Traduci
${alt}
di Kara Leasure Shanley

Proiezioni di iniezione

La pagina Kimberly dell'UNM studia come fermare le infezioni da epatite C tra i consumatori di droghe per via endovenosa

Polio, difterite e morbillo: cosa hanno in comune queste malattie? Sono tutti causati da virus che sono stati praticamente debellati dai vaccini. Un ricercatore dell'Università del New Mexico spera di aggiungere un altro virus a quella lista: l'epatite C.

In uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine, l'epidemiologo Kimberly Page, PhD, MPH, insieme allo scienziato della FDA Marian Major e a un team di ricercatori, ha dimostrato che lo sviluppo di un vaccino contro l'epatite C potrebbe facilitare significativamente la trasmissione virale tra i consumatori di droga.

Quando qualcuno viene infettato dall'epatite C, la quantità di virus che circola nel flusso sanguigno della persona, denominata viremia, esplode. "È un virus lento e senza fiamma che causa l'infiammazione del fegato", ha detto Page. Nel tempo, può portare ad un alto rischio di danni al fegato e cancro.

Ci vogliono quasi due mesi perché il corpo produca anticorpi contro il virus. Anche in questo caso, solo il sistema immunitario di alcune persone può sopprimere il virus e quelli che lo fanno spesso vengono re-infettati.

La domanda è come - e perché?

Secondo questo studio, la condivisione dell'ago è un motivo comune, perché il sangue residuo rimasto nell'ago da un tossicodipendente viene spesso iniettato nel successivo utente.

"C'è qualche controversia", ha detto Page. "Le persone vengono infettate dal sangue residuo? E, naturalmente, la risposta è sì, ma non tutti. Quindi, è associato all'avere un sacco di virus o un po' di virus?"

Questo è ciò che la squadra voleva scoprire. Utilizzando i dati sulla carica virale dell'epatite C nei pazienti e la ritenzione virale nelle siringhe dal laboratorio, nonché i dati globali sulla storia naturale del virus, il team ha creato un modello matematico per simulare quale livello di viremia porterebbe a una diminuzione del rischio di trasmissione da uno tossicodipendente al successivo durante la reinfezione - e come i vaccini influirebbero su questo rischio.

"Di solito, i modelli sembrano una specie di foto steampunk", ha detto Page. "C'è una cosa che si alimenta in una parte, e una cosa che si alimenta in un'altra, e l'assunzione della morte, e l'assunzione di nuove persone che entrano nella popolazione".

Alimentando ciò che sapevano sulla trasmissione dell'epatite C in questo sistema complesso, i ricercatori hanno scoperto che se c'è solo una piccola quantità di sangue nella siringa condivisa con un altro utente, il rischio di reinfezione diminuisce sostanzialmente.

Se i tossicodipendenti si limitassero a sciacquare le siringhe dopo l'uso, Page ha spiegato: "Potremmo ridurre la trasmissione semplicemente perché c'è meno virus nelle siringhe che sono il vettore di trasmissione".

E questo porta a uno degli obiettivi di Page: un vaccino contro l'epatite C che potrebbe essere utilizzato in combinazione con le terapie esistenti. Una sperimentazione clinica per una versione di un vaccino si è appena conclusa nel New Mexico, e lei è fiduciosa.

"Il vaccino è un vaccino a cellule T - ha lo scopo di aiutare le persone a eliminare il virus", ha detto Page. "Ha lo scopo di indurre la risposta immunitaria che sappiamo essere associata alla clearance spontanea".

A causa dell'alto costo delle attuali terapie per curare l'epatite C, un vaccino aiuterebbe nel trattamento, oltre a prevenire la diffusione del virus ai tossicodipendenti non infetti, ha affermato Page.

"Il nostro grande vantaggio è che se un vaccino induce una bassa viremia - che imita ciò che vediamo con la reinfezione - possiamo ridurre la trasmissione", ha spiegato.

Page riconosce che i dati delle simulazioni devono essere confermati sul campo, ma ciò non toglie nulla all'ampiezza e all'impatto di questa pubblicazione.

"Penso che uno dei punti di forza di questo studio sia che il modello ha utilizzato dati reali dal laboratorio, dalle persone, da così tante fonti", ha detto. "È stato fantastico. È davvero fantastico e sono davvero contento."

Categorie: Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina