ai gruppi tribali di base che hanno fornito DPI, cibo e altre necessità alle famiglie e alle comunità dei nativi americani", ha affermato Rae.

Un altro membro della facoltà del College, Crystal Lee, PhD, MPH, ha raccolto più di $ 150,000 in donazioni relative al COVID per le comunità Navajo e Hopi attraverso la sua organizzazione no-profit, United Natives.

“La salute pubblica e della popolazione dovrebbero essere i luoghi in cui si parla di antirazzismo, perché influisce davvero sulla salute delle persone e se non possiamo iniziare qui a livello di college, allora non saremo in grado di per portarlo avanti”, osserva Tonya Covington, membro del team, un'esperta di giustizia riparativa che dirige il programma Rapid Accountability Diversion del dipartimento di polizia di Albuquerque.

L'area finale del lavoro contro il razzismo è la ricerca e l'azione partecipativa basata sulla comunità, che coinvolge sia studiosi che sostenitori. Questo lavoro era già in corso prima ancora che nascesse la squadra antirazzista. Molti dei progetti coinvolgono comunità native, latine e afroamericane, particolarmente colpite dal COVID-19.

Come punto culminante di questi sforzi di ricerca della comunità per affrontare le disuguaglianze razziali, il Centro di ricerca transdisciplinare, equità e coinvolgimento (TREE) per l'avanzamento della salute comportamentale serve le comunità latine, indigene e di frontiera/rurali e altre comunità svantaggiate.

La direttrice di TREE Lisa Cacari-Stone, PhD, ha ricevuto una sovvenzione dal National Institutes of Health per studiare come le politiche COVID-19 del governo locale e statale stanno mitigando le disuguaglianze sanitarie esistenti e per diffondere le migliori pratiche a livello locale e nazionale.

Wallerstein e i suoi colleghi hanno condotto a lungo ricerche partecipative con i dipartimenti dell'istruzione e della salute tribali. Con il coronavirus, le priorità e le sfide stanno cambiando, afferma.

"È difficile ora per tutti noi fare ricerca o servizio impegnato nella comunità, perché siamo così abituati a guidare verso le comunità, con molte, come le tribù, chiuse per proteggersi", afferma Wallerstein.

Colpo alla testa Patricia Watts Kelley.

Passando la torcia

Florence Nightingale, il cui 200esimo compleanno ha festeggiato quest'anno, è stata la prima infermiera scienziata e la fondatrice dell'assistenza infermieristica moderna.

La guerra di Crimea ha plasmato la sua pratica e missione per migliorare le condizioni sanitarie e ospedaliere, ridurre il tasso di infezione e aumentare la sopravvivenza dei soldati affidati alle sue cure. Teneva registri e statistiche accurati di ciò che funzionava e di ciò che non funzionava. Proprio come Nightingale, le infermiere di oggi si trovano in una situazione simile con la pandemia di COVID-19.

LEGGI
MOLTO ALTRO

CHIUDI

Passando la torcia

Patricia Watts Kelley si concentra sulla formazione della prossima generazione di educatori e scienziati infermieristici di Kara Leasure Shanley

Florence Nightingale, il cui 200esimo compleanno ha festeggiato quest'anno, è stata la prima infermiera scienziata e la fondatrice dell'assistenza infermieristica moderna.

La guerra di Crimea ha plasmato la sua pratica e missione per migliorare le condizioni sanitarie e ospedaliere, ridurre il tasso di infezione e aumentare la sopravvivenza dei soldati affidati alle sue cure. Teneva registri e statistiche accurati di ciò che funzionava e di ciò che non funzionava. Proprio come Nightingale, le infermiere di oggi si trovano in una situazione simile con la pandemia di COVID-19.

Due studenti di infermieristicaPatricia Watts Kelley, PhD, APRN, il nuovo decano associato per la ricerca e la borsa di studio presso il College of Nursing dell'Università del New Mexico, ha una visione per studenti e docenti basata sulla sua opinione che una carriera di successo implica una crescita professionale continua e tutoraggio.

"È un processo evolutivo", afferma Watts Kelley. "Mentre le persone avanzano nella loro carriera, credo che tu sia obbligato a portare con te la prossima generazione".

Watts Kelley ha visto questo in prima persona mentre passava da una studentessa delle superiori che lavorava in una casa di cura a una carriera di 21 anni nella Marina. Ha conseguito un dottorato di ricerca mentre era in Marina e ha fatto carriera fino a diventare il primo direttore esecutivo della Marina del programma di ricerca infermieristica Triservice, tra le altre posizioni chiave di leadership.

Watts Kelley sta usando la propria esperienza di carriera per guidare il rinvigorimento della borsa di studio e della ricerca nel College. "La nostra preparazione come infermiere si basa sulle scienze e sulle discipline umanistiche poiché la professione di infermiere è un'arte e una scienza", afferma. "È anche un insieme di competenze che sviluppi nel tempo".

Watts Kelley sa anche che il rigore della scienza e dell'erudizione richiede il sostegno dell'istituzione stessa. "Voglio assicurarmi che gli infermieri e gli altri scienziati del College of Nursing sviluppino progetti accademici per diffondere le loro migliori pratiche, generare scienza per rispondere a domande urgenti sull'assistenza sanitaria e incoraggiarli sviluppando infrastrutture", afferma.

Watts Kelley vuole aumentare i finanziamenti per la ricerca e la borsa di studio per il College of Nursing, aumentando al contempo le sue classifiche accademiche. Ma il suo più grande obiettivo consiste nell'educare la prossima generazione di medici, educatori e scienziati.

"Voglio che prepariamo un solido gruppo di studenti con buone basi nella pratica clinica, borse di studio e ricerca - insieme a professori che possono nutrire, guidare e far crescere questi studenti - per affrontare le esigenze di assistenza sanitaria dei cittadini del New Mexico", Watts dice Kelley.

Per servire lo stato, il paese e il mondo, Watts Kelley afferma che è importante che il college insegni ai propri studenti non solo ad applicare le proprie conoscenze in clinica, ma anche ad educare gli altri.

"Abbiamo bisogno di laureati esperti a tutti i livelli all'interno del College of Nursing - eccellenti medici a livello di laurea, eccellenti professionisti a livello di master e DNP e infermieri scienziati a livello di dottorato - per esplorare le domande e illuminare i problemi", afferma Watts Kelley.

Questi esperti saranno in grado di servire le loro comunità concentrandosi sui problemi di salute che affliggono i nuovi messicani, dalla povertà all'esposizione a sostanze chimiche tossiche, dice.

Studenti di infermieristica che camminano per il campus“Il mio obiettivo è avere la facoltà infermieristica dell'UNM pronta ad affrontare le esigenze sanitarie (statali) per i prossimi 20-50 anni, che si tratti di una pandemia o di affrontare condizioni croniche complesse, fornendo ai pazienti gli strumenti per gestire le proprie cure con alcune indicazioni. ", afferma Watts Kelley.

Nonostante le sfide che l'attendono, Watts Kelley è entusiasta di aiutare gli studenti del College of Nursing a crescere e imparare cosa significa veramente la loro professione.

“Gli infermieri testimoniano la condizione umana”, dice. “A volte devi imparare a sostenerlo e testimoniarlo perché non puoi sempre aggiustare le cose, sia che tu provi a farlo con la scienza o la pratica. A volte devi solo stare con il paziente e riconoscere la sua umanità”.

L'impegno della comunità

I funzionari locali della contea di San Miguel, nel nord del New Mexico, avevano notato una tendenza preoccupante nella loro comunità: un aumento della depressione e dei suicidi tra i giovani rurali latini, un gruppo che già presentava un rischio maggiore di problemi di salute mentale. La contea ha collaborato con il College of Population Health dell'UNM per studiare soluzioni.

LEGGI
MOLTO ALTRO

CHIUDI

L'impegno della comunità

Il College of Population Health raggiunge i nuovi messicani rurali di Amanda Gardner

I funzionari locali della contea di San Miguel, nel nord del New Mexico, avevano notato una tendenza preoccupante nella loro comunità: un aumento della depressione e dei suicidi tra i giovani rurali latini, un gruppo che già presentava un rischio maggiore di problemi di salute mentale. La contea ha collaborato con il College of Population Health dell'UNM per studiare soluzioni.

È stata la scelta giusta. Il Collegio, istituito nel 2016, dà la priorità alle preoccupazioni sulla giustizia sociale e implementa soluzioni ascoltando le comunità, quindi lavora con loro per modellare gli interventi.

"Abbiamo il nostro insieme di valori e principi, che includono la collaborazione con comunità, tribù e responsabili politici", afferma Nina Wallerstein, DrPH, che ha contribuito ad avviare il College nel 2016 ed è il direttore del suo Centro per la ricerca partecipativa. Nel suo primo anno, il College ha integrato il corso di laurea magistrale in sanità pubblica e ha inaugurato una nuova laurea in scienze della salute della popolazione.

Ricerca partecipativa

Shannon Sanchez-Youngman, PhD, direttore associato per la ricerca e la valutazione partecipativa nel Centro per la ricerca partecipativa, ha istituito un programma di ricerca pilota attraverso il Centro di ricerca transdisciplinare, equità e coinvolgimento (TREE) del College per l'avanzamento della salute comportamentale. Cinque leader giovanili maschili e femminili della contea hanno costruito narrazioni video che ritraggono storie sulle loro opinioni sulle radici della depressione e del suicidio nella comunità settentrionale del New Mexico.

Il punto, afferma Sanchez-Youngman, era "non realizzare video che toccassero le corde del cuore dei genitori", ma sfruttare un metodo di dialogo per affrontare il razzismo strutturale con narrazioni basate sull'arte. I video hanno evidenziato profondi sentimenti di alienazione e isolamento che hanno preceduto il COVID-19. I loro creatori di giovani stanno ora ospitando sessioni di discussione e dialoghi politici con la commissione di contea.

Nel frattempo, Sanchez-Youngman e il College of Population Health stanno ampliando il progetto per sviluppare infine "modi innovativi per affrontare la salute della comunità al di fuori delle mura cliniche", afferma.

Questo è solo un esempio dell'impegno del College of Population Health per l'impegno locale.

"Le comunità sono la forza trainante per la salute pubblica", afferma Rebecca Rae, direttrice associata della ricerca indigena, valutazione e pianificazione strategica presso il Center for Participatory Research. Rae è strettamente coinvolto con RezRIDERS, un "Programma di leadership per sport estremi guidato da tribù per i giovani" a Santa Clara Pueblo.

"Le comunità conoscono i problemi alla radice", afferma. "Se stai pensando a un cambiamento equo, devi avere la comunità in prima linea".

Priorità della comunità

Un curriculum creato dal laureato MPH Greg Tafoya costituisce il nucleo di RezRIDERS, che sta per Ridurre il rischio attraverso lo sviluppo interpersonale, l'empowerment, la resilienza e l'autodeterminazione.

"È un programma di leadership incentrato sulla cultura della durata di un anno su misura per lavorare con i giovani che utilizzano sport estremi per aumentare la fiducia in se stessi", afferma Rae. Il programma segue il ciclo dell'acqua, iniziando con lo snowboard in inverno, il rafting in estate e lo stand up paddle. Include anche un percorso ad alta fune e arrampicata all'aperto e culmina con i giovani che completano un progetto di azione comunitaria.

