Traduci
${alt}
di Kara Leasure Shanley

Motivo di cautela

I ricercatori trovano alcune combinazioni di farmaci per trattare il disturbo bipolare collegato a un rischio più elevato di diabete

Sembra buon senso: prendi un farmaco per curare una condizione.

Ma non è sempre così semplice: a volte ci vuole più di un farmaco per migliorare la vita. Quando si tratta di curare il disturbo bipolare, gli scienziati stanno scoprendo che combinazioni di farmaci specifiche che favoriscono la salute mentale del paziente potrebbero anche contribuire al rischio di sviluppare altre gravi malattie non psichiatriche.

A recente studio guidato dai ricercatori dell'Università del New Mexico e pubblicato sulla rivista Psychoneuroendocrinology ha rivelato che alcuni trattamenti farmacologici sono associati a un aumentato rischio di sviluppare diabete mellito, mentre altri sono associati a un rischio ridotto, rispetto a nessun farmaco.

Secondo l' Istituto Nazionale per la Salute Mentale, quasi il 3% degli adulti negli Stati Uniti è attualmente diagnosticato con disturbo bipolare e circa il 4% degli adulti verrà diagnosticato entro la loro vita. Inoltre, circa l'82.9% di questi pazienti sperimenterà una grave compromissione derivante da questa malattia.

Poiché il disturbo bipolare include episodi sia di mania/ipomania che di depressione ed è spesso accompagnato da psicosi, le opzioni di trattamento per i pazienti vanno dagli antipsicotici agli stabilizzatori dell'umore e agli antidepressivi. E non c'è da scommettere che il primo farmaco che il paziente proverà sarà quello giusto.

"Sfortunatamente, sono molti tentativi ed errori", spiega Mauricio Tohen, MD, presidente del Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali dell'UNM. "A volte i pazienti non rispondono, quindi devi provarne un altro e un altro."

I pazienti con disturbo bipolare sono anche a maggior rischio di sviluppare altre condizioni, come il diabete o l'obesità. L'obiettivo dello studio - secondo l'autore corrispondente, Christophe Lambert, PhD, professore associato presso il Dipartimento di Medicina Interna - era determinare i rischi ei benefici dei farmaci prescritti ai pazienti con disturbo bipolare.

Utilizzando un database di registrazioni assicurative di oltre 130 milioni di pazienti, Lambert, Tohen e i loro colleghi dell'UNM e di diverse altre istituzioni hanno selezionato un gruppo di circa mezzo milione di pazienti con disturbo bipolare che non avevano una precedente storia di diabete o altri disturbi correlati .

I dati sui trattamenti dati a questi pazienti sono stati poi analizzati per scoprire le relazioni tra questi farmaci e se i pazienti hanno sviluppato il diabete in seguito alla loro diagnosi bipolare.

"Questo è davvero il più grande studio del suo genere, sia in termini di dimensioni del campione sia che sono state confrontate 102 diverse terapie", afferma Lambert. I pazienti inclusi nello studio avevano un'incidenza annuale di circa il 3% di diabete di nuova insorgenza, che è diverse volte superiore rispetto alla popolazione generale.

Il team ha anche scoperto che circa un terzo delle combinazioni di farmaci studiate ha comportato un rischio maggiore di successivo sviluppo del diabete rispetto a quei periodi in cui i pazienti non assumevano farmaci. In generale, più farmaci sono stati utilizzati contemporaneamente, maggiore è il rischio di sviluppare il diabete.

Ma non ci sono solo cattive notizie per il diabete e il disturbo bipolare. Si è scoperto che un sottoinsieme di queste terapie aveva un rischio molto più basso di sviluppo del diabete rispetto a nessun farmaco.

Quindi, i pazienti dovrebbero preoccuparsi di sviluppare il diabete in base ai farmaci che assumono?

Lambert pensa che l'associazione tra diabete e disturbo bipolare potrebbe essere spiegata più dai cambiamenti dello stile di vita derivanti dal disturbo bipolare, come una dieta malsana e la mancanza di attività fisica, piuttosto che dai trattamenti utilizzati.

"Il punto è che non sono necessariamente i farmaci il fattore più importante, come il fatto che hanno il disturbo bipolare", dice.

Si chiede anche se il rischio più elevato associato a più trattamenti farmacologici possa essere dovuto all'accumulo dei loro vari effetti collaterali, alle interazioni farmacologiche o alla maggiore gravità della malattia. Nonostante questa incertezza, Lambert esorta i medici a essere cauti riguardo alla polifarmacia, poiché gli effetti a lungo termine sui pazienti non sono stati ben studiati.

Tohen è d'accordo. "Purtroppo il bipolare è una condizione che dura tutta la vita, quindi ovviamente vuoi somministrare il farmaco che ha la massima efficacia e il minor numero di effetti collaterali", dice.

Sebbene questi risultati graffino solo la superficie della relazione tra i trattamenti farmacologici per il disturbo bipolare e le loro potenziali conseguenze, Lambert spera che ciò induca i medici a informare i loro pazienti del rischio più elevato di diabete e incoraggiare scelte di vita sane.

Tohen spera anche che i medici vedano questi risultati come un'aggiunta al crescente corpo di conoscenze sul disturbo bipolare. "Fortunatamente, la medicina è basata sull'evidenza e quindi noi medici dobbiamo tener conto dell'evidenza", afferma.

Categorie: Istruzione, Salute, Ricerca, Facoltà di Medicina, Prima pagina