Traduci
${alt}
di Michael Haederle

La necessità di essere SICURI

Il programma UNM mira al disturbo da abuso di sostanze

L'UNM Health Sciences Center è stato a lungo sede di una serie di iniziative di ricerca e educative che mirano all'epidemia di abuso di sostanze che sta attraversando il New Mexico.

Il nuovo Centro di ricerca e istruzione sull'uso di sostanze (SURE) riunisce collaboratori di diverse discipline per condividere le proprie competenze e sviluppare nuove strategie per affrontare il problema.

"Comprende davvero un insieme di collaborazioni tra i dipartimenti qui all'HSC, nel campus principale e a livello statale", afferma il direttore del centro Ludmila Bakhireva, MD, PhD, professore al College of Pharmacy con appuntamenti incrociati nella School of Medicinale.

I partner includono ricercatori in pediatria, medicina interna, ostetricia, medicina di famiglia e di comunità, neuroscienze e psichiatria e scienze comportamentali, nonché i college di infermieristica e salute della popolazione.

"Il Centro fornisce una piattaforma per gli sforzi interdisciplinari nel campo dei disturbi da uso di sostanze per cristallizzare in tutte e tre le aree della missione accademica: borsa di studio, istruzione e servizio professionale", afferma.

Il Centro SURE, che è stato istituito all'inizio di quest'anno, sta anche collaborando a livello statale con la New Mexico Pharmacists Association, il Department of Health, il Board of Pharmacy, il Mind Research Network e il New Mexico Poison Control Center, afferma Bakhireva. "Ci consente di costruire programmi di sensibilizzazione nelle aree di abuso di sostanze in modo più efficiente e raggiungere i pazienti nelle aree rurali e medicalmente svantaggiate".

Queste partnership potrebbero portare a nuove alleanze strategiche nella ricerca sui disturbi da uso di sostanze (SUD), fornire una piattaforma per il tutoraggio dei docenti junior e portare programmi di ricerca preclinica, traslazionale e clinica sulla prevenzione e il trattamento del SUD nel Nuovo Messico.

Il centro ha anche obiettivi educativi, dice. Seguendo le raccomandazioni dell'American College of Pharmacy Education e dell'American Pharmaceutical Association, il centro aiuterà ad aggiornare le linee guida curriculari per gli studenti di farmacia in materia di gestione del dolore, pratiche di prescrizione di oppioidi sicure e strategie di riduzione del danno e prevenzione del sovradosaggio.

"Spero di migliorare ulteriormente il nostro già solido curriculum attraverso l'integrazione orizzontale e verticale dei temi relativi all'uso di sostanze, esaminare i programmi di certificazione in questo campo per i nostri studenti e ottenere il riconoscimento nazionale", afferma Bakhireva.

"Penso che ciò aumenterebbe il nostro reclutamento di studenti di talento".

Gli sforzi del Centro SURE potrebbero avere un impatto diretto nella riduzione dei decessi per overdose da oppiacei da prescrizione, perché i farmacisti sono spesso il fornitore di assistenza sanitaria più disponibile nelle aree rurali e svantaggiate, afferma Bakhireva. "Stiamo cercando di fornire supporto infrastrutturale e formazione peer-to-peer ai farmacisti di comunità per essere più attivamente coinvolti in queste strategie di riduzione del danno".

Ad esempio, dice, quando i farmacisti dispensano antidolorifici oppiacei, sono spesso riluttanti a menzionare il rischio di sovradosaggio e a suggerire che il paziente riceva anche una dose di naloxone, un farmaco che ha dimostrato di salvare vite invertendo rapidamente i sintomi del sovradosaggio. Nel New Mexico, i farmacisti hanno un meccanismo di ordini permanenti per dispensare naloxone senza prescrizione di un altro fornitore, ove giustificato.

"I farmacisti non vogliono offendere inavvertitamente il paziente", spiega Bakhireva. "Se parli di 'overdose', potrebbe essere troppo sensibile".

In alternativa, suggerisce, "forse un modo migliore per dire che è: 'Potresti avere difficoltà respiratorie. Se hai l'influenza o la BPCO, questi farmaci possono rallentare la respirazione.' Questo elimina lo stigma, perché è presentato come un problema medico. Quindi, penso che i pazienti potrebbero essere più ricettivi all'idea di avere il naloxone".

In una formazione di prova per farmacisti che utilizzano queste strategie di coinvolgimento alternative, "Siamo stati in grado di aumentare l'erogazione di naloxone da parte dei farmacisti di tre o quattro volte", afferma Bakhireva. Se questo diventa il nuovo standard, molte altre vite potrebbero essere salvate.

Categorie: College of Nursing, College of Pharmacy, Collegio di salute della popolazione, Istruzione, Salute, Notizie che puoi usare, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina