Traduci
${alt}
Di Rebecca Jones

Terapia intensiva

Il team del centro medico regionale dell'UNM Sandoval lavora per lunghe ore per conto dei pazienti COVID-19 del New Mexico

Dal momento in cui entrano nel loro camice per un turno, gli operatori sanitari presso l'Università del New Mexico Sandoval Regional Medical Center di Rio Rancho fanno clic insieme come una squadra per garantire che la cura del paziente funzioni senza intoppi.

"È stato positivo per quanto riguarda la nostra unità", afferma Kirsten Del Mastro, RT, terapista respiratorio capo del turno di notte. "Stiamo insieme e lavoriamo bene insieme. Siamo tutti sulla stessa pagina".

Avere i medici lì significa che stanno imparando tutto il tempo, dice.

Del Mastro, che trascorre lunghe ore a prendersi cura dei pazienti COVID-19 nell'unità di terapia intensiva (ICU), ha escogitato un metodo per consentire al personale di comunicare lo stato di salute di ciascun paziente utilizzando pennarelli cancellabili a secco su plexiglass per documentare i cambiamenti.

È diventato uno strumento essenziale nella loro segnalazione al capezzale e consente al team SRMC di rivedere facilmente i cambiamenti nei pazienti ogni giorno. Tengono traccia dei cambiamenti nei farmaci e di eventuali nuovi sviluppi che si verificano durante la notte, dice. "Non dobbiamo tirare su il grafico ogni volta che vediamo i pazienti", dice Del Mastro.

Ci sono generalmente da otto a 10 pazienti in terapia intensiva con diagnosi di nuovo coronavirus. I trattamenti includono l'utilizzo di un Optiflow, un dispositivo che fornisce diverse miscele di ossigeno puro e aria. Optiflow aiuta a evitare che i pazienti critici debbano essere posizionati su un ventilatore, afferma.

"La miscela di ossigeno e titolato apre loro tutto", afferma Del Mastro. "L'ossigeno del paziente di solito è molto basso a questo punto". Non sono in grado di completare frasi complete, per esempio.

Alcuni pazienti con respiro affannoso si sentono meglio quando vengono messi in posizione prona, dice Del Mastro. E alcuni hanno anche bisogno di un ventilatore per respirare.

"Quando mettiamo qualcuno su un ventilatore, lo facciamo in modo da poterlo curare", dice. "Dobbiamo somministrare al paziente sedazione e farmaci paralitici. I tubi vengono inseriti nella loro gola. Quando vengono posizionati sul ventilatore, controlla quanto possono respirare".

Più a lungo i pazienti rimangono sul ventilatore, più recupero dovranno subire, dice. Il tessuto polmonare sfregiato può causare problemi a lungo termine e alcuni pazienti potrebbero richiedere ossigeno supplementare per il resto della loro vita.

"I pazienti diventano molto deboli e avranno bisogno di molta riabilitazione per camminare di nuovo", dice Del Mastro.

I sacrifici fatti dal team di assistenza sanitaria in prima linea di SRMC si estendono oltre le porte dell'ospedale.

Del Mastro dice che lei e i suoi colleghi trascorrono quelle che sembrano innumerevoli ore all'SRMC. Nelle ore libere, alcuni indossano una maschera per tutto il tempo che sono a casa, e alcuni hanno mandato i loro figli a stare con i parenti per paura che possano infettare le loro famiglie.

"Hanno atteggiamenti positivi, nonostante quello che sta succedendo", dice Del Mastro. "Amiamo il nostro lavoro".

Sebbene le attività si stiano gradualmente aprendo in tutto lo stato e l'ospedale stia riprendendo costantemente le normali operazioni, la comunità dovrebbe ricordare che il virus si sta ancora diffondendo e le persone dovrebbero uscire solo se necessario. Indossare una maschera e praticare il distanziamento sociale aiuterà a proteggere gli altri.

Puoi fare una donazione per sostenere gli operatori sanitari SRMC visitando il Fondazione UNM.

Categorie: Impegno della comunità, salute, Notizie che puoi usare, Prima pagina