Traduci
${alt}
di Kara Leasure Shanley

Inventare soluzioni

UNM Health Hackathon genera nuove idee per i dispositivi

Quando la sua squadra è stata annunciata come vincitrice del primo Health Hackathon della University of New Mexico, domenica pomeriggio, Carla Wilhite è riuscita a malapena a trattenersi.

Si è unita agli applausi e alle grida di apprezzamento quando il team leader Heather Canavan, PhD, professore associato di ingegneria chimica e biologica, ha accettato un certificato che simboleggia il loro successo: un premio pilota di $ 10,000 dal Clinical & Translational Science Center (CTSC) dell'UNM per un'invenzione chiamata a Visistik.

"Preferirebbe tenere i soldi", ha scherzato Wilhite, un assistente professore di pediatria e terapia occupazionale, mentre il team si sistemava a casaccio, sorridendo ampiamente per una foto di gruppo con i giudici e gli organizzatori della competizione.

È stato il culmine di un intero fine settimana di presentazioni e prototipi alla ricerca del miglioramento della salute dei nuovi messicani che si è svolto nell'ala nord del Domenici Center for Health Sciences Education nel campus dell'UNM Health Sciences.

Nel corso di 48 ore, più di 60 partecipanti con diverse competenze organizzati in team, ciascuno focalizzato su una singola idea relativa alla salute. Utilizzando i materiali disponibili, tra cui scovolini, plastilina, minuscoli computer e stampanti 3D, hanno creato prototipi e affinato le loro proposte per dimostrare che la loro soluzione sanitaria valeva uno dei due premi pilota in palio.

"Penso che siamo riusciti su ogni standard che ci siamo prefissati e che i team che si sono formati sono stati molto attenti e laboriosi", ha detto a Robert G. Frank, PhD, direttore del Center for Innovation in Health and Education dell'UNM. "Quindi è stato un successo in tutti i nostri parametri".

L'evento, che prevedeva nove mesi di pianificazione, è iniziato venerdì sera mentre gli hacker hanno ascoltato attentamente Frank e Lisa J. Kuuttila, presidente e CEO di STC.UNM, discutere su come trasformare un'idea in un progetto fruttuoso.

"Ovviamente, vogliamo trovare soluzioni intelligenti e innovative ai problemi che esistono oggi", ha affermato Frank, professore presso il Dipartimento di Medicina di famiglia e di comunità. "Questo è davvero ciò di cui ci occupiamo."

La stanza era piena di originalità mentre ogni hacker cercava di convincere gli altri partecipanti del merito della loro idea. I progetti risultanti hanno incorporato una serie di problemi di salute: dalle app mobili che tracciano i sintomi della malattia celiaca, ai cerotti per gli ultrasuoni, ai portafogli di facile accesso per i pazienti con malattia di Parkinson.

Sarebbe una decisione difficile per la giuria di quattro giudici che si è riunita domenica pomeriggio per scegliere due vincitori in base all'innovazione, alla commerciabilità e alla sostenibilità di mercato delle loro idee.

Il team di Canavan ha sviluppato Visi Stik, che hanno descritto come un bastone 3D per persone con problemi di vista. "Chiudete tutti gli occhi", ha chiesto Canavan durante il suo discorso. "Senza guardare, c'è qualcosa in questa stanza che rappresenta una minaccia per te? Qualcosa su cui potresti sbattere la testa che non potresti rilevare, basandoti solo su ciò che puoi sentire a terra?"

Circa il 40% delle persone ipovedenti che usano i bastoni subisce ogni mese lesioni alla testa da pericoli localizzati a livello della testa - che sono circa 300,000 lesioni all'anno nel solo New Mexico, ha detto Canavan. Dopo aver esaminato un campione di utenti di canna attraverso il networking e i social media, il team ha costruito ciò che gli utenti desideravano: una custodia a basso profilo che si infila su qualsiasi canna e rileva l'ambiente in tre dimensioni.

"Il Visi Stik consentirà agli utenti di camminare a un ritmo più veloce con maggiore sicurezza che i pericoli a livello della testa verranno rilevati ed evitati in tempo", ha affermato.

Domenica, un bastone con la manica - composta da schede blu per computer, cavi a nastro color arcobaleno e minuscole fotocamere - è stata passata intorno alla giuria. Hanno chiaramente approvato come il team Visi Stik è stato il primo a ricevere un premio quel giorno.

Tuttavia, è rimasto un secondo premio pilota.

Frank Jaime, MD, professore associato di anestesia ostetrica, e il suo team hanno introdotto Flex Trach, un dispositivo che previene le intubazioni tracheali fallite da parte di professionisti medici.

Secondo il team, dei 35 milioni di intubazioni eseguite ogni anno negli Stati Uniti, circa 8.7 milioni non vengono eseguite correttamente al primo tentativo. Questo può avere gravi ripercussioni per un paziente che non può respirare da solo, inclusi danni cerebrali ipossici o traumi cardiaci.

Migliorando il design tradizionale del laringoscopio, il team ha creato quello che hanno descritto come un tubo endotracheale orientabile utilizzando una siringa che gonfia un piccolo palloncino all'estremità del tubo. L'operatore può manovrare il dispositivo più facilmente durante le intubazioni difficili.

"Penso che questa sia una tecnologia dirompente che cambierebbe davvero le cose nella gestione delle vie aeree", ha detto Jaime. "Ogni singolo giorno, mi vengono in mente situazioni in cui posso usare questo."

I giudici hanno concordato e il team Flex Trach ha ricevuto il secondo premio pilota CTSC del fine settimana.

Mentre celebravano le loro vittorie, entrambe le squadre hanno attribuito il loro successo alle diverse abilità dei loro membri.

"Ogni singola persona ha portato qualcosa di diverso che ha aggiunto così tanto al progetto ed è stato completamente diverso da qualsiasi cosa avrei potuto inventare da solo", ha detto Canavan.

David Grow, PhD, professore associato di ingegneria meccanica presso il New Mexico Institute of Mining and Technology, è stato felice di imparare dai compagni di squadra di Visi Stik al di fuori della sua disciplina.

"Come ingegneri, è facile avere il primo assaggio di quale sia il problema ed essere totalmente ossessionati da come pensi di dover risolvere il problema", ha detto. "È stato così bello ricevere il feedback costante per aiutarci a riorientarci su quale fosse il problema reale e anche per capire come funziona tutto questo in termini di marketing".

Jeffrey Norenberg, PharmD, PhD, professore e direttore delle scienze radiofarmaceutiche, si è detto lieto di vedere quanta innovazione si verifica nel campus dell'UNM. "So che ci saranno più idee in arrivo", ha detto. "Saremo in grado di costruire squadre ancora più forti basate su questa esperienza per aiutarci tutti a provare a hackerare la salute e fare la differenza nella vita dei nuovi messicani e oltre".

Categorie: Impegno della comunità, salute, Research, Prima pagina