Traduci
${alt}
di Kara Leasure Shanley

Estensione della fornitura di DPI

Il team di scienze della salute dell'UNM escogita un metodo per pulire e riutilizzare le maschere per il viso N95

L'acronimo DPI, o dispositivi di protezione individuale, è stato lanciato molto ultimamente, soprattutto quando si fa riferimento al numero limitato di respiratori N95 necessari per proteggere gli operatori sanitari in prima linea contro il COVID-19.

Con gli ospedali alla disperata ricerca di alternative alla diminuzione delle forniture di DPI monouso, alcuni si sono chiesti se i DPI usati potessero essere recuperati anziché gettati via.

Scienziati e personale clinico del Centro di scienze della salute dell'Università del New Mexico si sono uniti ad altri università, ospedali e aziende in tutto il paese nell'adattare una tecnica di sterilizzazione comune per alleviare le scorte in diminuzione.

Il processo inizia con un dispositivo realizzato da Bioquell che viene normalmente utilizzato per trattare le apparecchiature di laboratorio con vapore di perossido di idrogeno per distruggere eventuali agenti patogeni rimasti.

"Il vapore si condensa sulla superficie delle cose che vuoi decontaminare, e finché raggiungi l'altopiano con l'umidità e la concentrazione, allora sei praticamente a posto", spiega Terry Wu, PhD, professore associato in il Dipartimento di Medicina Interna.

Wu, membro del Centro per le malattie infettive e l'immunità dell'UNM, studia i microbi respiratori infettivi nel laboratorio di agenti selezionati di livello 3 di biosicurezza dell'HSC e utilizza regolarmente la tecnologia Bioquell per decontaminare la sua attrezzatura.

Il processo di adattamento della tecnologia per ritrattare i DPI è stato avviato da Douglas J. Perkins, PhD, professore presso il Dipartimento di Medicina Interna, che ha iniziato a studiare come estendere la catena di fornitura dei DPI alla fine di febbraio.

"Stava diventando evidente che ogni luogo colpito dal virus aveva gravi carenze, perché le persone non avevano scorte accumulate e la catena di approvvigionamento non era in grado di soddisfare le richieste", afferma Perkins, che è il direttore dell'UNM's. Centro per la salute globale.

Dopo aver cercato nella letteratura medica, una tecnica si è distinta: un metodo HPV sviluppato dal Battelle Memorial Institute e già in uso da Battelle e dalla Duke University, dice.

"Ciò ha posto le basi per disporre delle parti necessarie", afferma Perkins. I criteri erano che l'integrità di una maschera doveva essere mantenuta con più processi di decontaminazione e il metodo di disinfezione doveva funzionare fino a 50 cicli per maschera.

Successivamente, il team aveva bisogno di impostare questo processo presso gli ospedali UNM, il che era più complicato di quanto sembri. Dopo che il processo inizialmente fallì in una normale stanza d'ospedale, Perkins e un team dell'UNMH decisero di spostare il loro esperimento in una sala operatoria libera.

Questo è quando Wu è entrato in scena.

"La cosa veramente bella di quell'ambiente di sala operatoria è che è una struttura preprogettata che è davvero ideale in molti modi per la decontaminazione con vapore di perossido di idrogeno", spiega Perkins. Le sale operatorie sono ben sigillate, subiscono molti ricambi d'aria all'ora e dispongono di solidi controlli ambientali, afferma.

Wu è d'accordo, aggiungendo che è molto simile al suo laboratorio. E questa volta ha funzionato.

Ora vengono esaminate le mascherine usate (quelle sporche o danneggiate vengono buttate), quindi decontaminate con acqua ossigenata. Con ogni carico, diversi indicatori biologici - carte rivestite con Geobacillus stearothermophilus spore di batteri - sono nascoste negli scaffali dei DPI per monitorare l'efficienza dell'uccisione.

Poiché queste spore sono più resistenti al perossido di idrogeno e al calore rispetto al coronavirus, se le spore vengono uccise è una buona misura del fatto che questo processo funzionerà contro il virus, afferma Perkins.

Le mascherine decontaminate vengono riesaminate e consegnate agli operatori ospedalieri per verificarne l'idoneità e quindi utilizzarle.

Con da cinque a sei rack pieni di maschere N95 e occhiali protettivi, è possibile decontaminare circa 3,000 maschere al giorno e possono essere rielaborate fino a 20 volte. Le maschere che sono già state decontaminate con questo metodo vengono utilizzate dal personale dell'UNMH.

Il team UNM ha recentemente pubblicato un resoconto del processo su medRxiv, una risorsa online per la ricerca medica in attesa di revisione paritaria.

Wu dice di aver lavorato con il personale addetto alla decontaminazione quasi ogni giorno. "Siamo felici di aiutare", dice. "È una tecnologia che usiamo sempre a causa della nostra ricerca su vaccini e terapie contro i patogeni delle minacce biologiche".

Perkins è entusiasta del fatto che il suo protocollo possa essere adattato allo spazio disponibile in qualsiasi ospedale utilizzando apparecchiature standard.

"Innanzitutto, volevamo ottenere una soluzione locale di cui avevamo bisogno, e quindi non applicarla solo a un ambiente, ma piuttosto diffonderla ampiamente per offrire alle persone alcune opzioni creative per proteggere i loro operatori sanitari", afferma.

Categorie: Impegno della comunità, salute, Notizie che puoi usare, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina