Traduci
${alt}
di Cindy Foster

Formazione per fornire un nuovo tipo di medicina

I tuoi pazienti ti insegnano molto.

Da giovane medico in una piccola città dell'Idaho, David Rakel condivideva tutti i compiti di guardia con un altro medico in un ospedale da 14 posti letto. Quella situazione, dice, ha respinto l'interesse a praticare la medicina in un modo che cerca di trovare la radice dei problemi medici, piuttosto che limitarsi a scrivere prescrizioni per i sintomi.

"Se sei stato svegliato alle 3 del mattino, non vuoi essere svegliato di nuovo per la stessa cosa due notti dopo, se puoi evitarlo", afferma Rakel, presidente del dipartimento di medicina familiare e comunitaria presso l'Università del New Mexico Centro di Scienze della Salute.

I pazienti di Rakel erano i suoi vicini. Ha iniziato ad ascoltare le loro storie e ha iniziato a vedere come l'emicrania a volte si manifestasse dopo l'abuso o il modo in cui le riacutizzazioni dell'artrite potrebbero danneggiare i rapporti familiari, portando a sensi di colpa e risentimento.

"In quella piccola città si poteva vedere la complessità dietro la presentazione dei sintomi", dice Rakel. "Non era il caso di ogni paziente o di ogni diagnosi, ma c'erano molte volte in cui lo era".

Quegli inizi hanno portato al suo nuovo libro, La connessione compassionevole: il potere curativo dell'empatia e dell'ascolto consapevole.

"Mi sono interessato alla ricerca su come il nostro processo terapeutico, la nostra presenza con un altro essere umano, può effettivamente essere uno degli strumenti di guarigione più potenti che abbiamo", dice.

È autore di uno studio che mostra che i pazienti che sentono una connessione con il loro medico in realtà producono livelli aumentati di cellule immunitarie che combattono le malattie. "Tutti pensano che siano le prescrizioni che stiamo scrivendo a curare, ma la ricerca ha dimostrato che spesso sono solo una piccola percentuale dell'effetto curativo", dice.

Le statine, ad esempio, sono uno dei farmaci più efficaci, ma sono gli unici a ridurre la possibilità di un secondo infarto del 15-20%.

"La maggior parte delle medicine che prescriviamo ha effetti specifici che possono essere migliorati dal modo in cui la medicina viene somministrata. La maggior parte della guarigione deriva dalla cerimonia terapeutica che creiamo, dalle aspettative, dalla speranza, dalla convinzione che un paziente possa stare meglio".

Quelle cerimonie, rituali e processi possono avvantaggiare sia il paziente che il praticante, dice, e sono rafforzati dall'empatia e dalla compassione.

"L'obiettivo principale del libro è fornire strumenti potenti che le persone possono utilizzare per avere un effetto positivo sugli altri, siano essi pazienti o familiari, per aiutare qualcuno a raggiungere un posto migliore", afferma Rakel. "La bellezza nel farlo è che la guarigione va in entrambe le direzioni. C'è stata effettivamente una ricerca che mostra che la compassione aumenta l'energia e l'empatia può ridurla".

Rakel spiega: "L'empatia ci vede come due persone diverse. Supponiamo che tu abbia un terribile mal di schiena, potrei enfatizzare dicendo: 'Vedo il tuo mal di schiena e devo fare qualcosa per aiutarti.' Ci vedo come due persone separate e mi sto impegnando molto per affrontare il tuo mal di schiena e risolverlo. Se non riesco a risolvere il tuo mal di schiena, allora comincerò a sentirmi inefficiente, come un fallimento. "

Al contrario, la compassione implica che le persone soffrono insieme come parte di un tutto più ampio, che siamo interconnessi. "Se aiuto te, aiuto me stesso", dice Rakel. "Se non riesco a risolvere il tuo problema, possiamo almeno aprire un dialogo e, si spera, andare in un posto che dia energia a entrambi".

Rakel dice che la fiducia che si crea tra medico e paziente porta a ciò che lo psicologo e teologo Dr. James Findley insegna come i cerchi della sofferenza.

"La chiamiamo la danza terapeutica", dice. "Ad esempio, se rimango consapevole del fatto che sono entrato in medicina perché volevo servire e fare qualcosa di altruistico, questo mi radica, mi dà l'energia per mettere un piede nel loro cerchio di sofferenza.

"Spero che il mio paziente si renda conto di non essere solo e di avere qualcuno di cui fidarsi. Quindi sono in grado di fare un passo fuori da dove sono. Questo è l'inizio di questa danza terapeutica. A volte sei tu a guidare e a volte loro guidano, ed è una bella danza che va avanti e indietro."

Rakel sa che la sua posizione può essere controversa, perché molte persone sono in grado di sopravvivere a cose terribili solo riuscendo a distaccarsi dal processo, eppure sostiene che anche una sola conversazione può essere utile se porta il paziente e il medico a nuove intuizioni su ciò che è necessario per risolvere un sintomo.

"C'è un grado di triage qui", dice. "Non tutti hanno bisogno di questo approccio, ma così tante persone che ne hanno bisogno non lo ottengono".

Categorie: L'impegno della comunità, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina