$ {alt}
di Michele Sequeira

La scoperta potrebbe portare a nuovi farmaci contro il cancro al seno

Il comportamento recentemente scoperto di un composto chimico noto potrebbe portare a farmaci per il cancro al seno che impediscono la ricomparsa dei tumori

Eric Prossnitz, PhD, spera di aiutare molte del 12% delle donne americane a cui si prevede di ricevere una diagnosi di cancro al seno nel corso della loro vita. Lui e il suo team hanno recentemente completato gli studi su un composto che pensano possa essere fatto per attaccare le cellule del cancro al seno in modo diverso rispetto ai farmaci attuali. Il loro lavoro è riportato nel numero online di novembre di Cell Chemical Biology.

Prossnitz comprende in prima persona il lungo percorso tra la scoperta e l'approvazione della Food and Drug Administration statunitense. Professore e oncologo presso il Comprehensive Cancer Center dell'Università del New Mexico, ha studiato il cancro al seno negli ultimi 15 anni. Uno dei composti che lui e il suo team hanno scoperto nel 2006 è stato concesso in licenza a Linneo terapeutico per il trattamento del melanoma e di altri tumori. Gli studi clinici di fase I sono iniziati presso l'UNM Comprehensive Cancer Center nel 2019.

Prossnitz rimane cautamente ottimista sul fatto che il complesso che lui e il suo team stanno studiando potrebbero aiutare migliaia di donne. Secondo il programma Surveillance, Epidemiology and End Results del National Cancer Institute, oltre l'80% delle donne con cancro al seno ha un cancro al seno positivo al recettore degli estrogeni (ER+).

I farmaci anti-cancro al seno ormonali disponibili - farmaci come tamoxifene e fulvestrant - funzionano molto bene, ma funzionano solo in circa i due terzi delle donne con tumori al seno ER+. E alcune di queste donne inizialmente rispondono, ma poi il loro cancro al seno ritorna in una forma che resiste al farmaco.

"È un numero enorme di donne", afferma Prossnitz. Solo nel 2019, più di 60,000 donne potrebbero affrontare un cancro al seno ER+ nuovo o ricorrente che non risponderà alla terapia anti-ormonale.

Prossnitz e il suo team hanno scoperto alcuni anni fa che un altro recettore cellulare risponde ai farmaci anti-ormonali. L'hanno chiamato GPER, per il recettore degli estrogeni accoppiato a proteine ​​G. Mentre il recettore primario degli estrogeni, ER-alfa, risiede principalmente all'interno del nucleo di una cellula, il GPER si trova all'interno delle membrane cellulari.

Il tamoxifene e farmaci simili bloccano il recettore ER-alfa, mentre fulvestrant e farmaci simili inducono la cellula a degradarlo. Bloccando o degradando il recettore ER-alfa, questi farmaci anti-ormonali riducono notevolmente il segnale per la crescita e la riproduzione della cellula cancerosa. Ma, come hanno dimostrato in precedenza Prossnitz e il suo team, attivano anche GPER e GPER segnala alla cellula di continuare a crescere e riprodursi.

"ER-alfa è l'unico [recettore] che svolge un ruolo importante nel cancro al seno ER+", afferma Prossnitz.

La maggior parte delle cellule del cancro al seno segue il segnale ER-alfa e muore nei tempi previsti quando l'ER-alfa viene bloccato o degradato. Ma un numero molto piccolo di cellule del cancro al seno può seguire il segnale GPER e sopravvivere. E quelle cellule possono trasformarsi in tumori aggressivi che non rispondono più ai farmaci anti-ormonali.

Prossnitz e il suo team hanno scoperto alcuni anni fa un composto chiamato AB-1 che si lega a ER-alfa ma non non attivare GPER, evitando così l'effetto collaterale indesiderato degli attuali farmaci anti-ormonali. Nel loro articolo sulla biologia chimica cellulare, riportano i loro studi che descrivono il comportamento unico di legame e attività di AB-1.

Come hanno fatto in precedenza, Prossnitz e il suo team stanno lavorando per modificare la struttura di AB-1 per controllarne le proprietà in modo più rigoroso, prima di passare agli studi preclinici. Prossnitz ha familiarità con il percorso e, ancora una volta, spera di sviluppare un farmaco che andrà a beneficio di molte donne con cancro al seno.

-

"Un ligando selettivo per le proteine ​​del recettore degli estrogeni discrimina la segnalazione rapida e genomica" è stato pubblicato online il 6 novembre 2019 e sarà pubblicato nell'edizione cartacea del 19 dicembre di Cell Chemical Biology. Gli autori sono: Chetana M. Revankar, Cristian G. Bologo, Richard A. Pepermans, Geetanjali Sharma, Whitney K. Petrie , Sara N. Alcon, Angela S. Field, Chinnasamy Ramesh, Matthew A. Parker, Nikolay P. Savchuk, Larry A. Sklar, Helen J. Hathaway, Jeffrey B. Arterburn, Tudor I. Oprea ed Eric R. Prossnitz.

Eric Prossnitz, PhD, è un illustre Professore e Capo della Divisione di Medicina Molecolare, presso il Dipartimento di Medicina Interna, presso la Facoltà di Medicina dell'Università del New Mexico. È co-direttore del programma di ricerca Cancer Therapeutics presso l'UNM Comprehensive Cancer Center.

UNM Centro completo per il cancro

L'University of New Mexico Comprehensive Cancer Center è il Cancer Center ufficiale del New Mexico e l'unico Cancer Center designato dal National Cancer Institute in un raggio di 500 miglia.

I suoi oltre 120 medici specializzati in oncologia certificati dal consiglio includono chirurghi oncologici in ogni specialità (tumori addominali, toracici, ossei e dei tessuti molli, neurochirurgia, genitourinario, ginecologia e tumori della testa e del collo), ematologi/oncologi medici adulti e pediatrici, oncologi ginecologici, e radioterapisti. Insieme a oltre 600 altri professionisti sanitari oncologici (infermieri, farmacisti, nutrizionisti, navigatori, psicologi e assistenti sociali), forniscono cure al 65% dei malati di cancro del New Mexico in tutto lo stato e collaborano con i sistemi sanitari della comunità in tutto lo stato per fornire cura del cancro più vicino a casa. Hanno curato circa 14,000 pazienti in circa 100,000 visite ambulatoriali oltre ai ricoveri ospedalieri presso l'UNM Hospital.

Un totale di quasi 400 pazienti hanno partecipato a studi clinici sul cancro testando nuovi trattamenti contro il cancro che includono test di nuove strategie di prevenzione del cancro e sequenziamento del genoma del cancro.

Gli oltre 100 ricercatori sul cancro affiliati all'UNMCCC hanno ricevuto 35.7 milioni di dollari in sovvenzioni federali e private e contratti per progetti di ricerca sul cancro. Dal 2015 hanno pubblicato quasi 1000 manoscritti e, promuovendo lo sviluppo economico, hanno depositato 136 nuovi brevetti e lanciato 10 nuove start-up di biotecnologie.

Infine, i medici, gli scienziati e il personale hanno fornito esperienze di istruzione e formazione a più di 500 studenti delle scuole superiori, universitari, laureati e post-dottorato nella ricerca sul cancro e nell'assistenza sanitaria sul cancro.

Categorie: Centro oncologico completo