Traduci
${alt}
di Michael Haederle

Imparare ad essere presenti

L'addestramento alla consapevolezza trova posto nella scuola di medicina dell'UNM

Quindici studenti di medicina del terzo anno si sono riuniti a mezzogiorno in una sala conferenze senza finestre negli uffici del Dipartimento di Chirurgia dell'UNM, aiutandosi a preparare involtini, patatine e biscotti mentre discutono dei benefici della consapevolezza.

Rebecca Williams-Karnesky, MD, PhD, residente senior in Chirurgia Generale, conduce la conversazione. "Qualcuno di voi ha usato gli esercizi di respirazione di cui abbiamo parlato?" lei chiede.

Una studentessa alza la mano. "Sì, l'ho fatto ieri", dice, descrivendo un incontro pieno di pressione con un chirurgo che l'ha messa sul posto chiedendole di descrivere gli strati della parete addominale.

"Penserò qualcosa, ma non dirò la cosa giusta", ammette lo studente, "così mi sono fermato e ho fatto la respirazione addominale". Dopo essersi calmata, ha fornito la risposta giusta. "Ti aiuta a recuperare le tue parole al tuo cervello."

Williams-Karnesky annuisce con approvazione mentre un altro studente racconta come ha usato il suo respiro per sedare i sentimenti di panico durante una procedura di cinque ore in una stanza troppo calda senza aria condizionata.

Una definizione operativa di mindfulness lampeggia sullo schermo davanti alla stanza: "Prestare attenzione in un modo particolare, di proposito, nel momento presente, senza giudicare".

Questo è un tema su cui Williams-Karnesky torna ripetutamente nel corso di mindfulness, che si svolge in tre sessioni di un'ora. È obbligatorio per tutti i tre anni mentre ruotano attraverso i loro tirocini chirurgici, attingendo a un numero crescente di ricerche che suggeriscono che la consapevolezza può mitigare il rischio di burnout del medico.

Conduce gli studenti attraverso una varietà di tecniche meditative, tra cui la respirazione addominale lenta e costante, che attiva la risposta parasimpatica rilassante del corpo, le scansioni del corpo consapevoli e la meditazione della gentilezza amorevole, una pratica dimostrata per promuovere la compassione.

"Gran parte della medicina riguarda il sacrificio di sé per gli altri", dice. "Trascorro una delle tre sessioni parlando di compassione - e anche di auto-compassione. Dimentichiamo che ci diciamo che siamo sovrumani e queste cose non ci influenzano, ma lo fanno, molto profondamente".

Williams-Karnesky apporta credenziali uniche al suo ruolo di insegnante. Quando ha iniziato il suo programma di MD/PhD presso l'Oregon Health & Science University di Portland, un nascente interesse per la meditazione l'ha portata a visitare il Dharma Rain Zen Center, che si trovava a soli due isolati da dove viveva. "Ero tipo, 'Ci siamo, sono a casa.'"

In poco tempo, viveva al centro Zen e si univa alla meditazione quotidiana di gruppo.

Formazione dedicata - inclusi ritiri intensivi di meditazione di sette giorni chiamati sesshin - ha permesso a Williams-Karnesky di gestire lo stress della scuola di medicina e l'ha aiutata a chiarire perché voleva diventare un medico in primo luogo.

"Ho deciso quando avevo 5 anni che sarei diventata un medico", dice. Attraverso la sua pratica Zen, si è trovata a chiedersi: "Perché sto facendo questo? Quanto è coinvolto il mio ego in questo, e come posso tirarne fuori il mio ego? Come attingo a quella motivazione di compassione?"

Quando ha iniziato a prendere più di una mano nella cura del paziente, ha anche scoperto che era "molto utile nell'affrontare quelle esperienze difficili nel contesto clinico, di sentirsi impotenti o sopraffatti".

Mentre si trovava a Portland, Williams-Karnesky ha insegnato lezioni di meditazione ai giovani nel programma familiare del centro Zen. Quando è venuta alla UNM per la sua specializzazione in chirurgia, ha contattato John Russell, MD, presidente del Dipartimento di Chirurgia, per offrire un corso di consapevolezza per gli studenti di medicina.

"Il dottor Russell è molto favorevole", dice. "Dal momento in cui ho detto che volevo farlo, ha detto: 'Fantastico!'" Ha anche pagato per comprare le copie degli studenti di "The Mindful Medical Student: una guida per uno psichiatra per rimanere chi sei mentre diventi chi vuoi essere" ."

Gli studenti del terzo anno della scuola di medicina sembrano essere particolarmente ricettivi a ciò che il corso ha da offrire, afferma Williams-Karnesky.

"Quando arrivano al terzo anno, penso che inizino a riconoscere quanto sia difficile la parte clinica", dice. "Vedono che le sfide di lavorare con i pazienti e le loro ore sono molto peggiori. Stanno integrando la conoscenza e l'esperienza pratica e facendo quel lavoro emotivo. Diventa molto più rilevante".

Williams-Karnesky condivide la propria esperienza come residente per evidenziare i modi in cui la consapevolezza può essere messa in pratica. Un esempio è la necessità di portare con sé un cercapersone (o due o tre) durante una chiamata e il modo in cui un avviso suscita una risposta "Pavloviana" di "frustrazione, ansia e rabbia istantanee". Il trucco, dice, è trovare lo spazio tra stimolo e risposta.

"Il mio cercapersone suona e sento una stretta al petto, mi sento arrabbiata", dice. "Ma con la consapevolezza sono in grado di sentirlo e lo permetto. Faccio un respiro, mi rilasso e prendo il telefono e dico: 'Come posso aiutarti?'"

La consapevolezza offre anche un'alternativa per quei momenti in cui un medico ha fatto tutto il possibile per il suo paziente - e non è ancora abbastanza. "Molte volte, è solo essere presenti a quella persona", dice Williams-Karnesky.

Ha ricevuto riconoscimenti nazionali per il suo lavoro, tra cui il Resident Teaching Award al meeting dell'Association of Surgical Residents a Chicago, e un invito a presentare al Congresso Clinico dell'American College of Surgeons del 2019.

Williams-Karnesky è anche entrato a far parte del nuovo Learning Environment Office della School of Medicine come ricercatore,

Grazie a una crescente consapevolezza dei pericoli del burnout, gli studenti di medicina ora iniziano a conoscere l'importanza del benessere del medico nelle prime fasi della loro formazione. "Il benessere è certamente nel radar", dice.

"Capire cosa funziona per il benessere dei chirurghi, quali parti sono guidate dall'istituzione, quali sono i fattori personali, è stato sicuramente parte della conversazione".

Categorie: Impegno della comunità, educazione, Notizie che puoi usare, Facoltà di Medicina, Prima pagina