Traduci
La miniatura è un topo che viene rilasciato da uno stendardo trappola è un'attrezzatura di ricerca
di Michael Haederle

Rivalutazione del rischio

I ricercatori dell'UNM scoprono che altre specie di roditori possono essere portatrici di un mortale Hantavirus, ma potrebbe esserci speranza per una cura

Ogni primavera, quando i roditori emergono dalle loro tane, I residenti di Four Corners che puliscono capannoni di stoccaggio o cataste di legna sanno di essere alla ricerca di piccoli topi cervo, che possono trasportare il mortale Sin Nombre hantavirus.

Steven Bradfute, PhD, professore associato in Centro per la salute globale dell'Università del New Mexico e Dipartimento di Medicina Interna, ed esperto di virologia, immunologia e microbiologia, ha passato anni a svelare i segreti del virus, che uccide quasi il 40% di coloro che vengono infettati.

In una ricerca pubblicata di recente, Bradfute e i suoi colleghi hanno sviluppato nuovi metodi di sequenziamento genico per confermare la presenza di hantavirus, hanno scoperto che il virus può essere trasportato anche da altre specie di roditori, inclusi topi domestici, topi spazzola, topi piedi bianchi, topi piñon e scoiattoli e persino identificato una potenziale terapia per una malattia che, fino ad ora, non ha avuto cura.

"Abbiamo molte cose interessanti in corso", dice Bradfute.

Più di 20 tipi di hantavirus trasmessi da roditori sono stati identificati in tutto il mondo. I ceppi del virus del Vecchio Mondo causano febbre emorragica e malattie renali, mentre le varietà del Nuovo Mondo portano a gravi sintomi cardiopolmonari, afferma Bradfute.

Nel caso del virus Sin Nombre, identificato per la prima volta a seguito di un focolaio nel sud-ovest nel 1993, il trattamento principale di una malattia grave consiste nel mettere un paziente in bypass cuore-polmone utilizzando l'ossigenazione extracorporea della membrana (ECMO) per aiutarlo a sopravvivere all'infezione.

In un articolo pubblicato di recente sulla rivista I virus, Bradfute e colleghi del suo laboratorio e dell'UNM Museum of Southwest Biology hanno riferito di aver sviluppato uno strumento che utilizza la tecnologia di reazione a catena della polimerasi quantitativa in tempo reale a trascrizione inversa per schermare rapidamente il tessuto dei roditori catturati in natura per la presenza di hantavirus.

"Abbiamo una serie di test che prendono di mira qualsiasi hantavirus", afferma Bradfute. Nel sud-ovest, il nuovo strumento consentirà agli scienziati di determinare rapidamente se la malattia è trasmessa da specie diverse dai topi cervi, fino ad ora l'unica specie nota per trasmettere il virus Sin Nombre all'uomo.

Prove preliminari mostrano che più specie portano il virus, oltre ai topi cervo. In un articolo pubblicato lo scorso autunno nel Journal of Virology, Bradfute e colleghi, tra cui lo studente di dottorato Sam Goodfellow e i ricercatori Robert Nofchissey e Chunyan Ye nel laboratorio Bradfute, hanno riferito del caso di un allevatore di 57 anni nel nord del New Mexico che si era ammalato di hantavirus.

Gli investigatori hanno intrappolato diversi roditori a casa dell'uomo e in un altro sito a circa 15 miglia di distanza. "Li abbiamo testati tutti per la presenza dei geni del virus Sin Nombre", afferma Bradfute. I geni del virus, trovati nel tessuto polmonare, erano presenti in diverse specie di roditori oltre ai topi cervi, il che significa che è più onnipresente nell'ambiente di quanto si credesse in precedenza.

Una teoria è che questo potrebbe essere il risultato di uno "spillover", in cui una specie di roditore viene infettata entrando in contatto con un'altra, dice Bradfute.

 

Steven Bradfute, PhD
Vediamo [hantavirus] abbastanza frequentemente nei roditori che non sono topi cervi. Possono trasmettere anche il virus? Questo è l'argomento di studio attivo nel nostro laboratorio
- Steven Bradfute, Dottorato

"Lo vediamo abbastanza frequentemente nei roditori che non sono topi cervi", dice. “Possono trasmettere anche il virus? Questo è l'argomento di studio attivo nel nostro laboratorio".

E mentre i precedenti casi di hantavirus si sono concentrati nella regione di Four Corners, Bradfute dice che sembra che anche i roditori in altre parti del New Mexico portino il ceppo Sin Nombre. "Perché la maggior parte delle infezioni si trova nell'angolo nord-ovest dello stato?" lui chiede. "Stiamo lavorando su un paio di documenti ora per rispondere a questa domanda".

Bradfute osserva che anche se le popolazioni di roditori portatrici dell'hantavirus sono più diffuse di quanto si credesse in precedenza, “Il tasso di infezione per Sin Nombre è ancora molto, molto basso. O il virus non si trasmette bene, o ci sono alcune variazioni per trasmetterlo agli esseri umani”.

In un altro nuovo articolo pubblicato in Science Translational Medicine, Bradfute si è unito a un consorzio internazionale di ricercatori guidato da Kartik Chandran, PhD, professore di microbiologia e immunologia all'Albert Einstein College of Medicine, che ha identificato un anticorpo monoclonale che sembra fornire un'ampia protezione contro i ceppi di hantavirus sia del Vecchio che del Nuovo Mondo.

Gli anticorpi sono stati originariamente isolati da pazienti svedesi che erano stati esposti a un hantavirus del Vecchio Mondo, ha detto. Gli studi in laboratorio hanno suggerito che gli anticorpi erano protettivi contro le forme del virus sia del Vecchio che del Nuovo Mondo.

"È abbastanza sorprendente", dice Bradfute. “I due gruppi di virus causano un diverso tipo di malattia e utilizzano recettori diversi per entrare nelle cellule. Avere un anticorpo che funziona con entrambi è piuttosto sorprendente”.

È probabile che tradurre la nuova scoperta in trattamenti e vaccini per proteggere dall'infezione da hantavirus sia una via d'uscita. Nel frattempo, le persone possono prendere una pagina dalla pandemia di COVID-19 per ridurre il rischio di essere infettati.

"La maschera N95 è quello che vuoi indossare", dice Bradfute. "Un N95 adeguatamente montato offre molta protezione contro l'hantavirus."

Categorie: Salute, Notizie che puoi usare, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina