Traduci
Esterno esterno dell'ospedale pediatrico UNM
Di Elisabetta Gibson

Progressi antivirali

Il Dr. Ricardo Castillo guida il team che cura i bambini con epatite C

L'epatite C è la più comune malattia trasmessa dal sangue negli Stati Uniti, secondo il Dipartimento della Salute del New Mexico. Sebbene non sia facile da catturare, può colpire chiunque, compresi i neonati.

Per più della metà delle persone che vengono infettate, il virus dell'epatite C diventa un'infezione cronica a lungo termine che colpisce il fegato. In alcuni casi, l'epatite C cronica può causare problemi di salute gravi, persino pericolosi per la vita, come la cirrosi e il cancro al fegato.

Se una madre è nota per avere l'epatite C, c'è una probabilità del 5% di trasmettere il virus al feto in via di sviluppo. Le possibilità sono basse, ma i professionisti dell'assistenza neonatale consigliano lo screening per tutti i bambini nati da una madre con l'infezione.

Dal 2020, il gastroenterologo pediatrico Ricardo Castillo, MD, guida un team di test e cura dei bambini nati da madri positive per l'epatite C.

 

Ricardo Castillo, MD
Abbiamo curato 30 bambini negli ultimi due anni. In termini di braccio di trattamento di questo programma, stiamo andando molto bene. Si sta espandendo e il nostro prossimo passo è andare oltre UNM.
- Ricardo Castillo, MD

"Negli ultimi due anni abbiamo curato 30 bambini", ha detto Castillo, che esercita presso l'ospedale pediatrico dell'Università del New Mexico. “In termini di braccio di trattamento di questo programma, stiamo andando molto bene. Si sta espandendo e il nostro prossimo passo è andare oltre UNM”.

Per anni, le opzioni di trattamento sono state limitate per i bambini con epatite C perché i farmaci terapeutici non erano disponibili per i minori di 18 anni. Cioè, ha detto Castillo, fino a quando la Food and Drug Administration (FDA) statunitense non ha iniziato ad approvare il trattamento per sempre più giovani bambini.

"Attualmente, la FDA ci consente di trattare bambini di appena tre anni", ha affermato. "Questo è stato un grande progresso."

Poiché la finestra tra test e trattamento è molto più breve rispetto a pochi anni fa, il programma sta trattenendo sempre più bambini per le cure di follow-up.

Inoltre, ha detto, il trattamento antivirale stesso è avanzato in modo significativo.

"Una volta il trattamento avrebbe avuto molte complicazioni", ha detto. “Ma ora il trattamento è di una pillola al giorno per 12 settimane e non ci sono praticamente effetti collaterali. Se prendono la pillola in conformità, allora le probabilità sono praticamente del 100% che guariranno dall'epatite C".

Poiché maggio è designato come mese di sensibilizzazione sull'epatite negli Stati Uniti, gli operatori sanitari stanno incoraggiando le persone a sottoporsi a test, essere consapevoli dei fattori di rischio noti e ridurre lo stigma sociale attorno al virus.

L'epatite C è spesso ingiustamente stigmatizzata perché è una malattia a volte associata all'uso illecito di droghe. Quello stigma, ha detto Castillo, può spesso fungere da barriera per qualcuno che cerchi test o cure.

"Spesso, quando la madre entra, prova molto rimorso e ci sono lacrime coinvolte, quindi le siamo molto solidali e grati per aver portato il bambino", ha detto.

Per molti anni, la maggior parte dei medici si è concentrata solo sui test su quelli a più alto rischio per la malattia, compresi i tossicodipendenti per via endovenosa, il che significa che molti casi non sono stati diagnosticati. Ma le politiche sono cambiate, ha detto Castillo.

"All'UNM, ogni madre incinta viene controllata per l'epatite C e quindi, se i risultati sono positivi, possiamo inserire il bambino nella nostra lista di follow-up", ha detto. “Lo screening è il principale passo successivo in termini di come affrontare questa malattia nei bambini. Penso che abbiamo fatto un passo avanti, almeno per la città di Albuquerque".

Categorie: Ospedale Pediatrico, Salute, Notizie che puoi usare, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina