Traduci
$ {alt}
Di Nicole San Roman

Laureato ispiratore: Ashlynn Black, dottore in medicina

In una stanza affollata dell’Università del New Mexico, gli studenti di medicina e le loro famiglie si sono riuniti in attesa di un’occasione importante che avrebbe gettato le basi per il loro futuro nel settore sanitario. Era il giorno della partita; il giorno in cui gli studenti del Dottore in Medicina (MD) scoprono dove trascorreranno i prossimi anni svolgendo la loro formazione interna. Per la studentessa nativa americana Ashlynn Black, il Match Day non era importante solo per il suo futuro, ma anche per il futuro della sua comunità.

Parlando in Navajo, Black si presentò: “Shi ei Ashlynn Nero yinishye. Kinlichii'nii nishli. Kinyaa'aanii bashishchiin. Tachii'nii dashicheii. Kinlichii'nii dashinali." Black ha spiegato: "Questo si traduce in 'Io sono il clan della Casa Rossa, nato per il Clan della Casa Torrente". Mio nonno materno è il clan Rosso che corre nell'acqua. Mio nonno paterno appartiene al clan della Casa Rossa.'”

Il viaggio di Black verso Match Day è stato tutt'altro che facile. Cresciuta nella nazione Navajo vicino ai Four Corners, si è trovata a lottare nell'istruzione superiore per trovare colleghi che condividessero i suoi valori culturali e le sue convinzioni, in netto contrasto con i suoi primi anni di scuola.
Ashlynn Black, medico
“Sono cresciuto in una riserva dove abbiamo celebrato la nostra cultura. Crescendo, sono andato a scuola con molti studenti Navajo, mi è sempre stato insegnato che l’istruzione è qualcosa che dovremmo cercare di raggiungere al meglio delle nostre capacità”.
- Ashlynn Black, medico, Laureato ispiratore della Scuola di Medicina dell'UNM

“Sono cresciuto in una riserva dove abbiamo celebrato la nostra cultura. Crescendo, sono andato a scuola con molti studenti Navajo”, ha detto Black. “Mi è sempre stato insegnato che l’istruzione è qualcosa che dovremmo cercare di raggiungere al meglio delle nostre capacità”.

Anche così, Black non era sicura di potercela fare fino in fondo.

“Non avrei mai pensato di poter conseguire una laurea in Medicina e Chirurgia. Ad ogni passo del percorso dubitavo di me stesso.

Laureato ispiratore nel 2024: Ashlynn Black, Facoltà di Medicina

Ma Black ha visto un bisogno nella sua comunità ed è stata ispirata dai suoi genitori: sua madre, che ha completato la sua laurea mentre lei allevava Black e i suoi due fratelli, e suo padre che era un guaritore tradizionale nella riserva.  

"Ho visto mio padre aiutare le persone che stavano lottando con la salute mentale o il dolore", ha detto Black. “Ha fornito cerimonie per aiutarli durante il loro viaggio. Ho visto mio padre come un meraviglioso comunicatore e qualcuno che ha davvero fornito stabilità alla comunità.

Black ha frequentato la Monument Valley High School in Arizona dove si è diplomata come valedictorian. È stata accettata alla Stanford University in California, dove ha conseguito la laurea in biologia.

“Ero uno dei pochissimi studenti nativi che frequentavano questi corsi preliminari di medicina. Non ho mai avuto la sensazione di appartenere veramente a quella cultura. C’era una forte presenza di nativi americani nel campus, ma durante le lezioni di medicina mi sentivo molto sola”.

Dopo aver terminato la sua laurea in biologia, Black stava lottando con il Medical College Admission Test (MCAT). Ha sostenuto il test due volte con risultati inferiori alla media. La sua fiducia stava scemando. Ma con la guida e l’incoraggiamento dei suoi genitori e del suo consulente scolastico, Black ha iniziato a fare domanda per le scuole di medicina che sperava fossero adatte. La Scuola di Medicina dell'UNM è stata la sua prima scelta.

"Era un'istituzione che celebrava davvero il multiculturalismo, e c'è una grande popolazione di nativi americani all'interno dello stato", ha detto Black.

È stata accettata.

"Ero così orgogliosa di poter lavorare e imparare da questa istituzione che celebra questo tipo di cultura", ha detto. “Si è discusso del trauma storico, del trauma intergenerazionale, dei determinanti sociali della salute e del razzismo sistemico e del modo in cui ciò sta influenzando le comunità native e altre comunità sottorappresentate. Ero con un gruppo che apprezzava davvero la ricerca di modi per colmare queste disparità nella salute.

Il periodo trascorso da Black all'UNM l'ha anche aiutata a comprendere e superare le proprie paure e incertezze accademiche. "Ho fatto del mio meglio in ogni corso e sono stato davvero felice di vederne i risultati", ha detto Black. “Come ottenere i riconoscimenti della fase uno, i riconoscimenti della fase due, ottenere un premio per un tirocinio in medicina interna. Oh!"

Man mano che la sua fiducia cresceva, cresceva anche la sua passione nell’aiutare le persone.

"Con ogni paziente, volevo conoscere la loro storia e conoscere il loro punto di vista sulla loro salute", ha detto. “Ho visto molti pazienti nativi americani e ho potuto essere un sostenitore; Ne ero davvero orgoglioso.

Un altro motivo per essere orgoglioso: la sua perseveranza ha dato i suoi frutti. Black si laureerà con un dottorato in medicina presso la Scuola di Medicina dell'UNM. Ha anche trovato un team di persone che l'hanno aiutata a fare domanda per i programmi di specializzazione in medicina interna per continuare la sua formazione medica.

“Ho trovato mentori che erano in grado di vedere veramente la salute dei nativi americani e come ciò li ha influenzati come medici. Mi hanno aiutato con il processo di colloquio e il processo di candidatura."

Black ha fatto domanda per alcuni programmi di residenza, incluso l'UNM, ma sperava davvero di tornare a Stanford per completare la sua formazione.

Tornando al Match Day, era giunto il momento per il Nero di scoprirlo. Seduta lì con le persone che amava di più, la risposta era proprio dentro una busta.

"Ho aperto la mia lettera e ho visto 'congratulazioni'", ha detto. “Poi ho girato l'altro lato del foglio e ho visto che era Stanford. Ero incredulo. Ho abbracciato la mia famiglia, ho abbracciato il mio compagno e abbiamo festeggiato il momento”.

Con l’eccitazione è arrivata anche un po’ di tristezza. “È stato agrodolce. Sono davvero felice di avere questa opportunità, ma mi mancherà Albuquerque, UNM e la vicinanza a casa”.

Black vuole formarsi per diventare un ospedalista e un fornitore di cure primarie, accogliendo i pazienti sia dentro che fuori dall'ospedale. E una volta completata la formazione, non avrà bisogno di una busta che le dica dove andrà dopo. Vuole tornare a casa.

“Adoro davvero la mia casa. Amo davvero la mia comunità. Dico alla gente che sto intraprendendo questo viaggio educativo per tornare a casa per fornire un lavoro significativo all'interno della mia comunità.
Categorie: Facoltà di Medicina