Traduci
${alt}
Di Christina B. Summers

Diagnosi delle vittime più piccole dell'epidemia di oppioidi

Quali neonati sono a rischio di sintomi di astinenza?

Bambini nati da donne che stavano usando oppioidi durante la gravidanza sono facilmente le vittime più vulnerabili dell'aumento epidemia oppiacea.

Poiché i loro corpi si adattano improvvisamente alla vita senza il farmaco dopo il parto, i bambini possono sperimentare sindrome neonatale da astinenza da oppiacei (ORA). I sintomi possono includere convulsioni abbastanza gravi da causare un deterioramento cognitivo permanente.

Ludmila Bakhireva, MD, PhD, MPH, professore ed epidemiologo presso l'Università del New Mexico College of Pharmacy, e il suo collega Rajesh C. Miranda, PhD, professore presso il Texas A&M College of Medicine, voglio sapere perché alcuni bambini sviluppano ADESSO e altri no.

Quando si sospetta un'esposizione prenatale agli oppioidi, i neonati vengono sottoposti a quattro giorni di osservazione in ospedale, ha detto Bakhireva. Se compaiono sintomi gravi e persistenti, i bambini ricevono piccole dosi di un oppioide, come la morfina. I farmaci vengono gradualmente ridotti per svezzare i bambini mentre sono sotto osservazione.

I ricercatori stanno cercando di identificare i biomarcatori per prevedere quali bambini esposti agli oppioidi potrebbero sviluppare NOWS prima mostrano qualsiasi sintomo, consentendo al tempo stesso di mandare a casa prima i bambini a basso rischio.

"L'idea è quella di identificare e avviare in modo proattivo strategie non farmacologiche e gestione farmacologica dei bambini ad alto rischio di sviluppare NOWS", ha affermato Bakhireva. Lo studio è supportato da una sovvenzione dell'Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health & Human Development, una branca del National Institutes of Health.

"In ricerche precedenti, abbiamo scoperto che minuscoli marcatori epigenetici chiamati micro-RNA circolanti nel sangue della madre potrebbe aiutare a prevedere quali bambini potrebbero avere disturbi dello spettro alcolico fetale", ha detto Miranda. "Abbiamo iniziato a chiederci se lo stesso potrebbe essere vero per gli effetti di altre droghe, come gli oppioidi, sul bambino".

Bakhireva e Miranda testeranno la loro idea in 70 neonati di donne che assumono metadone o buprenorfina come parte di trattamento farmacologico per il disturbo da uso di oppiacei.

"La dottoressa Bakhireva aveva già una coorte consolidata e ben caratterizzata che ha seguito per altre ricerche", ha detto Miranda.

Bakhireva ha affermato che un'unica coorte potenziale di nascita chiamata ENRICH fornisce una serie di dati già pronti per il loro studio di ricerca. "Ci consente di incorporare una valutazione prospettica all'avanguardia delle esposizioni materne e di interpretare i risultati dello studio all'interno delle complessità dell'ambiente sociale e dei fattori medici", ha affermato.

I ricercatori analizzano un campione di sangue dal cordone ombelicale dei neonati per valutare i micro-RNA. Sperano di determinare quali potrebbero servire come marcatori surrogati per la salute del cervello alla nascita - una sorta di "firma" di micro-RNA infantile per prevedere la gravità di NOWS prima che inizino i sintomi di astinenza.

"Ad oggi, nessun singolo fattore o combinazione nota di fattori ha sufficientemente spiegato la variabilità dei sintomi di NOWS", ha detto Bakhireva. "Speriamo che, una volta trovati i micro-RNA rilevanti, possano essere utilizzati non solo come biomarcatori diagnostici per l'esposizione e gli effetti ai farmaci, ma anche manipolati per ridurre gli effetti dell'esposizione ai farmaci e per fornire protezione al cervello".

Categorie: College of Pharmacy, Salute, Research, Prima pagina