Traduci
${alt}
di Kara Leasure Shanley

Vivere il sogno

Vojo Deretic trova casa e oggetto di ricerca nel New Mexico

Molti scienziati sognano solo di essere all'avanguardia in un nuovo campo della biologia, ma da oltre 15 anni Vojo Deretic, PhD, è in prima linea nella ricerca incentrata sull'autofagia, un processo cellulare centrale in molti sistemi biologici che potrebbe tenere la chiave per nuove cure.

Il viaggio è stato pieno di rischi professionali, fascino ed eredità per Deretic, professore e presidente del Dipartimento di Genetica Molecolare e Microbiologia.

Nato in Croazia, Deretic ha frequentato l'Università di Belgrado e l'Università di Parigi per la laurea e la laurea. Alla fine si è recato all'Università dell'Illinois a Chicago per un lavoro post-dottorato e ha ricevuto incarichi di facoltà presso l'Università del Texas a San Antonio e l'Università del Michigan.

Ricorda di aver visitato il New Mexico mentre viveva in Texas, sognando persino di possedere una casa a Santa Fe, nonostante avesse poco reddito in quel momento.

"Abbiamo adorato il New Mexico", dice Deretic, "quindi c'era sempre una grande attrazione". Il suo passaggio all'UNM ha portato a un lavoro di alto profilo nel campo in rapida evoluzione e controverso dell'autofagia.

Se una cellula ha parti danneggiate o è stata invasa da batteri, può rimuovere queste sostanze nocive o morire. Questa è la funzione dell'autofagia: è il meccanismo di riciclaggio dinamico della cellula. Le cellule possono anche usare l'autofagia per nutrirsi di se stesse durante la fame.

Deretic lo trova intrigante. "Hai un aspetto metabolico e hai un aspetto di controllo della qualità", dice, "e pochissime cose hanno entrambi".

Scavare in una nuova funzione cellulare è pericoloso, soprattutto quando la maggior parte dei biologi deve ancora comprenderne il significato. Quando ha iniziato a studiare l'autofagia, Deretic aveva già ricevuto borse di studio con diversi obiettivi di ricerca. Le sue prime incursioni nel nuovo campo alla fine hanno aperto la strada all'applicazione dell'autofagia come strumento antimicrobico manipolando il processo per uccidere i batteri della tubercolosi nelle cellule immunitarie.

Deretic ricorda quei giorni con affetto. "Poiché era un campo in così rapido sviluppo", dice, "potevi davvero fare scienza spettacolare e fare scoperte su base annuale, ed è quello a cui mi sono abituato".

Abituarsi alle scoperte significava più pubblicazioni su importanti riviste come Scienza e Natura, portando più riconoscimento all'UNM, e Deretic si rende conto dei vantaggi che la sua ricerca porta al New Mexico.

"Non sono nella scienza per lavorare per soldi o cose del genere", dice ridendo. "Sono qui per interesse, ed è abbastanza divertente che nel New Mexico potrei inseguirli."

Tale interesse ha recentemente raccolto una sovvenzione di 11 milioni di dollari del National Institutes of Health per istituire il Centro per l'autofagia, l'infiammazione e il metabolismo nelle malattie presso l'UNM Health Sciences Center, il primo centro di autofagia finanziato dal NIH nel suo genere.

Deretic è orgoglioso di aver ottenuto, con l'aiuto della leadership dell'HSC, preziosi finanziamenti per l'università e lo stato. Spera anche che possa aiutare i futuri ricercatori sull'autofagia.

"Sono particolarmente felice che in realtà non sia per me", dice. "È per l'ambiente, la facoltà junior e i loro studenti. Questo dovrebbe dare una spinta a molte cose diverse. Non è davvero personale, non è la mia carriera - si tratta di più carriere".