Traduci
${alt}
Di Rebecca Jones

NMDID aiuta nella ricerca COVID-19

I ricercatori della Johns Hopkins confrontano le scansioni TC del tessuto polmonare

Ricercatori della Johns Hopkins School of Medicine stanno utilizzando un database di informazioni sanitarie compilato dal New Mexico Office of the Medical Investigator (OMI) per confrontare il tessuto polmonare di pazienti con polmonite COVID-19 con quello di persone morte per altre cause, come il cancro ai polmoni.

Il New Mexico Decedent Image Database (NMDID), ampiamente utilizzato nella ricerca biomedica, include informazioni sanitarie su ben 69 variabili diverse raccolte da corpi portati all'OMI. Tutte le informazioni personali vengono rimosse in modo che non vi siano indicatori di identificazione.

La ricerca, "Novel Radiomic and Deep Learning Metrics for Covid-19 Disease", è guidata da Michael A. Jacobs, professore di radiologia e oncologia e direttore dell'Imaging Radiological Assessment Team presso il Sidney Kimmel Comprehensive Cancer Center del Johns Hopkins. Spera di condurre studi clinici per determinare se le scansioni TC possono aiutare a prevedere quali pazienti COVID-19 risponderanno alla terapia mirata.

"La linea di fondo è che potremmo essere in grado di sviluppare firme tissutali, utilizzando l'imaging radiomico per determinare quale sarà l'esito per i pazienti a cui è stata diagnosticata una polmonite da COVID-19", afferma Jacobs.

"Mentre andiamo avanti, se riusciamo a far eseguire a questi pazienti due o tre di queste scansioni, potremmo essere in grado di prevedere quali avranno una migliore sopravvivenza globale e forse rispondere a un trattamento se uno diventa disponibile - perché non c'è davvero ' t ancora alcun trattamento", dice.

Jacobs, che è certificato in fisica medica diagnostica dall'American Board of Radiology, dice di essere grato per avere accesso al database. "È molto utile", dice.

Heather Edgar, professore associato di antropologia presso l'Università del New Mexico e antropologa forense presso l'OMI, afferma che il database include informazioni raccolte da oltre 15,000 corpi. I dati possono essere consultati da ricercatori qualificati.

"Ho pensato che fosse una ricerca fantastica", dice Edgar del progetto di Jacobs. "Sta facendo la differenza."

Edgar dice che spera che più scienziati trarranno vantaggio dal database del New Mexico, perché è una risorsa unica. Finora ha 200 utenti da tutto il mondo.

"Stiamo diffondendo la voce che questo è disponibile per i ricercatori in numerosi campi, tra cui l'antropologia e la medicina legale", afferma.

Categorie: Impegno della comunità, salute, Research, Prima pagina