Traduci
${alt}
di Michael Haederle

Un colpo per bloccare la dipendenza

I ricercatori dell'UNM lavorano per creare un vaccino per gli oppioidi

Nuovi aiuti potrebbero sorgere all'orizzonte per aiutare le persone alle prese con il disturbo da uso di oppiacei a sconfiggere la loro malattia.

Con l'aiuto di una sovvenzione di $ 250,000 dal National Institutes of Health, i ricercatori dell'Università del New Mexico stanno sviluppando un vaccino che impedirebbe agli oppioidi di agire nel cervello, un trattamento che potrebbe svolgere un ruolo chiave nel superare la dipendenza.

Kathryn Frietze, PhD, assistente professore presso il Dipartimento di Genetica Molecolare e Microbiologia dell'UNM e studiosa di KL2 presso il Clinical & Translational Science Center, progetta di attaccare molecole di diversi farmaci oppioidi, come l'idrocodone o l'ossicodone, alla superficie di un innocuo virus simile particella (una derivata da virus che infettano i batteri).

Le particelle - VLP in breve - sono virus a cui è stato rimosso il genoma, lasciando solo il loro guscio proteico esterno. Mancando di un genoma, non sono in grado di riprodursi, ma il sistema immunitario del corpo li riconosce ancora come invasori estranei e produce anticorpi per attaccarli e i farmaci attaccati alla loro superficie.

Se il metodo funziona come previsto, gli anticorpi sarebbero innescati per attaccare un oppioide simile ingerito o iniettato nel corpo, impedendo al farmaco di raggiungere i recettori oppioidi nel cervello, prevenendo così l'effetto atteso.

"Altri ricercatori hanno preso farmaci oppioidi e hanno cercato di dare loro risposte immunitarie attaccandoli a proteine ​​come il tossoide del tetano", dice Fritze. Ma quei metodi richiedono più iniezioni e non durano a lungo, dice.

Frietze spera che il metodo che sta sviluppando insieme al collega Bryce Chackerian, PhD, richieda solo una singola inoculazione e produca una risposta immunitaria più forte e più duratura.

La chimica Naomi Lee, ricercatrice presso la Northern Arizona University, sta collaborando con la coppia per modificare varie molecole di oppioidi in modo che possano essere attaccate alla superficie dei VLP, afferma Frietze. Lee si sta concentrando su idrocodone, ossicodone e idromorfone, afferma Frietze, ma la ricerca futura potrebbe includere anche fentanil ed eroina.

Smorzare gli effetti inebrianti di un farmaco oppioide sul cervello "non sarebbe un trattamento autonomo", dice Frietze, ma potrebbe essere usato in combinazione con la consulenza e forse altre forme di trattamento farmacologico per aiutare le persone a smettere di usare e rimanere pulite.

Un potenziale vantaggio di un vaccino rispetto ad altri trattamenti è che potrebbe aver bisogno di essere somministrato solo poche volte e potrebbe guidare una robusta risposta immunitaria che potrebbe rimanere attiva nel corpo per un periodo di mesi.

Inoltre, afferma Frietze, i vaccini di questo tipo sono relativamente economici da produrre e non richiedono la refrigerazione per mantenerli stabili, il che potrebbe essere vantaggioso, ad esempio, in un paese in via di sviluppo.

In questa prima fase della ricerca, della durata di un anno, Frietze prevede di testare la forza, la velocità e la durata della risposta immunitaria nei topi. Studi futuri valuteranno l'efficacia del vaccino nel bloccare gli oppioidi dal raggiungere il cervello.

Categorie: Impegno della comunità, salute, Notizie che puoi usare, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina