$ {alt}
di Michael Haederle

Il Centro di ricerca sull'alcol del New Mexico dell'UNM riceve 7.3 milioni di dollari in finanziamenti per studiare il disturbo dello spettro alcolico fetale

Il New Mexico Alcohol Research Center (NMARC) presso l'Università di New Mexico Health Sciences ha ricevuto un'estensione quinquennale di 7.3 milioni di dollari della sovvenzione del programma National Institutes of Health, a sostegno dello studio in corso del centro sui disturbi dello spettro alcolico fetale (FASD). 

"Stiamo esaminando i meccanismi responsabili degli effetti dell'alcol sul cervello", ha affermato il direttore del centro C. Fernando Valenzuela, MD, PhD, professore presso il Dipartimento di Neuroscienze della Scuola di Medicina dell'UNM. “Ci concentriamo principalmente sui deficit neurologici, comportamentali e neuropsichiatrici”.

La FASD, che deriva dall'esposizione prenatale all'alcol, può portare a deficit neurologici significativi ed è diffusa nel Nuovo Messico e in tutta la nazione, ha affermato.

"Il FASD è il disturbo dello sviluppo neurologico più diffuso e, in teoria, è completamente prevenibile."
- C. Fernando Valenzuela, MD, PhD, Professore, Dipartimento di Neuroscienze, Scuola di Medicina dell'UNM

"È il disturbo dello sviluppo neurologico più diffuso e, in teoria, è completamente prevenibile", ha detto Valenzuela. Ma poiché molte donne in età riproduttiva bevono alcolici e poiché può volerci un mese prima che una donna sappia di essere incinta, il feto in via di sviluppo può ricevere una significativa esposizione all’alcol prima che la donna incinta abbia la possibilità di modificare il suo consumo.

Il finanziamento dell'Istituto Nazionale sull'Abuso di Alcool e l'Alcolismo rappresenta il terzo round di finanziamento completo per il centro, che è stato lanciato nel 2008 con un finanziamento esplorativo triennale, ha affermato. I ricercatori affiliati al centro hanno cercato biomarcatori unici per diagnosticare la condizione e valutato potenziali interventi terapeutici come l’allenamento musicale, l’uso di videogiochi speciali e altri esercizi pensati per migliorare la cognizione.

La fase successiva si concentrerà su alcuni dei deficit unici vissuti da coloro che vivono con FASD.

"Stiamo cercando di capire come l'esposizione all'alcol in utero influisce sulla memoria visuo-spaziale e sulla flessibilità cognitiva", ha detto Valenzuela. “A volte la memoria non è così buona e la capacità di apprendere cose legate allo spazio e al tempo può essere compromessa”.

NMARC riunisce docenti provenienti da tutta l'UNM Health Sciences e dall'università in generale, compresi i dipartimenti di pediatria e psichiatria e scienze comportamentali, il College of Pharmacy e il dipartimento di psicologia, ha affermato. Ha anche una partnership con i ricercatori del Mind Research Network, che forniscono supporto critico per il neuro-imaging.

NMARC collabora anche con il Centro UNM per lo sviluppo e la disabilità (CDD) nel Dipartimento di Pediatria, ha affermato Valenzuela. Poiché la CDD fornisce un'importante assistenza clinica a bambini e adolescenti con disturbi dello sviluppo, funge da percorso importante per reclutare partecipanti a studi di neuroimaging e aiuta a informare le priorità di ricerca.

“Il lavoro umano sta informando i nostri studi di laboratorio”, ha affermato. “Questa è la forza del centro. Ci dicono: "Guarda, questo è ciò che stiamo vedendo in clinica". Questi sono i problemi che stiamo affrontando.' Quindi ci concentriamo e proviamo a fare ricerche su questo”.

Valenzuela sottolinea che gli individui con FASD hanno molti punti di forza. “Il campo sta cambiando nel riconoscere questo”, ha detto. “Hanno enormi capacità che possiamo promuovere, facilitare e arricchire. Il motivo per cui stiamo cambiando è perché stiamo coinvolgendo sempre più persone affette da FASD al nostro tavolo, lavorando in riunioni consultive”.

 NMARC è anche una risorsa importante per l'Università e per il Nuovo Messico nel suo complesso, ha affermato, perché genera occupazione per scienziati, tecnici di ricerca e studenti e offre importanti opportunità di formazione, ha affermato.

"Sono molto entusiasta del campo e di ciò che possiamo contribuire per aiutare con questa condizione", ha detto Valenzuela. "Sono anche entusiasta di lavorare con questo talentuoso gruppo di scienziati e tirocinanti per fare qualcosa di veramente buono per il settore."

Categorie: Istruzione, salute, neurologia, Ricerca, Facoltà di Medicina, Prima pagina