Traduci
${alt}
di Michael Haederle

Prendere le cose a cuore

Non ignorare i segni di ictus o infarto durante la pandemia di COVID-19

Come morti e ricoveri dalla pandemia di COVID-19 continuano a salire, molte persone hanno ricevuto il messaggio che devono rimanere a casa e praticare il distanziamento sociale per ridurre la probabilità di diffusione o di contrarre la malattia.

Forse il messaggio viene preso un po' troppo alla lettera.

Gli ospedali di tutto il paese stanno segnalando un forte calo del numero di pazienti che arrivano al pronto soccorso con sintomi lievi che suggeriscono un infarto o ictus. I medici ipotizzano che le persone potrebbero decidere di provare ad aspettare i loro sintomi, piuttosto che cercare cure, una strategia potenzialmente fatale.

L'ospedale dell'Università del New Mexico non ha ancora visto un netto calo dei casi, ma prove aneddotiche provenienti da altre parti negli Stati Uniti e in Europa suggeriscono che ne sta arrivando uno, afferma Mark Sheldon, MD, capo ad interim della Divisione di Cardiologia.

"Nessuno a questo punto sa esattamente perché sia ​​così", dice del declino del paziente segnalato. "Non ha senso che ci siano meno attacchi di cuore in corso in questo momento. La spiegazione più probabile è che le persone stiano riducendo al minimo i loro sintomi, o che abbiano solo paura di venire in ospedale, perché gli ospedali sono così sopraffatti, e temono potenzialmente di contrarre l'infezione da virus".

L'UNMH ha annullato gli interventi chirurgici elettivi e altre procedure al fine di aprire i letti per un'ondata anticipata di pazienti COVID-19 e molte visite ambulatoriali vengono gestite tramite telecomunicazioni.

"Gli stiamo dicendo che se sei stabile e stai bene, non entrare", dice Sheldon. "Ma certamente le persone che hanno un disagio toracico acuto o abbastanza improvviso o mancanza di respiro sono ciò di cui siamo preoccupati e devono essere valutate".

L'ospedale continua a fornire assistenza ai pazienti che ne hanno davvero bisogno, quelli la cui salute altrimenti si deteriorerebbe. "Siamo ancora aperti agli affari per queste cose", dice. "Ictus e infarto sono grandi assassini e hanno bisogno di cure di emergenza".

Sheldon osserva che il rischio di infezione è basso per i pazienti ricoverati in ospedale, perché i pazienti COVID vengono tenuti separati dagli altri e le stanze e le attrezzature vengono regolarmente pulite e sterilizzate.

Torsten Rohde, RN, BSN, direttore dei programmi per l'ictus e l'insufficienza cardiaca presso l'UNMH, afferma di aver sentito parlare del calo dei casi di infarto e ictus anche dai suoi coetanei in tutto il paese.

"Hsintomi di ictus e infarto cardiaco: questi numeri non sono diminuiti in modo significativo", dice. Ma quando, ad esempio, qualcuno nota che il braccio sta formicolando o che il suo linguaggio è confuso, potrebbe essere incline a ignorare i sintomi o decidere di aspettare per andare avanti all'ospedale.

"Questo riduce davvero le loro possibilità di sopravvivenza", afferma Rohde.

Un'altra preoccupazione è che con il distanziamento sociale, le persone anziane che vivono da sole potrebbero non avere nessuno intorno a cui notare i loro sintomi e cercare aiuto.

"Molte persone hanno sintomi di ictus e non ne sono consapevoli", dice. "Questa è una preoccupazione. Forse le persone dovrebbero assicurarsi che i loro genitori sappiano come utilizzare un iPhone o un iPad in modo che possano utilizzare FaceTime e controllare i loro cari".

Nel frattempo, Rohde esorta le persone a ricordare la formula BEFAST per individuare i segni di un ictus:

· Equilibrio - Vertigini improvvise, perdita di equilibrio o coordinazione

· occhi - Improvvisi problemi a vedere da uno o entrambi gli occhi

· Faccia - Debolezza facciale

· Braccio - Debolezza, incapacità di alzare entrambe le braccia in modo uniforme

· Discorso - Difettoso, confuso, con difficoltà a ripetere frasi semplici

· Tempo - Chiama subito il 911

Categorie: Impegno della comunità, educazione, salute, Notizie che puoi usare, Facoltà di Medicina, Prima pagina