Traduci
Un medico che tiene il braccio di un paziente
Di MW Sequeira

Cancro alla vescica esplosivo

Due studi clinici presso l'UNM Cancer Center aiutano i nuovi messicani a mantenere la vescica e a combattere il cancro

Il cancro alla vescica colpisce quasi 84,000 persone negli Stati Uniti ogni anno, rendendolo il sesto cancro più comune. La maggior parte delle persone sopravvive, ma sfortunatamente molti perdono la vescica.

Neda Hashemi, MD, e il suo team presso l'Università del New Mexico Comprehensive Cancer Center stanno ora offrendo diversi studi clinici, incluso uno che darà alle persone con cancro alla vescica la possibilità di combattere la loro malattia e mantenere la loro vescica.

Hashemi, un assistente professore e oncologo medico specializzato nel trattamento dei tumori della prostata, della vescica, dei testicoli e dei reni, guida il team UNM Cancer Center Genitourinary Cancers.

"In questo momento, per i pazienti che hanno un cancro alla vescica invasivo che non è metastatico, il trattamento preferito è la chemioterapia seguita dalla rimozione della vescica", afferma.

Per coloro i cui linfonodi mostrano segni che il cancro alla vescica ha iniziato a diffondersi, decidere il miglior trattamento è più difficile perché la rimozione della vescica non è altrettanto probabile che li curi, dice Hashemi. Per quelle persone, dice, la chemio-radiazioni può essere considerata per ridurre le dimensioni e la diffusione del tumore.

Quindi alcune persone i cui linfonodi sono colpiti e quelle che non possono sottoporsi a un intervento chirurgico per altri motivi vengono trattate con chemio-radiazioni, che non hanno un tasso di guarigione così alto come la rimozione della vescica. Provoca anche la formazione di cicatrici sulla vescica, rendendo difficile il futuro intervento chirurgico di rimozione della vescica.

In un nuovo studio clinico sponsorizzato dal National Cancer Institute, Hashemi e il suo team offrono alle persone che hanno un cancro alla vescica localizzato che si è diffuso ai linfonodi la possibilità di mantenere la vescica.

I partecipanti allo studio riceveranno prima la chemioterapia, che è il trattamento standard. Successivamente, verranno sottoposti a chemio-radiazioni con o senza terapia immunitaria e osservati da vicino. Tutti i farmaci sono stati approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

"Riteniamo che l'immunoterapia abbia effetti sinergici con le radiazioni nei pazienti che hanno un cancro alla vescica del nodo regionale", afferma Hashemi.

Le persone nella sperimentazione clinica il cui cancro non risponde alla combinazione chemio-radiazioni-immunoterapia possono quindi sottoporsi a un intervento chirurgico per rimuovere le loro vesciche prima che le cicatrici abbiano la possibilità di svilupparsi, dice.

Un secondo studio clinico aiuterà le persone a cui è stato appena diagnosticato un cancro alla vescica metastatico. Darà alle persone un farmaco approvato dalla FDA o il farmaco più una terapia immunitaria approvata dalla FDA.

Il farmaco approvato dalla FDA, enfortumab vedotin, è usato da solo come terza opzione di trattamento per il cancro alla vescica e ha dimostrato di avere un effetto nella metà delle persone trattate. Ma in uno studio clinico di fase 2 in cui enfotumab vodotin è stato associato a pembrolizumab, una terapia immunitaria approvata dalla FDA per il cancro alla vescica, i due farmaci insieme hanno mostrato un effetto fino al 70% delle persone. Hashemi dice che è un ottimo tasso di risposta per il cancro alla vescica.

Il nuovo studio clinico testerà combinazioni di enfortumab vedotin con e senza pembrolizumab e altri farmaci per vedere se la terapia immunitaria può aiutare ancora più persone.

Le persone devono soddisfare determinati criteri per partecipare agli studi clinici, afferma Hashemi, ma gli studi offrono loro più opzioni durante il trattamento.

"Se sono un paziente", dice Hashemi, "vorrei sapere che il trattamento che sto ricevendo è il trattamento personalizzato per me, in base alla mia risposta al cancro".

 

Sulle sperimentazioni cliniche

"Uno studio di chemioterapia e radioterapia rispetto a chemioterapia e radioterapia Plus MEDI4736 (Durvalumab) Immunoterapia per il cancro alla vescica che si è diffuso ai linfonodi (studio INSPIRE)" è ora aperto presso l'UNM Comprehensive Cancer Center. Maggiori informazioni su questo studio clinico (NCT04216290).

"A Study of Enfortumab Vedotin Alone or With Other Therapies for Treatment of Urothelial Cancer (EV-103)" è ora aperto presso l'UNM Comprehensive Cancer Center. Maggiori informazioni su questo studio clinico (NCT03288545).

UNM Centro completo per il cancro

L'University of New Mexico Comprehensive Cancer Center è il Cancer Center ufficiale del New Mexico e l'unico Cancer Center designato dal National Cancer Institute in un raggio di 500 miglia.

I suoi 146 medici specializzati in oncologia certificati dal consiglio includono chirurghi oncologici in ogni specialità (addominali, toracici, ossei e dei tessuti molli, neurochirurgia, genitourinario, ginecologia e tumori della testa e del collo), ematologi/oncologi medici adulti e pediatrici, oncologi ginecologici e radioterapisti oncologi. Insieme a oltre 600 altri professionisti sanitari oncologici (infermieri, farmacisti, nutrizionisti, navigatori, psicologi e assistenti sociali), forniscono cure al 65% dei malati di cancro del New Mexico in tutto lo stato e collaborano con i sistemi sanitari della comunità in tutto lo stato per fornire cura del cancro più vicino a casa. Hanno curato circa 13,000 pazienti in oltre 100,000 visite cliniche ambulatoriali oltre ai ricoveri ospedalieri presso l'UNM Hospital.

Un totale di quasi 1300 pazienti hanno partecipato a studi clinici sul cancro, il 40% dei quali ha partecipato a studi clinici testando nuovi trattamenti contro il cancro che includono test di nuove strategie di prevenzione del cancro e sequenziamento del genoma del cancro.

Gli oltre 100 ricercatori sul cancro affiliati all'UNMCCC hanno ricevuto 36.2 milioni di dollari in sovvenzioni federali e private e contratti per progetti di ricerca sul cancro. Dal 2015 hanno pubblicato quasi 1000 manoscritti e, promuovendo lo sviluppo economico, hanno depositato 136 nuovi brevetti e lanciato 10 nuove start-up di biotecnologie.

Infine, i medici, gli scienziati e il personale hanno fornito esperienze di istruzione e formazione a più di 500 studenti delle scuole superiori, universitari, laureati e post-dottorato nella ricerca sul cancro e nell'assistenza sanitaria sul cancro.

Categorie: Centro oncologico completo, Salute, Research, Prima pagina