Non solo RezRIDERS ha prodotto guadagni su misure di speranza, emancipazione e ottimismo, "il pueblo ha visto una diminuzione degli incidenti di giustizia minorile negli ultimi anni", afferma Rae.

Gli studenti universitari e laureati sono parte integrante della sensibilizzazione della comunità del College. Il programma MPH richiede ai candidati di dedicare 160 ore (virtualmente, per ora) con un'agenzia, un programma o un'organizzazione no-profit nel corso di un'estate, afferma S. Noell Stone, MPH, direttore del college e del praticantato. Gli studenti universitari svolgono 225 ore di lavoro comunitario.

"Lo scopo di queste esperienze sul campo è aiutarli a provare qualcosa di nuovo o pensare a un nuovo programma all'interno del luogo e conoscere qualcuno che può aiutarli nella loro carriera", afferma Stone. Finora, gli studenti hanno aiutato a organizzare briefing sul COVID-19 per il governatore, hanno analizzato i dati dei sondaggi di anziani senzatetto e altro ancora.

Mettere al lavoro la salute della popolazione

Gli studenti MPH si sono intensificati quando la peggiore crisi sanitaria in un secolo ha colpito il New Mexico e il mondo. La città di Albuquerque ha rapidamente riconosciuto un importante fattore di rischio per la diffusione del COVID-19: le persone senza fissa dimora che non potevano ripararsi sul posto. I funzionari hanno creato una coalizione di partner per affrontare il problema, arruolando le competenze del nuovo College of Population Health.

Il primo compito? Conduci un'indagine sugli anziani senzatetto per capire perché non si sono rifugiati in centri comunitari dedicati. Attraverso il loro praticantato, gli studenti MPH hanno analizzato i sondaggi per trovare il problema centrale. Gli anziani non soggiornavano nei centri comunitari a causa della qualità del cibo e dei servizi medici. La coalizione si è unita per migliorare il cibo e le cure mediche e persino per fornire giochi (il Corn Hole è uno dei preferiti).

“Siamo passati dal 25% degli anziani che soggiornano al 75%. Questa è un'enorme differenza e ciò significa che vengono esposte meno persone", afferma Laura Chanchien Parajón, MD, MPH, che ha un incarico di facoltà secondaria presso il College of Population Health ed è il direttore esecutivo dell'Ufficio per la salute della comunità dell'UNM, e fino a poco tempo fa è stato direttore medico del COVID-19 Response for People Experiencing Homelessness di Albuquerque prima di entrare a far parte del Dipartimento della Salute del New Mexico come vice segretario di gabinetto. "La comunità aveva la soluzione e tutti si sono adoperati dove potevano per realizzare la soluzione".

La giustizia sociale e l'equità sanitaria "sono nel DNA della salute pubblica", afferma Wallerstein. "I valori del College of Population Health imitano la visione del Health Sciences Center, ma portiamo il nostro contributo e le nostre intuizioni".

Passione per la cura del paziente

Lo scorso luglio, Zoneddy Dayao, MD, ha assunto il ruolo di direttore medico dell'UNM Comprehensive Cancer Center e capo ad interim della Divisione di Ematologia/Oncologia presso il Dipartimento di Medicina Interna.

Il tempismo poteva sembrare infausto, arrivando subito dopo lo sconvolgimento delle chiusure COVID-19 in tutta la nazione e proprio mentre la nuova normalità stava sprofondando, ma Dayao si è tranquillamente adattato ai ruoli e si è messo al lavoro.

LEGGI
MOLTO ALTRO

Colpo alla testa Zoneddy Dayao.

CHIUDI

Passione per la cura del paziente

Zoneddy Dayao, MD, tocca profondamente la vita dei nuovi messicani che vivono con il cancro di Michele Sequeira

Lo scorso luglio, Zoneddy Dayao, MD, ha assunto il ruolo di direttore medico dell'UNM Comprehensive Cancer Center e capo ad interim della Divisione di Ematologia/Oncologia presso il Dipartimento di Medicina Interna.

Il tempismo poteva sembrare infausto, arrivando subito dopo lo sconvolgimento delle chiusure COVID-19 in tutta la nazione e proprio mentre la nuova normalità stava sprofondando, ma Dayao si è tranquillamente adattato ai ruoli e si è messo al lavoro.

Colpo alla testa Zoneddy Dayao-on-page.Dayao si è inizialmente concentrato sulla creazione di processi per regolare il numero e il flusso di pazienti visitati fisicamente presso l'UNM Cancer Center. Durante i primi mesi della pandemia globale, il Cancer Center è rimasto aperto e ha continuato a fornire assistenza ai pazienti in trattamento attivo, ma ha trasferito quasi il 30% dei suoi pazienti alle visite telefoniche.

Coloro che hanno ricevuto visite a distanza includevano sopravvissuti al cancro, pazienti sani e quelli con visite di follow-up. Il Centro è stato in grado di ridurre il numero di persone che entrano nella sua clinica di circa due terzi durante l'aumento iniziale dei casi di COVID.

"Il nostro primo obiettivo era garantire che potessimo continuare a fornire cure oncologiche in sicurezza ai nostri pazienti, che sono troppo spesso fragili e immunodepressi, nel nostro ambiente clinico ambulatoriale piuttosto che in ospedale", afferma Cheryl Willman, MD, direttore e CEO di il Centro Oncologico UNM.

Il mantenimento dell'UNM Cancer Center aperto sette giorni su sette ha ridotto il numero di visite al pronto soccorso e i potenziali ricoveri per i malati di cancro. Il programma di sette giorni ha anche consentito all'UNM Hospital di aumentare la capacità di ricovero ospedaliero per altri pazienti, in particolare quelli con COVID-19.

Anche prima di assumere i suoi nuovi ruoli, Dayao ha lavorato con il suo predecessore, Richard Lauer, MD, e il team della clinica per modificare i processi interni. Hanno messo in sicurezza i dispositivi di protezione individuale (DPI) per i docenti e il personale del Centro e hanno adottato modifiche per limitare il numero di persone che entrano nell'edificio.

Queste misure includevano la limitazione dell'accesso della clinica ai malati di cancro e a un singolo caregiver, fornitori di assistenza sanitaria e personale essenziale; screening giornaliero di tutti coloro che sono entrati nell'edificio; richiedendo a tutti di indossare maschere per procedure chirurgiche e altri DPI nella clinica e distanziamento sociale forzato.

Entro pochi giorni dall'annuncio dell'emergenza pubblica, l'UNM Cancer Center ha creato un'area designata per i pazienti positivi al COVID-19 o quelli con potenziale di avere COVID-19. In quest'area, il personale è stato dotato degli opportuni DPI e i pazienti il ​​cui trattamento non poteva essere interrotto hanno potuto continuare a ricevere la terapia in sicurezza.

Il Centro ha anche "accelerato" i pazienti asintomatici ma gravemente immunocompromessi, in particolare quelli con neoplasie del sangue. Questi pazienti hanno ricevuto una procedura di check-in più rapida e una scorta direttamente nelle aree di trattamento.

La strada per UNM

ZoneddyDayao sorridente.Originaria delle Filippine, Dayao ha conseguito la laurea in medicina in Integrated Liberal Arts and Medicine Program presso l'Università delle Filippine – College of Medicine.

L'ammissione al programma di sette anni altamente competitivo (la maggior parte dei programmi richiede nove anni) è offerto solo ai primi 40 di circa 20,000 aspiranti studenti a livello nazionale.

Dayao ha completato la formazione in medicina interna presso il Cook County Hospital di Chicago e la formazione in ematologia/oncologia presso l'Università di Miami.

Durante la sua formazione, Dayao ha ricevuto l'Outstanding Resident Award ed è stata selezionata come chief fellow ed è stata la prima a ricevere il William Harrington Outstanding Fellow Award. Ha anche ricevuto un premio istituzionale per il suo lavoro sulla malattia del trapianto contro l'ospite nel laboratorio di Robert Levy, PhD. Successivamente ha ricevuto il prestigioso Young Investigator Award dall'American Society of Clinical Oncology.

Nel 2008, Dayao è entrato a far parte della Divisione di Ematologia/Oncologia del Dipartimento di Medicina Interna dell'UNM e dell'UNM Cancer Center. Da allora, ha assunto diversi ruoli di leadership clinica, tra cui quella di presidente del Cancer Committee. Supervisiona la creazione di molteplici linee di servizio, operazioni cliniche e programmi di qualità, accreditamento e certificazione.

Insegnante e mentore

Dayao è un'oncologa, prima di tutto, un'esperta nel trattamento del cancro al seno e un medico accademico che prende sul serio il suo ruolo di insegnante e mentore.

La gestione del cancro al seno è così complessa e lunga che i borsisti di ematologia/oncologia spesso non vedono l'intero spettro di questa malattia durante la loro formazione. Dayao ha aperto la strada a un innovativo curriculum interattivo sul cancro al seno per integrare la formazione dei borsisti e amano l'approccio basato sui casi e orientato al consiglio.

È stata anche attiva nell'insegnamento presso la Scuola di Medicina e ha anche tenuto numerose conferenze a fornitori in simposi locali e regionali sul cancro al seno e sugli studi clinici.

Una passione per la cura del paziente

Dayao prevede una transizione senza soluzione di continuità per i sopravvissuti al cancro dai loro oncologi ai loro fornitori di cure primarie, ma questa visione richiede di educare i fornitori di cure primarie sul cancro e sulla sopravvivenza. La sua ricerca sul controllo dei sintomi del cancro al seno, sulla qualità della vita e sulla sopravvivenza al cancro è stata supportata dal National Cancer Institute e dal New Mexico Department of Health.
Dayao è stato anche il ricercatore principale locale dell'Alliance for Clinical Trials in Oncology (ALLIANCE), una delle cinque reti nazionali di studi clinici sponsorizzate dal National Cancer Institute.

Gli studi clinici sul cancro possono essere una componente cruciale della cura del cancro. Dayao rappresenta l'UNM Cancer Center negli incontri semestrali, sovrintende alla preparazione degli audit triennali, ingaggia docenti junior per diventare membri attivi di comitati multidisciplinari e promuove l'arricchimento alle sperimentazioni cliniche.

In qualità di medico, educatore e amministratore, Dayao influenza le cure che ricevono i malati di cancro del New Mexico. E possono stare certi che sta supervisionando con competenza tutti gli aspetti della loro cura.

Adattamento

LEGGI
MOLTO ALTRO

Sei mesi dopo la sua apertura, la clinica per la salute comportamentale presso il campus di Rio Rancho dell'Università del New Mexico Health Sciences stava appena stabilendo il suo ruolo nella contea di Sandoval. "C'è stata molta sensibilizzazione, molto impegno, e poi la pandemia (COVID-19) ha colpito, e tutto quel coinvolgimento si è davvero fermato", afferma il direttore della clinica Christopher Morris, PhD. "Ma, naturalmente, i bisogni del paziente non si sono fermati".

