Traduci
$ {alt}
Di Brianna Wilson

Settimana degli operatori sanitari: dare priorità alla carriera e alla vita

La Settimana degli operatori sanitari è un’opportunità per premiare i team sanitari che lavorano instancabilmente per garantire il benessere dei loro compagni membri della comunità. Un vivido ricordo della loro dedizione si è verificato durante la pandemia globale di COVID-19, quando innumerevoli vite e carriere sono state sconvolte e le richieste degli operatori sanitari si sono moltiplicate in modi senza precedenti. Fu durante quel periodo di incertezza che Valerie Miles, membro del team UNM Health, era determinata ad andare avanti nel suo campo, anche se ciò significava passare a un nuovo ruolo.

Miles ha lavorato come assistente infermieristica per quasi 15 anni prima che il COVID-19 cambiasse la sua vita come la conosceva. Lei e suo marito hanno deciso che sarebbe stato meglio per lei restare a casa con i loro tre figli, mentre lui avrebbe continuato a lavorare come infermiere professionista.

“Sono rimasto a casa con i miei figli per tutto il 2020”, ha detto Miles. "Poi mio marito mi ha parlato di un corso online per assistente medico."

Miles ha detto che non poteva perdere l'opportunità di aiutare la sua comunità, per una maggiore stabilità finanziaria e tempo per la famiglia che questo cambiamento di carriera le avrebbe offerto. Quindi, nel novembre 2020, Miles ha iniziato i suoi nove mesi di scuola presso il Carrington College di Albuquerque. Ha bilanciato la cura dei suoi figli a tempo pieno mentre faceva anche il viaggio di due ore da Gallup ad Albuquerque due volte a settimana.

“Vale la pena fare l’assistente medico, soprattutto se hai bisogno di qualcosa di diverso in un breve lasso di tempo. Ho imparato di più su di me e su cosa sono capace di fare.

- Valerie Miles, CCMA, Clinica di assistenza sanitaria specialistica dell'UNM, Gallup, NM

"Era molto fattibile", ha detto. "Dovevo essere online solo dalle 9:11 alle XNUMX:XNUMX circa, e anche i miei figli frequentavano la scuola online, quindi ha funzionato benissimo."

Alla fine, il duro lavoro di Miles ha dato i suoi frutti. Dal 2021 lavora come assistente medico certificato clinico (CCMA) presso la clinica di specialità sanitarie dell'Università del New Mexico, una clinica dell'ospedale dell'UNM a Gallup, nel New Mexico.

Maggiori informazioni sugli assistenti medici (US Bureau of Labor Statistics)

  • Gli assistenti medici rilevano i parametri vitali dei pazienti, fissano gli appuntamenti e aiutano con altre attività cliniche e amministrative.
  • Si prevede che l’occupazione degli assistenti medici crescerà del 14% entro il 2032.
  • Ogni anno negli Stati Uniti vengono segnalate quasi 114,600 opportunità di lavoro per assistenti medici.

Per saperne di più qui

Nel suo nuovo ruolo, Miles ha affermato che le piace poter ancora interagire con i pazienti, rilevando i loro parametri vitali, preparando le loro stanze e programmando i loro appuntamenti, ma le piace anche interagire con più fornitori. Pertanto, assiste medici e infermieri con medicina materno-fetale, ematologia degli adulti, dermatologia pediatrica e ginecologia.

"È bello sapere che c'è un posto qui a Gallup, in particolare l'UNM, che offre molto alla gente del posto", ha detto Miles. “Anche le aree di prenotazione come Zuni, Crownpoint, Chinle, Piñon, potrebbero essere a un'ora o due da Gallup. Quindi questo è il posto più vicino per loro”.

Ha detto che anche il lavoro è meno fisico e il suo programma è più prevedibile rispetto a quando era assistente infermieristica, qualcosa che aiuta Miles a bilanciare il suo ruolo di operatrice sanitaria e di mamma.

"È semplicemente dal lunedì al venerdì, otto ore, tutti i fine settimana e le vacanze libere, lo adoro", ha detto Miles. “Vale la pena fare l’assistente medico, soprattutto se hai bisogno di qualcosa di diverso in un breve lasso di tempo. Ho imparato di più su di me e su cosa sono capace di fare. La paga non fa male e il mio corpo è felice”.

Miles ha detto che anche la sua famiglia è felice di trascorrere più tempo con lei e lei con loro.

“Sto trascorrendo molto più tempo con i miei figli”, ha detto. “Sto assistendo agli allenamenti e alle partite con loro. Possiamo stare tutti insieme a casa la sera”.

Se anche tu desideri diventare una fonte di cambiamento positivo nella tua comunità come professionista sanitario, UNM offre supporto e risorse.

Fai clic qui per saperne di più sui programmi Community to Careers che potrebbero essere la soluzione perfetta per te.

Categorie: Da comunità a carriere, Diversità, Salute, Prima pagina, Ospedale UNM