Traduci
Tre persone sedute a parlare
Di Elizabeth Dwyer Sandlin

Nuovo paradigma

Il centro medico regionale UNM Sandoval lancia uno studio di consulenza sull'uso di sostanze peer-to-peer

Dopo quasi un anno e mezzo di sforzi mirati, Il Sandoval Regional Medical Center (SRMC) dell'Università del New Mexico ha ricevuto una borsa di studio per la ricerca del Congresso per sviluppare e implementare un programma di sostegno tra pari che affronti i disturbi da uso di sostanze nelle comunità rurali del New Mexico.

Chiedere aiuto non è sempre facile, anche per qualcosa di standard, come fare commissioni o prendersi cura dei bambini. Considerare gli stigmi sociali che circondano la lotta con il disturbo da uso di sostanze e la ricerca di assistenza può sembrare decisamente insormontabile.

È qui che entrano in gioco i programmi di supporto peer-to-peer. A differenza di una relazione medico-paziente, in cui una persona in genere fornisce raccomandazioni a un'altra sulla base di istruzione e competenza, i servizi di supporto per il recupero tra pari collegano i pazienti con persone che si relazionano attraverso un'esperienza vissuta simile e condivisa linguaggio.

"Le relazioni peer-to-peer offrono ai pazienti l'opportunità di vedere il successo", afferma Annette Crisanti, PhD, vicepresidente per la ricerca e professore di ruolo presso il Dipartimento di Psichiatria e scienze comportamentali dell'UNM. “Vedono qualcuno che può dire: 'Sono stato dove sei tu e sono sopravvissuto.' Fornisce ai pazienti un solido modello di recupero”.

La sovvenzione di 1.5 milioni di dollari diretta dal Congresso dalla Substance Abuse and Mental Health Services Administration è stata sostenuta dal senatore statunitense Ben Ray Lujan, che ha cercato un progetto con tre aree di interesse particolari:

  • Trattamento di supporto tra pari per le persone con disturbi da uso di sostanze
  • Comunità rurali e svantaggiate
  • Fornitura di servizi tramite telemedicina per aumentare l'accesso alle cure nelle comunità rurali/tribali

Con questo in mente, Crisanti, insieme alla leadership di SRMC, ha sviluppato una proposta che ha tenuto conto della carenza di operatori sanitari nelle comunità rurali e dei dati crescenti che dimostrano l'efficacia dei lavoratori di supporto tra pari (PSW) e dei programmi.

"Negli ultimi dieci anni circa, ci sono state così tante ricerche sull'argomento che (supporto tra pari) è stata identificata come una pratica basata sull'evidenza", afferma Crisanti.

Un programma di credenziali offerto attraverso la divisione dei servizi sanitari comportamentali del New Mexico consente alle PSW di ottenere la certificazione che consente loro di fornire supporto per il recupero tra pari.

 

Jamie Silva Steele
È stato dimostrato che i modelli tra pari hanno un impatto e cambiano la traiettoria di una persona... Uno dei nostri obiettivi primari attraverso questo programma sarà quello di coinvolgere nuovi pazienti nel trattamento.
- Jamie Silva Steele, CEO di SRMC

"È stato dimostrato che i modelli peer hanno un impatto e cambiano la traiettoria di una persona", afferma il CEO di SRMC Jamie Silva-Steele. “Alcolisti Anonimi, ad esempio, è un ottimo esempio dell'impatto del supporto peer-to-peer. Uno dei nostri obiettivi primari attraverso questo programma sarà quello di coinvolgere nuovi pazienti nel trattamento”.

L'identificazione dei pazienti con disturbi da uso di sostanze avviene spesso al pronto soccorso (ED) e quando qualcuno vive in una comunità rurale può essere difficile tenerli in linea con un piano di trattamento. Gli sviluppatori del programma sperano di cambiarlo fornendo supporto tra pari tramite telemedicina. La sovvenzione durerà fino a settembre 2023, ma il programma sarà progettato ponendo in primo piano la sostenibilità a lungo termine.

"Questa è la prima volta che assumiamo PSW presso SRMC", afferma Silva-Steele, aggiungendo che la sovvenzione pagherà personale e risorse. “Vogliamo sviluppare un piano di sostenibilità per mantenere in vigore le nostre nuove assunzioni e il processo. Il nostro obiettivo è aiutare le persone a mantenere la rotta sui loro piani di trattamento e possiamo supportarle al meglio mantenendo questo programma in corso”.

Nel prossimo anno, l'obiettivo sarà aumentare la capacità di SRMC di fornire servizi di supporto per il recupero tra pari e di valutare l'intervento, che includerà la raccolta di dati per esaminare l'impatto del programma sugli individui e per determinarne il rapporto costo-efficacia.

Le visite ricorrenti al pronto soccorso creano stress sia per i pazienti che per i fornitori. I programmi di supporto per il recupero tra pari hanno lo scopo di ridurre le visite ricorrenti al pronto soccorso e farlo è una componente della creazione della sostenibilità del programma. Un altro, dice Crisanti, è attraverso Medicaid.

"I servizi di supporto per il recupero tra pari possono in definitiva essere fatturati a Medicaid", afferma. “Stiamo raccogliendo dati lungo il percorso per tenere traccia dei tipi di servizi forniti dai nostri PSW per vedere quali possono essere fatturati. Questi dati e queste fatture sosterranno la sostenibilità al di là dei finanziamenti federali”.

La sovvenzione stanzia anche fondi per risorse nelle comunità rurali e tribali, dove gli ostacoli ai servizi di telemedicina includono, ad esempio, la mancanza di accesso ai computer. È inoltre necessario aumentare la consapevolezza sui programmi e sul supporto disponibili per le persone con disturbi da uso di sostanze, nonché sui trattamenti efficaci.

Una parte significativa della sovvenzione finanzierà i coordinatori del coinvolgimento della comunità, che possono condividere le conoscenze sulle opzioni di trattamento e su come accedervi, e anche predisporre le persone ai servizi di telemedicina dotando le persone e i centri comunitari di laptop in modo che coloro che hanno problemi di connettività siano in grado per accedere al trattamento.

"La mia speranza è che aumentando l'accesso alle pratiche basate sull'evidenza per il trattamento dei disturbi da uso di sostanze miglioreremo davvero il benessere dei nuovi messicani in tutto lo stato, in particolare quelli che sono tipicamente sottoserviti", afferma Crisanti. "Fornendo servizi in un modo culturalmente sensibile e informato sul trauma, aumentiamo la probabilità che più persone non solo si impegnino, ma portino a termine il trattamento".

Categorie: Salute, Notizie che puoi usare, Ricerca, Centro medico regionale di Sandoval, Facoltà di Medicina, Prima pagina