Traduci
${alt}
di Michael Haederle

BBHI offre un approccio di squadra al trattamento delle lesioni cerebrali

Il cervello umano - contenente circa 86 miliardi di neuroni (e trilioni di connessioni tra loro) - è la struttura conosciuta più intricata dell'universo. È necessario un team speciale per affrontare questa complessità e ideare nuovi trattamenti per malattie e lesioni neurologiche.

Il Brain & Behavioral Health Institute (BBHI) dell'Università del New Mexico adotta un approccio multidisciplinare per attaccare i problemi legati al cervello, riunendo ricercatori di tutto il campus, compresi i dipartimenti di neurologia, neurochirurgia, neuroscienze e psichiatria e scienze comportamentali.

"La ricerca e l'istruzione sono state tradizionalmente piuttosto compartimentate", afferma il direttore di BBHI Bill Shuttleworth, PhD, professore di Regents nel Dipartimento di neuroscienze e direttore associato del Clinical & Translational Science Center. "BBHI cambia drasticamente la dinamica. Abbiamo l'opportunità di sfruttare le competenze reciproche per arricchire i programmi di ricerca ed essere più reattivi alle opportunità di finanziamento nazionali".

Comunità parte integrante del Brain and Behavioral Health Institute di UNM da Centro di scienze della salute dell'UNM on Vimeo.

Un esempio è la sovvenzione federale quinquennale di 11.6 milioni di dollari che BBHI ha recentemente ottenuto per l'istituzione di un nuovo Centro per il recupero e la riparazione del cervello. La sovvenzione dell'Istituto nazionale di scienze mediche generali finanzierà cinque ricercatori junior per avviare nuove ricerche sulle tecniche di stimolazione cerebrale e sui modi per rigenerare il tessuto cerebrale.

Il denaro servirà anche a fornire sostegno alla ricerca. "Siamo una piattaforma per facilitare diversi programmi che affrontano la salute del cervello nel corso della vita", afferma Shuttleworth. "Questo è uno dei risultati chiave di BBHI fino ad oggi."

BBHI si impegna a personalizzare la sua ricerca centrata sul paziente per soddisfare le esigenze uniche dei nuovi messicani. A partire dal 2013, la facoltà di BBHI ha trascorso 18 mesi incontrando individui e organizzazioni di advocacy per scoprire cosa contasse di più per loro.

I gruppi comunitari "sono davvero il motore che traina il treno", afferma Shuttleworth. Egli attribuisce al New Mexico Brain Network, una coalizione di organizzazioni di difesa dei pazienti, il merito di aver contribuito a plasmare l'agenda della ricerca. "Ci hanno aiutato a sviluppare un programma significativo."

I rappresentanti della rete saranno inclusi nei comitati direttivi per aiutare a modellare lo sviluppo del centro, dice. Il gruppo si è riunito mensilmente e sta anche lavorando con l'Alan Alda Center for Communicating Science presso la Stony Brook University. L'Alda Center si concentra generalmente sull'insegnamento agli scienziati di comunicare con il pubblico, ma i sostenitori del New Mexico hanno contribuito a ribaltare il paradigma; ora, il centro si è interessato a insegnare agli scienziati come ascoltare i laici. Questo lavoro è finanziato da un premio federale del Patient-Centered Outcomes Research Institute a BBHI per facilitare il progresso nella malattia di Alzheimer, nelle malformazioni cavernose cerebrali e nell'autismo.

"Stiamo cercando di fare qualcosa di speciale", afferma Shuttleworth. "Stiamo cercando di riunire persone provenienti da gruppi molto diversi in tutto il campus. Le persone hanno lavorato sui disturbi cerebrali all'UNM per decenni e c'è stata la sensazione repressa che potremmo fare in modo più collaborativo, tra le discipline".

BBHI sta facendo progressi nella sua ricerca, afferma Shuttleworth. "Ha un'agenda ambiziosa. Tuttavia, c'è ancora molto lavoro da fare per abbattere alcune di queste barriere. Stiamo cercando opportunità per collaborare".

Categorie: Impegno della comunità, educazione, Facoltà di Medicina