Traduci
${alt}
di Michele Sequeira

I robot migliorano la chirurgia del cancro

UNM Surgical Oncology apre la strada a nuove tecniche minimamente invasive nel New Mexico per complessi interventi chirurgici di cancro addominale

"Com'è il recupero? Quando potrò tornare alla normalità?"

Victor Phuoc, MD, FACS, ascolta queste domande regolarmente dai suoi pazienti. Ora può offrire loro un'opzione aggiuntiva per un intervento chirurgico che può rendere il loro recupero ancora più rapido e semplice.

Phuoc, insieme ad altri chirurghi oncologici del Comprehensive Cancer Center dell'Università del New Mexico, stanno sperimentando nuovi interventi chirurgici nel New Mexico utilizzando il robot da Vinci. Gli interventi robotici, afferma, offrono numerosi vantaggi e combinano le migliori caratteristiche degli interventi chirurgici sia aperti che laparoscopici.

Nella chirurgia a cielo aperto, il chirurgo pratica una grande incisione sull'addome che consente alle mani e agli strumenti di entrare, manipolare gli organi e rimuovere il tumore. Le persone possono affrontare settimane di recupero, non solo per le dimensioni dell'incisione, ma anche per l'aumento del rischio di infezione e la necessaria manipolazione degli organi.

"Quando questi organi [addominali] vengono collocati in una posizione anormale per diverse ore alla volta durante un intervento chirurgico a cielo aperto", spiega Phuoc, "ci vuole tempo perché gli organi riacquistino la normale funzione". Possono volerci giorni, dice, prima che l'intestino funzioni di nuovo.

Nella chirurgia laparoscopica, gli organi rimangono al loro posto e il chirurgo lavora intorno a loro per rimuovere il tumore. Il chirurgo esegue piccoli tagli, ciascuno abbastanza grande da consentire il passaggio degli strumenti stretti. Le persone si riprendono più velocemente dalla chirurgia laparoscopica, ma l'intervento richiede una maggiore pianificazione per rimuovere tutto il tumore.

A volte, il chirurgo può convertire una chirurgia laparoscopica in una procedura aperta se il tumore ha alterato l'anatomia della persona in modo inaspettato. Gli strumenti laparoscopici convenzionali e diritti limitano il chirurgo a lavorare entro un angolo fisso. La posizione distorta degli organi interni può impedire al chirurgo di inclinare gli strumenti come previsto per operare in sicurezza e rimuovere tutto il tumore.

In una chirurgia robotica, Phuoc ha raramente bisogno di convertirsi in una chirurgia aperta perché gli strumenti robotici possono piegarsi per muoversi intorno a organi e tumori. E possono ruotare in qualsiasi direzione. "Con la chirurgia robotica, è possibile esporre aree ed eseguire dissezioni complesse e precise che in realtà non sono possibili con la laparoscopia convenzionale", afferma.

I robot offrono un altro vantaggio: non hanno il polso. Ogni mano umana, per quanto ferma, produce tremori quando si spostano strumenti o si tiene una fotocamera durante un'operazione molto precisa.

"Il robot filtra il tremore umano. Non trema mai", afferma Phuoc. "Fornisce un campo operativo più stabile. E il sistema di telecamere robotizzate offre un'eccellente visualizzazione per una maggiore precisione".

Phuoc sta vedendo i suoi pazienti riprendersi più velocemente dalla chirurgia robotica. "I pazienti stanno vedendo una riduzione del loro ricovero ospedaliero da due a cinque giorni rispetto alla chirurgia a cielo aperto", dice. "Il loro dolore post-operatorio è notevolmente migliorato e tornano alle normali attività molto prima".

Phuoc ha completato i primi interventi chirurgici robotici nel New Mexico per il cancro al fegato, al pancreas, all'esofago e allo stomaco. Per quelli con cancro del colon metastatico o dell'appendice, esegue roboticamente la chemioterapia intraperitoneale ipertermica, o HIPEC, una procedura in cui fa fluire farmaci chemioterapici riscaldati intorno agli organi nell'addome in modo che i farmaci contattino direttamente le cellule tumorali.

Anche i chirurghi dell'UNM Cancer Center Ashwani Rajput, MD, FACS e Bridget Fahy, MD, FACS, hanno utilizzato maggiormente la chirurgia robotica per i loro interventi chirurgici avanzati sul cancro.

Phuoc continua ad allenarsi per portare nello stato altre procedure di chirurgia robotica del cancro. Addestrare un chirurgo a eseguire un intervento di chirurgia robotica è come addestrare un adolescente a guidare un'auto. I tirocinanti chirurghi praticano una particolare procedura molte volte su cadaveri e con simulatori. Osservano anche chirurghi esperti di robotica eseguire questa procedura più volte. Quando hanno dimostrato abbastanza abilità con il robot, i loro primi interventi chirurgici per quella procedura sono strettamente supervisionati da un chirurgo esperto di robotica.

Per Phuoc, i mesi di formazione per ogni procedura valgono il suo sforzo. "L'obiettivo di ogni paziente è completare le cure oncologiche e tornare a una vita normale", afferma. "Penso che la chirurgia robotica li aiuti ad arrivarci più velocemente".

-

Victor Phuoc, MD, FACS, è Assistant Professor presso il Dipartimento di Chirurgia, Divisione di Oncologia Chirurgica, presso la UNM School of Medicine. È certificato dall'American Board of Surgery e pratica presso l'UNM Comprehensive Cancer Center.

Categorie: Centro oncologico completo