Traduci
${alt}
di Michael Haederle

latine che guidano

La dottoressa Lana Melendres-Groves porta il suo gioco "A" nella cura dei pazienti più malati del New Mexico

Lana Melendres-Groves, MD, è alta solo 5 piedi e 11/2 pollici e raramente, se non mai, è stata descritta come fisicamente imponente. Ma non ha mai lasciato che la sua statura la trattenesse.

Quando stava crescendo, suo padre, Art Melendres, un importante avvocato di Albuquerque e reggente di lunga data dell'UNM, le consigliava la fiducia. "Le cose migliori arrivano in piccoli pacchetti", le disse. "Non ti vedranno mai arrivare perché ti sottovaluteranno sempre."

Melendres-Groves ha preso a cuore il suo consiglio e ha imparato il valore della tenacia.

All'UNM, è stata una Regents' Scholar e una centrocampista centrale da record per la squadra di calcio femminile. Dopo la scuola di medicina e la residenza presso l'UNM, ha svolto una formazione post-dottorato avanzata presso la Stanford University in malattie vascolari polmonari.

Ora professore associato presso il Dipartimento di Medicina Interna dell'UNM, Melendres-Groves ha contribuito a lanciare il programma sull'ipertensione polmonare, per il quale ora ricopre il ruolo di direttore medico. E recentemente è stata nominata vicepresidente del dipartimento per la diversità, l'equità e l'inclusione, dove è responsabile del reclutamento e del mantenimento dei docenti, oltre a rispondere alle esigenze di studenti e residenti.

La nativa di Albuquerque attribuisce ai suoi genitori il merito di aver nutrito in lei e nei suoi tre fratelli un profondo apprezzamento per le persone di varia provenienza.

"Fa parte della mia educazione vedere quanto siamo diversi e diversificati qui e apprezzarlo e mostrarlo agli altri", dice. "Mio padre e mia madre hanno entrambi compreso l'importanza del nostro melting pot, essere in grado di entrare in empatia e capire chi ti circonda".

La diversità gioca un ruolo centrale nella sua ricerca. L'ipertensione polmonare è una malattia progressiva relativamente rara, che colpisce in modo sproporzionato le donne di mezza età e può eventualmente portare a insufficienza cardiaca destra.

"In questo momento, abbiamo 14 diversi farmaci approvati per il trattamento lungo tre diversi percorsi", afferma Melendres-Groves. "L'obiettivo è fermare o rallentare la progressione".

Sebbene avrebbe potuto portare la sua esperienza altrove, è tornata a casa per praticare in parte perché molti dei suoi pazienti sono ispanici, un gruppo che è stato poco studiato da altri ricercatori sull'ipertensione polmonare. Vede pazienti da tutto il New Mexico e dagli stati circostanti.

"La mia speranza è che rimanendo nel New Mexico ed essendo in grado di evidenziare le differenze, forse possiamo trovare terapie che siano più vantaggiose per loro, rispetto a qualcuno che è anglo", dice.

Melendres-Groves ha forgiato il suo spirito determinato giocando a calcio, che ha adottato perché voleva emulare i suoi due fratelli maggiori. Fin dalla sua carriera stellare in Division I all'UNM, è rimasta attiva nello sport come allenatore - e ha persino sposato uno, Joshua Groves, proprietario della New Mexico Soccer Academy (anche i loro quattro figli giocano).

Ma come donna ispanica, Melendres-Groves ha dovuto anche affrontare alcune sfide professionali uniche.

"Quando entro in una stanza, nella mia specialità sono al 99 percento uomini, e la maggior parte di questi sono uomini bianchi", dice. "Non ho alcun problema con questo. Ma sicuramente riconosci di essere l'unico nella stanza. Ci sono quelli che sono disposti ad apprezzarlo e ad ascoltarti, e ci sono quelli che dicono: 'Sei solo una donna .'"

Nel corso della sua carriera, dice, "ci sono state molte volte in cui mi sono chiesto perché stavo passando attraverso cose che pensavo non dovessero più succedere in questo giorno ed età, ma l'ho fatto perché ci sono altri in arrivo dietro di me."

In definitiva, dice Melendres-Groves, si tratta di usare il suo spirito competitivo per fornire la migliore assistenza possibile ai suoi pazienti.

"Per la malattia che curo, non sono d'accordo che rimangano gli stessi, il che sarebbe un pareggio, e non dovrebbero morire, il che dovrebbe essere una perdita", dice. "Voglio che si sentano meglio. Lavorerò sempre al massimo fino all'ultimo minuto, perché non sai mai cosa accadrà fino al fischio finale".

Categorie: Impegno della comunità, salute, Facoltà di Medicina, Prima pagina