Traduci
${alt}
Di Ioannis Kalampokis, MD, PhD, MPH

La giuria è ancora fuori

Mancano prove concrete del fatto che il COVID-19 provochi sintomi simili a Kawasaki nei bambini

Il 14 maggio 2020, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) inviato un avviso ai dipartimenti sanitari statali in merito a una nuova sindrome clinica che potenzialmente colpisce i bambini con il nome ingombrante "Sindrome infiammatoria multisistemica (MIS-C) associata alla malattia di coronavirus 2019 (COVID-19)."

L'advisory ha evidenziato due articoli pubblicati di recente in Lo Lancetta che descriveva sintomi simili alla malattia di Kawasaki nei bambini, alcuni dei quali erano risultati positivi al COVID-19. La malattia di Kawasaki, descritta per la prima volta nel 1967, provoca infiammazione nei vasi sanguigni del cuore, ma potenzialmente anche in tutto il corpo.

L'avviso del CDC potrebbe facilmente allarmare i genitori che sono già in ansia per il benessere dei loro figli nella pandemia, quindi dovrei sottolineare che fino ad oggi non sono stati segnalati casi documentati di malattia simile a Kawasaki associata a COVID-19 all'Università dell'ospedale pediatrico del New Mexico.

E, su una nota positiva, MIS-C sembra rispondere favorevolmente ai trattamenti stabiliti e la stragrande maggioranza dei pazienti guarisce. Gli esperti della sottospecialità pediatrica dell'UNM dispongono di tutti gli strumenti necessari per garantire che i bambini del New Mexico ricevano cure mediche della massima qualità.

Una domanda senza risposta a questo punto è se questa malattia appena segnalata sia effettivamente causata dal virus SARS-CoV-2. Nel corso degli anni non è mai stata stabilita una causa definitiva per Kawasaki, sebbene siano stati proposti molti candidati.

Uno di Lancetta articoli riferiti su un gruppo di otto bambini visti in un ospedale di Londra per un periodo di 10 giorni ad aprile che mostravano caratteristiche simili alla malattia atipica di Kawasaki, alla sindrome da shock della malattia di Kawasaki o alla sindrome da shock tossico.

Questi bambini sono stati trattati con immunoglobuline e aspirina per via endovenosa e sette sono guariti. In ospedale sono risultati tutti negativi per SARS-CoV-2 tramite un test della reazione a catena della polimerasi (PCR). Tuttavia, tutti e otto in seguito sono risultati positivi mediante test anticorpali.

La seconda Lancetta l'articolo proveniva dall'Italia, dove una revisione retrospettiva ha classificato i bambini con malattia simile a Kawasaki in due gruppi. Il gruppo 1 includeva 19 casi diagnosticati tra il 1° gennaio 2015 e l'inizio dell'epidemia di COVID il 17 febbraio 2020.

Nel gruppo 2, ci sono stati 10 casi diagnosticati tra il 18 febbraio e il 20 aprile 2020. Tutti i pazienti di entrambi i gruppi sono guariti. I tamponi di naso e gola erano positivi al COVID per due dei pazienti del Gruppo 2, ma otto in seguito sono risultati positivi tramite test anticorpali.

In sintesi, The Lancet ha pubblicato due studi retrospettivi su casi di malattia simile a Kawasaki durante la pandemia di COVID, entrambi i quali sollevano la questione se il COVID sia associato a una malattia simile a Kawasaki nei bambini.

A causa delle limitazioni dello studio relative alla dimensione del campione e al disegno non controllato retrospettivo, la risposta a questa domanda rimane sconosciuta. La metà dei pazienti in entrambi gli studi aveva contatti COVID confermati o sospetti. Nel complesso, SARS-CoV-2 è stato rilevato mediante PCR solo in quattro casi su 20. (La PCR positiva fornisce prove dirette dell'infezione da SARS-CoV-2, mentre l'evidenza indiretta dell'infezione da SARS-CoV-2 è stata fornita attraverso il test degli anticorpi.)

Si dice che il test anticorpale per SARS-CoV-2 abbia una sensibilità del 95% e una specificità dell'85-90% rispetto al test PCR, ma rimane sconosciuto se potrebbe anche mostrare reattività crociata con altri coronavirus. Il CDC ha recentemente stabilito un test anticorpale specifico per SARS-Cov-2 che non mostra reattività crociata con anticorpi correlati ai comuni coronavirus stagionali. Si spera che questo test sarà presto ampiamente disponibile.

L'advisory CDC fornisce una definizione di caso per MIS-C associata a COVID. È interessante notare che non è necessaria alcuna prova di infezione a livello individuale per diagnosticare tali casi poiché, in teoria, un paziente potrebbe risultare negativo con tutti i metodi disponibili per SARS-CoV-2 e comunque qualificarsi per la diagnosi solo avendo una storia di esposizione positiva a COVID .

Casi simili sono stati ora segnalati da tutto il mondo. Il 14 maggio il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha riferito che, sulla base di principi epidemiologici consolidati, c'erano solo prove limitate che suggerissero che il virus stesse causando la malattia simile a Kawasaki.

Ha concluso: "Ad oggi, non è stata ancora stabilita un'associazione tra l'infezione da SARS-CoV-2 e questa nuova entità clinica di infiammazione multisistemica, sebbene un'associazione appaia plausibile".

Sulla base dei dati attuali, è chiaro che il rischio di infezione da COVID-19 nei bambini è basso e la loro probabilità di sviluppare una malattia grave, come MIS-C, è molto bassa. Rimane sconosciuto se esiste anche l'associazione di malattie gravi come la malattia simile a Kawasaki, perché sono necessari dati da studi prospettici controllati per stabilire un'associazione.

È difficile raccogliere dati affidabili quando si studiano fenomeni rari e, inoltre, i test COVID-19 sono attualmente imperfetti. Sono necessari più dati per far progredire la nostra comprensione e identificare i bambini che potrebbero essere a rischio, nonché il trattamento ottimale.

Avremo bisogno di sviluppare potenziali gruppi rappresentativi di bambini per acquisire una comprensione più profonda del comportamento epidemiologico del virus, che guiderà meglio la nostra gestione di questa malattia in futuro.

Categorie: Impegno della comunità, educazione, salute, Notizie che puoi usare, Ricerca, Facoltà di Medicina, Prima pagina