Traduci
${alt}
di Michael Haederle

Trattamento tempestivo

Ospedale UNM che fornisce screening dell'HIV e farmaci preventivi per le vittime di aggressioni sessuali

I medici sanno di avere una finestra di 72 ore iniziare a somministrare un cocktail di farmaci antivirali a pazienti che potrebbero essere stati esposti all'HIV per proteggerli dall'infezione.

Durante una chiamata come medico interno residente presso il dipartimento di emergenza dell'ospedale dell'Università del New Mexico, Tirajeh Saadatzadeh, MD, ha scoperto che le persone valutate per violenza sessuale venivano dimesse senza questi farmaci salvavita.

Peggio ancora, sono stati lasciati soli a cercare il test dell'HIV attraverso il Dipartimento della Salute e rintracciare le farmacie che rifornivano i farmaci.

In un articolo appena pubblicato su Giornale per la qualità sanitaria, Saadatzadeh descrive come lei e i suoi colleghi hanno creato un programma pilota per garantire che questi pazienti ricevessero uno screening rapido per l'HIV in ospedale e venissero mandati a casa con le medicine necessarie, insieme a un appuntamento per le cure di follow-up in una clinica ambulatoriale.

I pazienti hanno ricevuto anche istruzioni stampate e supporto telefonico per assicurarsi che continuassero a prendere i farmaci per il periodo di tempo prescritto necessario per prevenire un'infezione da HIV.

"Abbiamo creato una hotline 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX, chiamata Connect to Care", afferma Saadatzadeh. "È un numero di telefono che i medici possono chiamare se quei numeri tornano positivi". Un paziente con un risultato positivo al test potrebbe quindi ricevere consulenza da personale infermieristico specializzato.

Il team ha anche identificato 10 cliniche ambulatoriali disposte a fornire servizi di follow-up ai pazienti visitati presso l'UNMH.

Il programma è stato finanziato dalla Community of Interns and Residents, un'organizzazione nazionale con sezioni nei siti di residenza in tutto il paese, afferma. Il finanziamento è stato in parte pagato per tenere a portata di mano una scorta di costosi farmaci.

La necessità è emersa per la prima volta a metà del 2018, quando due medici in malattie infettive hanno cercato il suo aiuto perché stavano vedendo pazienti di aggressioni sessuali nel pronto soccorso e non erano sicuri di come procedere. Nessun test HIV è stato fatto con questi pazienti e la farmacia dell'ospedale non ha tenuto in magazzino i farmaci antivirali.

"Era questa cosa ricorrente che continuava a succedere", dice Saadatzadeh. "In quel momento è stato identificato il problema".

Lavorando con la farmacia, i medici di emergenza e gli specialisti in malattie infettive, il team ha sviluppato un nuovo protocollo. I pazienti ora ricevono un test rapido dell'HIV che fornisce un'indicazione preliminare entro due ore dall'esposizione del paziente al virus.

Dal momento che il programma è stato lanciato completamente nel 2019, a 39 pazienti sono state fornite confezioni di farmaci da portare a casa dalla farmacia ospedaliera, afferma Saadatzadeh.

Oltre a rendere disponibili i farmaci, i fornitori del pronto soccorso sono stati informati sul nuovo protocollo, che è stato anche incorporato nella cartella clinica elettronica, afferma.

Saadatzadeh spera di vedere il protocollo esteso ad altri dipartimenti dell'UNMH. "Il frutto del lavoro è stato davvero incredibile, dice. "Vediamo così tante persone in tutto lo stato che ricevono le mediazioni che dovrebbero ricevere. Abbiamo identificato nuovi casi di HIV a causa di ciò. Il solo fatto che il test dell'HIV avvenga è enorme".

Lei ha recentemente presentato le sue scoperte a una riunione dell'American College of Physicians. "È stato meraviglioso in termini di pubblicità che ha avuto per il nostro ospedale", Saadatzadeh dice. "Le persone sono rimaste stupite da ciò che siamo stati in grado di fare. È stato davvero un momento brillante per UNM".

Categorie: Impegno della comunità, salute, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina