Traduci
${alt}
di Cindy Foster

UNM Health Sciences Center partecipa all'iniziativa NIH Data Commons

Il progetto pilota aiuta nella condivisione dei dati di ricerca

Il termoprotettore Centro di scienze della salute dell'Università del New Mexico (HSC) è stato scelto per partecipare ad a National Institutes of Health (NIH) per creare NIH Data Commons, un laboratorio virtuale basato su cloud che consentirà alle istituzioni di condividere dati, strumenti e applicazioni di ricerca.

Il mondo della ricerca moderna genera grandi quantità di dati di ricerca di qualità, ma troppo spesso è inaccessibile ai ricercatori di diverse istituzioni, ha affermato Tudor Oprea, MD, PhD, professore di medicina e capo del Divisione Informatica Traslazionale presso l'UNM HSC.

"L'obiettivo di NIH Data Commons è rimuovere queste barriere in modo che gli scienziati possano accedere ai dati per una varietà di progetti di ricerca", ha affermato.

Secondo il NIH, UNM HSC parteciperà a un progetto pilota guidato dall'Università della Carolina del Nord-Chapel Hill e dalla sua fondazione di ricerca, il Renaissance Computing Institute (RENCI). Il progetto pilota è stato uno dei 12 premi Data Commons Pilot Phase per un totale di 9 milioni di dollari recentemente concessi dall'agenzia.

L'UNM HSC sta ricevendo 251,000 dollari per partecipare alla fase pilota, ha affermato Oprea.

Oprea ha affermato che il team dell'UNM lavorerà in collaborazione con il Jackson Laboratory, l'Università della Carolina del Nord e l'Oregon Health and Science University per elaborare dati su animali e umani, inclusi dati clinici per ottenere una migliore comprensione del ruolo del sesso come variabile biologica, nota anche come dimorfismo sessuale, nella salute umana.

"La fase pilota NIH Data Commons ci offre l'opportunità di studiare l'impatto del dimorfismo sessuale nelle malattie umane", ha affermato Oprea.

"Raccogliere la ricchezza di informazioni nei dati biomedici farà progredire la nostra comprensione della salute e delle malattie umane", ha affermato il direttore dell'NIH Francis S. Collins, MD, PhD, in un comunicato stampa NIH. "Tuttavia, la scarsa accessibilità dei dati è una delle principali barriere alla traduzione dei dati in comprensione. La fase pilota NIH Data Commons è uno sforzo importante per rimuovere tale barriera".

"Viviamo in un'epoca in cui i dati biomedici digitali sono onnipresenti, ma la sfida è estrarre valore da quei dati in modi che portino a scoperte e innovazioni scientifiche nella fornitura di assistenza sanitaria", ha affermato Stan Ahalt, PhD, direttore di RENCI e capo ricercatore principale per il progetto.

Per ulteriori informazioni sulla fase pilota NIH Data Commons, vedere https://go.usa.gov/xnbRX.

Categorie: Istruzione, Salute, Ricerca