Christopher Morris in piedi dietro il banco del check-in e parla con gli addetti alla reception.
Christopher Morris ascolta il cliente.
Christopher Morris lavora alla sua scrivania.

Adattamento

di Kara Leasure Shanley

CHIUDI

Sei mesi dopo la sua apertura, la clinica per la salute comportamentale presso il campus di Rio Rancho dell'Università del New Mexico Health Sciences stava appena stabilendo il suo ruolo nella contea di Sandoval. "C'è stata molta sensibilizzazione, molto impegno, e poi la pandemia (COVID-19) ha colpito, e tutto quel coinvolgimento si è davvero fermato", afferma il direttore della clinica Christopher Morris, PhD. "Ma, naturalmente, i bisogni del paziente non si sono fermati".

Morris, uno psicologo clinico e professore associato presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali dell'UNM, afferma che le operazioni della clinica si sono spostate nel vicino Centro medico regionale dell'UNM Sandoval (SRMC) per continuare a fornire assistenza ai pazienti. Ma quando l'ospedale ha iniziato a limitare il numero di persone ammesse, il personale della clinica si è trovato a lavorare a casa.

"Questa è stata una delle maggiori sfide all'inizio della pandemia", afferma Morris.

Il personale è finalmente tornato alla clinica a giugno ed è stato inondato di pazienti. "L'effetto netto della pandemia è stato che ha aumentato i nostri rinvii e il nostro volume", afferma.

Morris spiega che nella cura della salute mentale, i medici si aspettano che circa il 25% dei pazienti non si presenti agli appuntamenti. "Il nostro tasso di mancata presentazione per alcuni mesi è sceso quasi a zero, quindi le persone erano in difficoltà e l'angoscia è un potente motivatore", afferma.

Morris pensa che questo afflusso sia stato probabilmente dovuto ai pazienti attuali i cui sintomi sono peggiorati durante la pandemia e ai nuovi pazienti che avevano a che fare direttamente con COVID-19. Questi nuovi pazienti hanno perso i propri cari e il lavoro, o hanno perso eventi significativi della vita e avevano bisogno di cure per far fronte a tali perdite.

La clinica ha scoperto che il bilanciamento di telemedicina, videochiamate e visite di persona per i pazienti che li desideravano era la chiave per gestire l'afflusso di pazienti.

"Quando siamo tornati nel nostro spazio clinico e abbiamo sviluppato quel mix di visite di persona e virtuali, le persone si sono davvero adattate", afferma Morris. "La squadra è stata fantastica".

Nonostante la loro resilienza, i bisogni mentali degli operatori sanitari dovranno essere seguiti per andare avanti, afferma Jamie Silva-Steele, RN, MBA, presidente e CEO di SRMC.

"Il tributo mentale sulle persone quest'anno è stato enormemente sostanziale per tutti, ma nell'assistenza sanitaria, in realtà abbiamo persone che stanno riconsiderando la loro professione o stanno abbandonando del tutto l'assistenza sanitaria", afferma.

Anche nel mezzo di queste due crisi, Morris afferma che le visite virtuali sono state un effetto collaterale positivo. "È stato un modo davvero potente di facilitare l'accesso dei pazienti che vogliamo continuare", afferma Morris.

L'incontro virtuale ha anche permesso a Morris di continuare a collaborare con la comunità in fase di stallo. "Penso che, come molte persone hanno scoperto, sia potente", dice. “Ci consente di essere tutti più efficienti e, in qualche modo, in realtà più connessi”.

Silva-Steele ha scoperto che le riunioni virtuali le consentono di controllare e supportare i suoi team, indipendentemente da dove si trovino. "Le persone possono continuare a prendersi cura di se stesse, diventare resilienti come membri del team e concentrarsi sul proprio benessere", afferma.

E grazie ai fondi di prelievo dei mulini che gli elettori della contea di Sandoval hanno approvato nel 2018, la priorità della clinica all'accesso e al coinvolgimento della comunità continuerà. "Se si trattasse solo di SRMC come ospedale di comunità senza il finanziamento del prelievo industriale, questi non sarebbero servizi che avremmo all'interno dell'organizzazione", afferma Silva-Steele.

La Behavioral Health Clinic è finanziata interamente dalla tassa del mulino, che aiuta la clinica a rimanere aperta per servire ed educare la comunità.

"Ciò che ci permette davvero di fare è sostenere la missione educativa", afferma Morris. Nell'ultimo anno, la clinica ha ospitato una borsa di studio post-dottorato in psicologia clinica e medici curanti in psichiatria, che aiuterà a portare medici residenti e stagisti l'anno prossimo.

I fondi consentono anche più programmi di sensibilizzazione della comunità, comprese le partnership con le scuole pubbliche di Rio Rancho e la contea di Sandoval per offrire il pronto soccorso per la salute mentale, un curriculum basato sull'evidenza che insegna alle persone come rispondere in modo solidale a qualcuno in difficoltà di salute mentale.

Il curriculum – disponibile in inglese e spagnolo – ha moduli didattici specificamente progettati per giovani, anziani, operatori della sicurezza pubblica, veterani e altri. La clinica prevede di rendere disponibili questi curricula alle comunità rurali e dei nativi americani in tutta la contea.

"Stiamo servendo la comunità in generale, non solo i pazienti UNM inviati internamente", afferma Morris. "Chiunque della comunità può accedere alle cure qui ed è importante avere un'altra fonte di assistenza sanitaria comportamentale nella comunità".

Christopher Morris lavora alla sua scrivania.
Colpo alla testa Johnnye Lewis.

Indagare sull'eredità dell'esposizione ai metalli

Johnnye Lewis, PhD, indossa un sacco di cappelli al College of Pharmacy: da professore di ricerca a direttore del Community Environmental Health Program del College, direttore del UNM METALS Superfund Research Program Center e co-direttore del Center for Native American Environmental Health Ricerca sull'equità.

LEGGI
MOLTO ALTRO

CHIUDI

Indagare sull'eredità dell'esposizione ai metalli

Di Leslie Linthicum

Johnnye Lewis, PhD, indossa un sacco di cappelli al College of Pharmacy: da professore di ricerca a direttore del Community Environmental Health Program del College, direttore del UNM METALS Superfund Research Program Center e co-direttore del Center for Native American Environmental Health Ricerca sull'equità.

johnnye-lewis-thmb.jpg

Aggiungi un nuovo titolo all'elenco: investigatore principale della Navajo Birth Cohort in uno studio nazionale di vasta portata sui bambini. Lo studio ECHO, o Environmental Influences on Child Health Outcomes, seguirà decine di migliaia di bambini in tutta la nazione per estrarre dati su come vari fattori ambientali, dall'obesità allo stress dei genitori alle esposizioni chimiche, influenzino la crescita e lo sviluppo.

I partner nella ricerca includono il Southwest Research and Information Center e il Community Health Worker and Outreach Program del Navajo Nation Department of Health, con il supporto di diversi Indian Health Service (IHS) e ospedali gestiti a livello tribale della Navajo Nation.

Il pezzo del puzzle di Lewis coinvolgerà l'esposizione all'uranio e ai metalli e le famiglie dei nativi americani, un'estensione di una relazione lunga anni tra il College of Pharmacy e i Navajo, o Diné, persone del New Mexico, dell'Arizona e dello Utah.

Studio sulla nascita Navajo

Il Navajo Birth Cohort Study è iniziato nel 2010, esaminando gli effetti dell'esposizione ai metalli nei genitori Navajo che vivono vicino a siti minerari abbandonati di uranio nella riserva Navajo e monitorando tali effetti durante la gravidanza e nei primi anni di vita di un bambino.

Lo studio ha trovato livelli di metalli superiori al normale nei partecipanti e suggerisce che l'esposizione a una combinazione di metalli durante la gravidanza aumenta la probabilità di parto prematuro; che alcuni bambini nascono con alti livelli di uranio e altri metalli; e che ci sono prove che queste esposizioni nei bambini continuano ad aumentare almeno durante la prima infanzia.

Lewis è entusiasta della prospettiva di estendere lo studio e ampliarlo e sta lavorando con l'IHS e altri fornitori di assistenza sanitaria nella Navajo Nation per informare il trattamento pediatrico basato sull'evidenza.

"Molti di questi impatti delle esposizioni ambientali si sviluppano più tardi nella vita, quindi questo ci dà l'opportunità di seguire quei bambini fino all'età di 8 anni", dice. Questo studio include anche coorti delle tribù Cheyenne River Sioux e Oglala Sioux. Con un campione molto più ampio, "Hai un'idea molto migliore di ciò che è comune su più popolazioni e pensi a come funzionano le strategie di trattamento nelle diverse culture. IHS non ha mai avuto dati specifici di Navajo per guidare le decisioni terapeutiche. Quindi, siamo davvero entusiasti di questo.”

Oltre allo studio ECHO, che porta 4.2 milioni di dollari all'anno al College of Pharmacy fino al 2023, Lewis ha altre tre grandi sovvenzioni in corso.

Una sovvenzione annuale di 1 milione di dollari dal National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS) e dall'Environmental Protection Agency ha finanziato la creazione dell'UNM Center for Native American Environmental Health Equity Research. Nei suoi primi cinque anni, con Melissa Gonzales della UNM School of Medicine come co-direttore, il centro ha lavorato con partner tribali della Navajo Nation, della Crow Tribe nel Montana e della Cheyenne River Sioux Tribe nel South Dakota conducendo ricerche biomediche e ambientali su come l'esposizione a miscele di metalli influisca sulla salute.

Un'estensione annuale di 1.4 milioni di dollari di tale sovvenzione fino al 2025 consente al centro di continuare a lavorare con quei partner tribali, ma sposta l'attenzione su come le tecniche di smaltimento dei rifiuti solidi, in particolare la combustione della plastica, esacerbano l'esposizione ai metalli e aumentano il rischio di malattie.

Il centro recentemente rinnovato è finanziato dall'Istituto nazionale per la salute delle minoranze e le disparità sanitarie. Comprende collaboratori dell'Università dell'Oklahoma e della Montana State University di Billings e include ruoli di leadership per due ex investigatori sullo sviluppo della carriera nel centro originale che hanno iniziato nuove carriere di facoltà in quelle istituzioni: Joe Hoover servirà come MPI con Lewis e MacKenzie, e Jorge Gonzalez Estrella guideranno le indagini sulle microplastiche.

Il Superfund Center di Lewis METALS (Metal Exposure and Toxicity Assessment on Tribal Lands in the Southwest) è finanziato per cinque anni a $ 1.2 milioni ogni anno fino al 2022 dal NIEHS. È il primo centro di questo tipo incentrato sulla ricerca integrata basata sulla salute e sulla scienza ambientale sulle miscele di metalli all'interno delle comunità dei nativi americani.

Insieme alle collaborazioni della UNM School of Engineering e dei Dipartimenti di Scienze della Terra e Planetarie, Geografia, Statistica, dell'UNM Comprehensive Cancer Center e della School of Medicine, il centro include collaborazioni con le comunità Laguna Pueblo e Navajo, nonché il Southwest Research e Information Center, l'Indigenous Education Institute e la Stanford University.

Il lavoro ha portato all'importante scoperta che il materiale lasciato in alcuni siti minerari, che se esposto alle intemperie, si riduce a particelle di dimensioni nanometriche, rendendole potenzialmente ancora più pericolose.

Se c'è un tema in tutto questo, è fare scienza collaborativa e orientata alle soluzioni.

"Abbiamo un legame molto forte con le comunità dei nativi americani e abbiamo dato un contributo davvero importante", afferma Lewis. “Penso che abbiamo mostrato il valore dell'approccio di passare dall'ambiente alle persone al laboratorio e di nuovo alle persone. E il valore della ricerca orientata alle soluzioni. Lavoriamo per capire come accadono le cose ed escogitare interventi di cui le comunità native possono beneficiare”.

Zinco pensante

Un esempio è uno studio clinico chiamato "Thinking Zinc" in due comunità Navajo nel New Mexico. Un team di tre docenti del College of Pharmacy - Laurie Hudson, PhD, professoressa di Scienze Farmaceutiche dell'UNM Regents, MacKenzie, assistente professore di ricerca e vicedirettore del Community Environmental Health Program e Esther Erdei, PhD, professore assistente di ricerca - sono diversi anni in un'indagine per determinare se gli integratori alimentari di zinco possono mitigare gli effetti sul sistema immunitario dell'esposizione tossica all'uranio e all'arsenico.

Lo studio clinico si basa sul lavoro di laboratorio di Hudson e Jim Liu, PhD, professore di scienze farmaceutiche che ha mostrato la capacità dello zinco di riparare il DNA e modificare la risposta immunitaria. Se i ricercatori sapessero che l'arsenico e l'uranio possono sostituire lo zinco nelle proteine ​​coinvolte nelle risposte immunitarie e nella riparazione del DNA, il team di Hudson, MacKenzie ed Erdei si è chiesto, l'integrazione dell'assunzione di zinco – una piccola compressa da 15 milligrammi – ogni giorno potrebbe aiutare a riparare il danno?

I partecipanti allo studio sono Navajo e vivono vicino ai siti di fuoriuscita di mine. I partecipanti vengono monitorati per sei mesi prima di assumere lo zinco e sei mesi durante l'assunzione degli integratori, alla ricerca di cambiamenti nella risposta immunitaria e nella riparazione del DNA.

"È il tipo di intervento che si adatta molto bene al modo in cui la comunità pensa alla scienza", dice Lewis, "perché stai guardando un sistema che è stato disturbato e lo stai rimettendo in equilibrio reintroducendo il metallo che avrebbe dovuto ci sono sempre stato».

MacKenzie, immunologo e biologo molecolare e MPI sia per lo studio Navajo Birth Cohort Study/ECHO che per il recente rinnovo quinquennale del Centro UNM per la salute ambientale dei nativi americani, ha affermato che il team è entusiasta di espandere la sua ricerca sulla connessione tra l'esposizione a metalli e microplastiche attraverso la combustione dei rifiuti all'aperto nelle comunità tribali: i Navajo, i Crow e i Cheyenne River Sioux.

I partecipanti allo studio della ricerca sull'equità della salute ambientale dei nativi americani indosseranno un cinturino da polso in silicone che misura l'esposizione chimica.

"Stiamo osservando il movimento di microplastiche e sostanze chimiche attraverso la comunità e sovrapponendolo a ciò che sappiamo sui metalli", afferma MacKenzie, ampliando ulteriormente il portafoglio di ricerca sui metalli di UNM.

"Ci siamo concentrati sui metalli e ora stiamo costruendo sulla comprensione dell'esposizione ai metalli e ampliando la nostra comprensione a una più ampia dinamica di esposizioni", afferma. "È un lavoro molto eccitante."

Straight Talk

LEGGI
MOLTO ALTRO

Tutti sono stati inondati di informazioni su COVID-19 nell'ultimo anno, ma discernere quali fonti sono affidabili può essere difficile. A chi ci rivolgiamo per informazioni accurate e aggiornate? In un caso inaspettato, il carcere.

Prigionieri attorno a un tavolo in videochiamata.
Karla Thornton alla scrivania
Visualizzazione di più persone sulla schermata della conversazione video.

Straight Talk

Di Barry Ore e Andrea Bradford

CHIUDI

Tutti sono stati inondati di informazioni su COVID-19 nell'ultimo anno, ma discernere quali fonti sono affidabili può essere difficile. A chi ci rivolgiamo per informazioni accurate e aggiornate? In un caso inaspettato, il carcere.

Nel 2020, un gruppo di educatori tra pari detenuti presso la Northeast New Mexico Correctional Facility (NEnmCF) ha risposto alla pandemia con laboratori didattici su misura per rispondere alle domande su COVID-19.

Hanno incluso una lezione di 90 minuti sul virus offerta a piccoli gruppi socialmente distanziati e che indossano maschere tra gli oltre 400 detenuti ospitati presso la struttura, situata vicino a Clayton, NM. La classe mirava a frenare la disinformazione dannosa e ha svolto un ruolo importante nel sforzo di risposta alla pandemia della struttura penitenziaria.

Il gruppo guidato dai detenuti fa parte del progetto New Mexico Peer Education Project (NM-PEP) di Project ECHO, che ha gruppi di educazione tra pari in 11 strutture carcerarie statali in tutto il New Mexico.

"Questi ragazzi sono un gruppo d'élite di educatori tra pari", ha detto il responsabile del programma Daniel Rowan. "Una pandemia colpisce e rapidamente sviluppano e mobilitano un laboratorio per affrontare il nuovo rischio di COVID-19".

Il gruppo NENMCF ha anche diffuso una newsletter carceraria che ha fornito aggiornamenti alla comunità carceraria su COVID-19. Queste iniziative richiedevano proposte scritte e l'approvazione del direttore, nonché la collaborazione con il personale sanitario comportamentale.
Lindsey Fluhman, direttore della salute comportamentale del carcere, ha affermato che gli educatori tra pari aiutano la comunità carceraria a rimanere informata e calma durante la pandemia.

"Gli educatori tra pari fanno un buon lavoro nel sfatare le voci di false informazioni che i detenuti hanno sentito da altre fonti", ha detto Fluhman. "I colleghi sembrano rispettare e credere alle informazioni dei propri pari con più facilità che dal personale".
Gli educatori tra pari hanno ricevuto una formazione intensiva di 40 ore settimanali con il personale NM-PEP del progetto ECHO. Il supporto continuo è stato fornito attraverso videoconferenze bisettimanali e visite mensili in loco. A loro volta, gli educatori tra pari hanno tenuto seminari mensili sulla salute della comunità di 10 ore alla popolazione carceraria con un'enfasi sulle malattie trasmissibili.

L'accesso a informazioni affidabili è fondamentale, ha affermato il peer educator Michael Brown. "Le informazioni più aggiornate e accurate su COVID-19 consentono a noi come educatori tra pari di insegnare alla nostra comunità e a tutti di comprendere un virus che è così ampiamente frainteso", ha affermato.

Sebbene le visite di persona in loco siano state interrotte dalla pandemia, i peer educator hanno ricevuto informazioni aggiornate sul COVID-19 tramite videoconferenza per garantire che gli ultimi dati fossero disponibili per i loro studenti.

Queste sessioni includevano una presentazione del personale di epidemiologia del Dipartimento della salute del New Mexico e di specialisti in malattie infettive, che hanno fornito informazioni in tempo reale e hanno risposto alle domande degli educatori tra pari. Le sessioni specifiche per il COVID si sono concluse alla fine di febbraio 2021 e da allora si sono concentrate sul trattamento e sulla prevenzione del virus dell'epatite C (HCV).

NM-PEP è stata fondata nel 2009 da Karla Thornton, MD, MPH, direttore associato senior del progetto ECHO, come un modo per fornire istruzione sull'HCV nelle carceri statali. Aveva usato il modello ECHO per fare da mentore agli operatori nelle carceri per curare l'HCV, ma si è resa conto che quel trattamento da solo non era sufficiente: era necessaria anche l'educazione sulla trasmissione dell'HCV. Ha riconosciuto che l'istruzione potrebbe aiutare a contrastare la disinformazione e ridurre i comportamenti rischiosi che diffondono il virus.

Con quasi il 40% dei detenuti delle carceri statali del New Mexico infetti da HCV, la disinformazione su come si diffonde il virus rappresenta un rischio per una popolazione che vive in spazi ristretti.

"Gli educatori tra pari nelle carceri statali del New Mexico svolgono un ruolo fondamentale ed essenziale nel promuovere la salute e ridurre la trasmissione di malattie infettive in un ambiente ad altissimo rischio", ha affermato Thornton.

Nell'era dell'informazione, la necessità di promuovere informazioni accurate e aggiornate è fondamentale. Con il tutoraggio del progetto ECHO, gli educatori tra pari detenuti hanno trovato un modo per sfruttare informazioni affidabili per ridurre i danni, offrendo forse una lezione per tutti noi.

Visualizzazione di più persone sulla schermata della conversazione video.

Storia culturale di HSC

I valori della diversità, dell'equità e dell'inclusione sono stati intrecciati nella cultura dell'UNM Health Sciences Center fin dall'inizio. Ecco alcuni punti salienti.
1960 La legislatura del New Mexico e il Board of Regents dell'UNM autorizzano la creazione di una nuova scuola di medicina.
1968 Diane Klepper, MD, diventa una delle prime presidenze donna in una scuola di medicina degli Stati Uniti.
1970 Il biochimico Alonzo Atencio, PhD, è stato assunto come assistente preside per gli affari studenteschi e direttore dei programmi per le minoranze nella Scuola di Medicina dell'UNM.
1971 Progetto Porvenir fondato da studenti di Scienze della salute per acquisire esperienza clinica fornendo assistenza ai nuovi messicani svantaggiati che vivono nelle aree rurali.
1986 I fornitori di HSC frequentano il primo corso di inclusione LGBT.
1994 Jane Henney, MD, ha nominato il primo vicepresidente per il Centro di scienze della salute dell'UNM appena creato. Nel 1999 diventa la prima donna commissaria della Food and Drug Administration statunitense.
2009 Ufficio HSC per la diversità, l'equità e l'inclusione istituito per fornire formazione, risorse e supporto a docenti, personale, studenti e alla comunità in generale e incoraggiare i giovani del New Mexico a perseguire carriere nelle scienze della salute.
2012 Alunna della Scuola di Medicina e membro della facoltà Gayle DinéChacon, MD, nominato chirurgo generale della Navajo Nation.
2014 Il Ufficio UNM per la Salute di Comunità crea la Community Health Worker Initiative per migliorare la salute dei nuovi messicani, promuovere l'equità sanitaria e ridurre al minimo gli impatti negativi dei determinanti sociali della salute.
2014 Jamie Silva-Steele, RN, MBA, nominato presidente e CEO di Centro medico regionale UNM Sandoval, diventando la prima donna a dirigere un ospedale UNM.
2016 Fondazione dell'UNM College of Population Health, dedicato alla formazione degli studenti per migliorare i risultati sanitari.

Questa pagina è progettata per dispositivi più grandi. Si prega di passare a "Sito desktop" per una migliore visualizzazione.