Traduci
${alt}
Di El Gibson

Preoccupazioni globali

L'alunno della UNM School of Medicine Dr. Thomas G. Weiser lavora per migliorare l'accesso alle cure chirurgiche in tutto il mondo

Anche nella più sterile delle sale operatorie, con risorse in abbondanza, la chirurgia può ancora essere – e spesso lo è – una procedura complicata.

Quindi, ogni volta che Thomas G. Weiser, MD, MPH, chirurgo generale e traumatologo e laureato nel 2002 alla School of Medicine dell'Università del New Mexico, deve fare del suo meglio per navigare tra tutte le complessità e le complessità di un'emergenza chirurgica acuta .

Quando si forniscono servizi chirurgici acuti in contesti poveri di risorse, dove i requisiti per sale operatorie sicure ed efficaci sono scarsamente soddisfatti, le complicazioni legate alle risorse in sala operatoria possono rivelarsi fatali.

Ecco perché la maggior parte della carriera di Weiser e della sua ricerca presso lo Stanford University Medical Center si è concentrata sullo smantellamento delle barriere all'accesso e alla fornitura di cure chirurgiche e sulle sfide di implementazione del mondo reale in contesti con poche risorse.

Nonostante gli evidenti vantaggi dell'accesso a cure chirurgiche sicure e tempestive, il terzo più povero della popolazione mondiale riceve solo il 3.5% di circa 234 milioni di interventi chirurgici importanti eseguiti a livello globale.

"Dei sette miliardi di persone che vivono oggi, si stima che siano cinque miliardi quelli che non possono accedere a interventi chirurgici sicuri, convenienti e tempestivi quando necessario", ha affermato Weiser. "Non è che cinque miliardi di persone abbiano bisogno di un intervento chirurgico, è solo che cinque miliardi di persone vivono in luoghi dove ci sono problemi sistemici di accesso alle cure - come la geografia, la mancanza di fornitori o mancanza di materiali - o c'è una mancanza di sicurezza finanziaria".

Weiser ha affermato di essersi interessato per la prima volta alla salute globale mentre frequentava la UNM School of Medicine.

"Ero interessato a come funzionano i sistemi di assistenza per fornire la migliore assistenza possibile ai pazienti", ha affermato. 

Prima di laurearsi in medicina nel 2002, Weiser è stato inserito in una rotazione del servizio chirurgico. Fu allora che "si innamorò della chirurgia, in particolare della chirurgia traumatologica", ha detto.

Dopo aver conseguito la laurea in medicina presso l'UNM, nel 2006 ha completato il master in sanità pubblica presso la Harvard School of Public Health. Seattle nel 2011.

Con il suo continuo desiderio di far progredire l'assistenza ai pazienti in tutto il mondo, la maggior parte dei progetti professionali di Weiser si sono concentrati sulla qualità dell'assistenza chirurgica e sulle strategie per migliorare la sicurezza e l'affidabilità della somministrazione chirurgica in contesti con scarse risorse.

"Negli Stati Uniti, siamo molto fortunati ad avere un sistema di traumi molto solido e sofisticato", ha affermato. "La maggior parte dei luoghi non ha sistemi di traumatologia come quelli che abbiamo negli Stati Uniti, e quella sistematizzazione delle cure - il modo in cui spostiamo rapidamente i pazienti dal punto di lesione al punto di gestione e poi l'assistenza ospedaliera e il recupero post-dimissione e gestione – è in realtà abbastanza insolito in tutto il mondo.”

Thomas Weiser

"Dei sette miliardi di persone che vivono oggi, si stima che siano cinque miliardi quelli che non possono accedere a interventi chirurgici sicuri, convenienti e tempestivi quando necessario". 

- Thomas Weiser, MD, MPH, Thomas Weiser, MD, MPH

 

In qualità di medico, Weiser fa della sua missione implementare iniziative per la sicurezza dei pazienti e fa da mentore ad altri, inclusi altri chirurghi, specializzandi e studenti di medicina in tutto il mondo, affinché facciano lo stesso.

Weiser guarda spesso a un'iniziativa per la sicurezza del paziente in particolare, la Checklist per la sicurezza chirurgica dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), e non solo perché ha svolto un ruolo importante nella sua creazione.

Dal 2006 al 2009, Weiser ha fatto parte del programma Safe Surgery Saves Lives dell'OMS, dove ha quantificato il volume globale di interventi chirurgici e ha creato la lista di controllo di 19 voci, che si concentra sulla comunicazione tra il team chirurgico.

"Quando abbiamo implementato la lista di controllo in otto ospedali in otto paesi diversi, abbiamo ridotto la mortalità del 50% e le complicanze di oltre il 30% e ci sono stati notevoli miglioramenti nelle migliori pratiche", ha affermato. "La maggior parte degli elementi della lista di controllo sono legati alla comunicazione, al modo in cui abbiamo comunicato i problemi previsti e assicurandoci che tutti sappiano cosa sta succedendo".

Weiser ha recentemente lavorato con un team in Etiopia - dove le persone che partoriscono hanno 23 volte più probabilità di morire rispetto a una persona che partorisce negli Stati Uniti - per pilotare Clean Cut, un programma che ha dimostrato di ridurre il rischio relativo di infezione del 35% per tutti i pazienti chirurgici. 

Clean Cut è stato lanciato nel 2020 dopo che Lifebox - un'organizzazione di beneficenza che lavora per migliorare la sicurezza della chirurgia e dell'anestesia in tutto il mondo e lavora per formare gli operatori clinici nelle tecniche di trattamento sterile e nella prevenzione delle infezioni - ha ricevuto una sovvenzione della Bill & Melinda Gates Foundation Grand Challenge Initiative, in cui Weiser è stato nominato investigatore principale del programma. Parte della sovvenzione, finanziata dalla UBS Optimus Foundation, ha sostenuto l'attuazione del programma in 10 strutture etiopi.

"Ha lanciato quel programma e ha davvero spinto per questo", ha dichiarato Kris Torgeson, CEO di Lifebox Global. "E ora, dato che quel programma ha avuto ottimi risultati, stiamo iniziando a diffondere Clean Cut in tutta l'Etiopia, e anche in Liberia, Madagascar, Bolivia e Malawi".

Durante tutto il programma Clean Cut, Weiser ha lavorato con il direttore clinico globale di Lifebox Tihitena "Tito" Negussie, un chirurgo pediatrico con sede in Etiopia. 

“Dott. Thomas Weiser è un uomo straordinario, pieno di nuove idee per cambiare il mondo scientifico", ha detto Negussie. “Il suo lavoro nel sistema perioperatorio ha avuto un impatto su molti professionisti, così come sui pazienti a livello globale. L'obiettivo del suo lavoro è affrontare il sistema e il potere umano in modo che il cambiamento sia sostenibile.

Categorie: Diversità, Istruzione, Salute, Notizie che puoi usare